Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Lussazioni dell'anca

Di

Danielle Campagne

, MD, University of San Francisco - Fresno

Ultima modifica dei contenuti lug 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La maggior parte delle lussazioni dell'anca è posteriore ed è il risultato di una forza importante diretta posteriormente verso il ginocchio mentre il ginocchio e l'anca sono flessi (p. es., trauma contro il cruscotto dell'automobile).

Le complicanze possono comprendere

  • La lesione del nervo sciatico

  • L'osteonecrosi ritardata della testa femorale

Le lesioni associate comprendono

In pazienti con lussazioni posteriori, la gamba viene accorciata, addotta ed intraruotata. Le lussazioni anteriori sono rare e portano la gamba a essere abdotta e extraruotata.

Diagnosi

  • RX

Le proiezioni radiografiche standard sono in genere diagnostiche.

Trattamento

  • Riduzione chiusa

Il trattamento delle lussazioni dell'anca consiste nella riduzione a cielo chiuso il prima possibile, preferibilmente in ≤ 6 h; un ritardo aumenta il rischio di osteonecrosi (1).

L'anca può essere ridotta utilizzando una delle seguenti tecniche:

  • Tecnica di Allis

  • Tecnica del Capitano Morgan

  • Tecnica del lanciarazzi

Quando viene utilizzata una di queste tecniche, il paziente richiede una sedazione ed un rilassamento muscolare ed è posto in posizione supina.

Per la tecnica di Allis, l'anca è leggermente flessa a 90°, ed è applicata una trazione verticale al femore; questa manovra può essere più semplice e più sicura quando il paziente viene temporaneamente collocato su un piano rigido di sostegno che è posto a terra. Una cinghia o un supporto vengono utilizzati per mantenere i fianchi del paziente (fornendo contropressione alla trazione verticale del femore).

Per la tecnica del Capitano Morgan, le anche del paziente sono premute da un telo o una cintura, e l'anca lussata è flessa. Gli operatori poi mettono il loro ginocchio sotto il ginocchio del paziente e lo sollevano mentre applicano una trazione verticale al femore. La tecnica del Capitano Morgan può avere un tasso di successo della prima volta migliore rispetto alla tecnica di Allis (2).

Tecnica del capitano Morgan

Tecnica del capitano Morgan

Per la tecnica del lanciarazzi (3), l'operatore si trova sul lato dell'anca interessata e di fronte ai piedi del paziente. L'anca e il ginocchio lussati sono flessi a 90°. Le anche del paziente vengono tenute giù da un lenzuolo o da un secondo operatore (per fornire una controtrazione al bacino). Il medico si accovaccia e il ginocchio del paziente viene posto sulla spalla del medico; il medico tiene essenzialmente la gamba come un lanciarazzi. L'anca del paziente viene addotta premendo in avanti sul ginocchio e ruotata internamente girando il piede verso l'esterno; il professionista quindi applica delicatamente una trazione al femore mettendosi in piedi dalla posizione accovacciata e tirando verso il basso il piede del paziente, usando la spalla del professionista come fulcro.

Dopo la riduzione, la TC è necessaria per identificare le fratture dell'acetabolo e della testa del femore e detriti intra-articolari o corpi liberi (frammenti di osso o cartilagine). Se si riscontrano fratture o corpi mobili, si deve consultare un ortopedico per un possibile intervento chirurgico. Se la TC non mostra fratture o corpi liberi, i pazienti vengono mandati a casa con le stampelle e vengono informati che il loro piede può toccare il pavimento (p. es., per mantenere l'equilibrio) ma non devono caricare il peso su di esso (cuscinetto per piede), almeno fino a quando non avranno il permesso di farlo al termine del follow up ortopedico.

Riferimenti relativi al trattamento

  • 1. Kellam P, Ostrum RF: Systematic review and meta-analysis of avascular necrosis and post-traumatic arthritis after traumatic hip dislocation. J Orthop Trauma 30 (1):10–16, 2016. doi: 10.1097/BOT.0000000000000419.

  • 2. Hendey GW, Avila A: The Captain Morgan technique for the reduction of the dislocated hip. Ann Emerg Med 58 (6):536–540, 2011. doi: 10.1016/j.annemergmed.2011.07.010.

  • 3. Dan M, Phillips A, Simonian M, et al: Rocket launcher: A novel reduction technique for posterior hip dislocations and review of current literature. Emerg Med Australas 27 (3):192–195, 2015. doi: 10.1111/1742-6723.12392.

Punti chiave

  • La maggior parte delle lussazioni dell'anca è posteriore, provocando l'accorciamento della gamba, l'adduzione e la rotazione interna.

  • Diagnosticare mediante RX di routine.

  • Ridurre il prima possibile, preferibilmente in ≤ 6 h, utilizzando una delle diverse tecniche; un ritardo aumenta il rischio di osteonecrosi.

  • Dopo la riduzione, eseguire una TC per verificare la presenza di fratture e detriti intra-articolari o frammenti di ossa mobili.

Lussazione della protesi dell'anca

Dopo la sostituzione totale dell'anca, la protesi si lussa senza trauma fino al 2% dei pazienti. Le lussazioni posteriori sono le più frequenti.

Una riduzione chiusa è spesso un successo, in particolare per le lussazioni che si verificano prima volta, ma a volte è necessaria la chirurgia di revisione dell'anca.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Test di Thompson anomalo unilaterale
Video
Test di Thompson anomalo unilaterale
Modelli 3D
Vedi Tutto
Tessuto fibroconnettivale del ginocchio destro
Modello 3D
Tessuto fibroconnettivale del ginocchio destro

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE