Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Cheratite da herpes simplex

(Cheratocongiuntivite da herpes simplex)

Di

Melvin I. Roat

, MD, FACS, Sidney Kimmel Medical College at Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa ott 2018| Ultima modifica dei contenuti ott 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La cheratite da herpes simplex è un’infezione oculare che interessa la cornea (la membrana trasparente davanti all’iride e alla pupilla) ed è causata dal virus dell’herpes simplex.

  • Dolore oculare, lacrimazione, arrossamento, sensazione di corpo estraneo nell’occhio e sensibilità alla luce intensa sono sintomi comuni.

  • La diagnosi di cheratite da herpes simplex si basa su un esame della cornea e, talvolta, su un tampone oculare, per identificare il virus.

  • Trattamento con farmaci antivirali.

Struttura interna dell’occhio

Struttura interna dell’occhio

Il virus herpes simplex (che causa la cosiddetta febbre di notte) non abbandona mai l’organismo dopo un’infezione iniziale (primitiva), ma resta allo stadio dormiente (inattivo) nei nervi. Talvolta, il virus si riattiva e causa una recidiva e ulteriori sintomi.

Le infezioni oculari da herpes simplex primitiva si manifestano generalmente nei bambini e causano una lieve cheratocongiuntivite, un’infiammazione della cornea e della congiuntiva (la membrana che riveste l’interno della palpebra e ricopre il bianco dell’occhio).

L’infezione primitiva si risolve spontaneamente. Tuttavia, se si riattiva, può interessare la cornea in modo più grave e provocare perdita temporanea o permanente della vista.

Sintomi

I sintomi delle infezioni oculari da herpes simplex primitive di solito assomigliano a quelli della congiuntivite comune, impedendo quindi la diagnosi di infezione da herpes simplex.

I sintomi di una riattivazione comprendono lacrimazione, arrossamento, sensazione di corpo estraneo nell’occhio e sensibilità alla luce intensa. Raramente, l’infezione peggiora e la cornea diventa edematosa, causando un annebbiamento della vista. Più spesso ricorre l’infezione, più probabile è il danno della superficie corneale. Numerose recidive possono portare alla formazione di ulcere profonde, cicatrici permanenti, neovascolarizzazione della cornea e intorpidimento della superficie oculare.

Con varie recidive, il virus herpes simplex può causare un’importante danno visivo, che può essere permanente.

Diagnosi

  • Esame oculare

  • A volte coltura o altri esami di laboratorio

Per diagnosticare un’infezione da herpes simplex, il medico esamina l’occhio con una lampada a fessura (uno strumento che permette di esaminare l’occhio con un alto grado di ingrandimento), Durante l’esame, il medico può utilizzare gocce oculari contenenti un colorante giallo-verde chiamato fluoresceina, che colora temporaneamente di un verde brillante le aree danneggiate della cornea, consentendo al medico di vedere tali aree altrimenti non visibili.

Talvolta, può eseguire un prelievo dall’area infetta per ricercare il virus (ricerca colturale per virus).

Trattamento

  • Collirio antivirale

  • Farmaci antivirali per via orale o endovenosa

  • Collirio cortisonico e collirio per dilatare la pupilla

  • A volte asportazione delle cellule oculari infette e danneggiate

Il trattamento della cheratite da herpes simplex deve essere iniziato il prima possibile.

Il medico può prescrivere un collirio antivirale come trifluridina o ganciclovir, un gel per gli occhi.

L’aciclovir, un altro farmaco antivirale, può essere assunto per bocca o per via endovenosa. Il farmaco antivirale valaciclovir può essere assunto per bocca.

Per le infezioni profonde che causano infiammazione importante può essere necessario l’uso di colliri cortisonici e gocce che dilatano la pupilla, come ciclopentolato, atropina o scopolamina.

Occasionalmente, per aiutare a velocizzare la guarigione, l’oftalmologo (un medico specializzato nella valutazione e nel trattamento, chirurgico e non, dei disturbi oculari) strofina delicatamente la cornea con un applicatore con punta di cotone per rimuovere le cellule danneggiate e infette.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Impianto oculare
Video
Impianto oculare
Quando la vista è normale, la luce passa attraverso la cornea, la copertura trasparente dell’occhio...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Glaucoma
Modello 3D
Glaucoma

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE