Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Fratture dell'estremità delle dita

Di

Danielle Campagne

, MD, University of San Francisco - Fresno

Ultima modifica dei contenuti lug 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Le fratture della punta delle dita (ciuffo) si verificano nella falange distale. Il meccanismo di lesione usuale è un trauma da schiacciamento (p. es., in uno stipite della porta)

Le fratture della punta delle dita sono frequenti. Si va da fratture trasversali semplici a fratture complesse comminute della punta della falange distale (una superficie piana, la vasta area pianeggiante sulla punta delle falangi distali). Esse sono spesso associate a una lacerazione del letto ungueale, anche se l'unghia stessa è di frequente intatta.

Sintomatologia

Il polpastrello è gonfio e dolorante. Una frattura con una significativa lesione dei tessuti molli può causare iperestesia, che persiste spesso molto tempo dopo la guarigione della frattura.

Normalmente, il sangue viene intrappolato tra la lamina ungueale e il letto ungueale (ematoma subungueale), provocando una colorazione nera bluastra sotto tutta o parte dell'unghia, che può essere elevata. L'ematoma subungueale comunemente si verifica quando il letto ungueale è lacerato.

L'interruzione contrassegnata del letto ungueale può causare una deformazione permanente dell'unghia.

Diagnosi

  • RX

La diagnosi di frattura della punta delle dita si basa sulle radiografie, che includono la proiezione antero-posteriore, obliqua, e laterale. Per una proiezione laterale, il dito lesionato è separato dalle altre dita.

Trattamento

  • Un bendaggio di protezione (p. es., una stecca al dito) per 2 settimane

  • Per un ematoma subungueale abbondante o doloroso, trapanazione dell'unghia

La maggior parte delle fratture della falange ungueale delle dita viene trattata sintomaticamente con un tutore protettivo del dito (p. es., in commercio sono presenti stecche in alluminio o della schiuma rigida sintetica) avvolto intorno al polpastrello, spesso per un periodo di circa 2 settimane. Raramente, le fratture sono scomposte abbastanza da richiedere un intervento chirurgico.

L'iperestesia persistente può risolversi quando viene trattata con una terapia di desensibilizzazione.

Gli ematomi subungueali possono essere drenati, alleviando il dolore, attraverso la puntura dell'unghia (trapanazione), usualmente con dispositivo elettrocauterico (a meno che non sia presente smalto) o con un ago da 18 con un movimento rotatorio di perforazione; con entrambi i metodi, l'opposizione sottostante deve interrompersi non appena si vince la resistenza (indicante la perforazione dell'unghia). Se la trapanazione viene effettuata con delicatezza e rapidità, l'anestesia spesso non è necessaria. Altrimenti, può essere utilizzato un blocco nervoso digitale (iniezione di un anestetico locale nella base del dito).

Lesioni del letto ungueale

Il letto ungueale deve essere riparato con suture (necessaria la rimozione dell'unghia), se il letto ungueale è significativamente lesionato, fino a quando la ferita non è infetta e vecchia di < 24 h. La riparazione non è necessaria se la lacerazione è piccola ed è trattenuta da pieghe ungueali intatti.

In precedenza, la rimozione dell'unghia era raccomandata di routine in pazienti con un dito schiacciato (con o senza frattura sottostante) per valutare il grado di lesioni del letto ungueale e determinare se la riparazione fosse da eseguire. Tuttavia, l'unghia non deve essere rimossa se non vi è alcun pregiudizio significativo o deformità dell'unghia stessa. In tali casi, il letto ungueale lesionato, se presente, è probabile che guarisca bene da solo quando viene applicata una stecca; la trapanazione viene eseguita come necessità di alleviare il dolore causato da un ematoma subungueale.

Se l'unghia sembra gravemente lesionata o deformata, l'unghia deve essere rimossa, e il letto ungueale riparato con sottili, suture riassorbibili (p. es., 6-0 o 7-0 Poliglactin). Poi la punta del dito è avvolta con garze grasse (p. es., garza xeroform); la ferita deve essere controllata entro 24 h per assicurarsi che il letto ungueale non aderisce dolorosamente alla medicazione. L'evidenza suggerisce che, anche se il danno è tecnicamente una frattura esposta, gli antibiotici non sono necessari dopo la riparazione del letto ungueale nei pazienti con una frattura dell'estremo distale della falange ungueale.

Punti chiave

  • Quando una falange ungueale è fratturata, il letto ungueale è spesso lacerato, causando un ematoma subungueale, anche con unghia integra.

  • Eseguire radiografie in proiezione antero-posteriore, obliqua e laterale; per la proiezione laterale, separare il dito interessato dagli altri.

  • Per la maggior parte delle fratture della falange ungueale, avvolgere il polpastrello con un tutore protettivo; spesso va mantenuto per 2 settimane.

  • Trattare gli ematomi subungueali perforando l'unghia e drenando il sangue.

  • Correggere le lacerazioni significative nel letto ungueale con punti di sutura; se l'unghia appare gravemente lesionata o deformata, rimuovere l'unghia prima di ripararla, quindi avvolgere il polpastrello con una medicazione non aderente.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire una toracostomia con ago
Video
Come eseguire una toracostomia con ago
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema muscolo-scheletrico completo
Modello 3D
Sistema muscolo-scheletrico completo

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE