Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Additivi e contaminanti alimentari

Di

Adrienne Youdim

, MD, David Geffen School of Medicine at UCLA

Ultima revisione/verifica completa ago 2019| Ultima modifica dei contenuti ago 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Spesso, nei cibi provenienti da coltivazioni commerciali, nei cibi pronti o in quelli confezionati sono presenti additivi e contaminanti. Anche le coltivazioni non commerciali possono inquinarsi a causa di pesticidi o dell’inquinamento.

Additivi

Spesso, sostanze quali conservanti, emulsionanti, antiossidanti e stabilizzanti sono aggiunte a un alimento in quanto:

  • ne agevolano l’elaborazione

  • lo conservano più a lungo e riducono lo spreco

  • impediscono la contaminazione da parte di microrganismi e, quindi, prevengono i disturbi di origine alimentare

  • migliorano il sapore, aggiungono colore o migliorano l’aroma, rendendo l’alimento più appetitoso

Negli alimenti confezionati, la quantità di additivi che può essere inserita è limitata a quella considerata sicura in base agli esami di laboratorio. Tuttavia, è spesso difficile valutare i benefici degli additivi rispetto ai loro rischi. Ad esempio, il nitrito, usato nelle carni stagionate, non solo migliora il sapore, ma impedisce anche la crescita dei batteri che causano il botulismo. Tuttavia, il nitrito si trasforma in nitrosammine, una sostanza cancerogena negli animali. D’altra parte, la quantità di nitriti aggiunti alle carni stagionate è limitata rispetto alla quantità di nitrati che si trovano naturalmente negli alimenti e che vengono trasformati in nitrito dalle ghiandole salivari.

Raramente, alcuni additivi (come i solfiti) causano reazioni allergiche. I solfiti, presenti naturalmente nei vini, vengono aggiunti ad alimenti quali la frutta secca e le patate essiccate come conservante.

Contaminanti

Gli alimenti possono essere contaminati dall’inquinamento di aria, acqua e suolo, ad esempio, a causa di metalli pesanti (quali piombo, cadmio e mercurio) o PCB (policlorobifenili). Una volta i PCB venivano usati come refrigeranti e in molti altri prodotti, oggi sono diffusi nell’aria, nel suolo e nell’acqua.

Gli alimenti possono essere contaminati da pesticidi o materiali da imballaggio oppure durante la cottura o la trasformazione. Inoltre, le cosiddette sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino presenti nell’ambiente (come alcuni insetticidi, prodotti petrolchimici e solventi industriali) possono influire sul sistema endocrino e alterare i livelli ormonali, alterando gli organi sessuali, la funzione immunitaria, la funzionalità del sistema nervoso, la crescita e lo sviluppo e causando alcuni tipi di tumore.

Gli alimenti possono essere anche contaminati dai farmaci (quali antibiotici e ormone della crescita) somministrati agli animali.

Quantità limitate di contaminanti talvolta sono consentite negli alimenti in quanto non è possibile eliminarli completamente senza danneggiare gli alimenti stessi. I contaminanti comuni comprendono

  • Pesticidi

  • Metalli pesanti

  • Nitrati (negli ortaggi a foglia verde)

  • Aflatossine, prodotte dalle muffe (nelle noci e nel latte)

  • Ormoni che stimolano la crescita (nei latticini e nella carne)

I livelli che non hanno causato malattie o altri problemi nelle persone sono considerati sicuri, tuttavia è molto difficile stabilire se una piccola quantità di contaminante abbia causato un problema. Pertanto, i livelli considerati sicuri sono spesso determinati mediante consenso generale piuttosto che da evidenze comprovate. Non è chiaro se il consumo di una piccola quantità di alcuni contaminanti sul lungo periodo possa causare problemi, ma è improbabile che quantità molto piccole siano nocive;

Gli alimenti possono contenere peli e feci di animali, e parti di insetti in quantità talmente piccole da renderne impossibile l’eliminazione.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Alimentazione per via endovenosa
La nutrizione parenterale totale (NPT) è la somministrazione dell’intero fabbisogno nutrizionale di una persona attraverso una vena. Quale delle seguenti è la sede comune di questa vena?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE