Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Fratture del calcagno

Di

Danielle Campagne

, MD, University of San Francisco - Fresno

Ultima modifica dei contenuti lug 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Le fratture del calcagno (osso del tallone) spesso derivano da una grande forza. La diagnosi viene fatta mediante le radiografie e, se necessario, la TC. Il trattamento richiede la consulenza ortopedica e comprende gesso e talvolta un intervento chirurgico.

Le fratture del calcagno sono lesioni gravi ma non comuni; esse rappresentano solo l'1 e il 2% di tutte le fratture. Tuttavia, se non diagnosticate e trattate tempestivamente, possono provocare disabilità a lungo termine. Fino al 10% di queste fratture è misconosciuto alla visita iniziale in un pronto soccorso.

Tipicamente, queste fratture sono legate a un trauma ad alta energia al piede (p. es., una caduta dall'alto sui talloni). Poiché queste fratture sono provocate da una grande forza traumatica, esse sono spesso accompagnate da altre gravi lesioni; il 10% dei pazienti con una frattura calcaneare ha una frattura da compressione toraco-lombare.

Fratture da stress possono verificarsi anche nel calcagno, soprattutto negli atleti, come i maratoneti.

Le fratture calcaneari possono essere intra-articolari.

Sintomatologia

Di solito, l'area intorno al tallone e il retropiede è dolente e molto gonfia. I pazienti non possono mettere il peso sui loro piedi.

La sindrome compartimentale acuta si verifica in fino al 10% dei pazienti.

Diagnosi

  • RX

  • Talvolta TC

Se si sospetta una frattura calcaneare, devono essere eseguiti esami radiografici che includono proiezioni assiali e laterali.

La TC viene eseguita se

  • Le radiografie sono negative ma i risultati clinici fanno supporre una frattura del calcagno.

  • L'angolo di Bohler è < 20°.

  • Sono necessari maggiori dettagli riguardanti la frattura.

L'angolo di Bohler è determinato dalle radiografie in proiezione laterale. Questo angolo è formato dall'intersezione di una linea tracciata dall'apice superiore della tuberosità posteriore calcaneare alla superficie sottoastragalica articolare superiore e da una linea tracciata dalla superficie sottoastragalica articolare superiore al limite superiore del processo calcaneare anteriore. Normalmente, l'angolo è di 20-40°. Un angolo di < 20° indica una frattura.

Consigli ed errori da evitare

  • Se i pazienti hanno la regione calcaneare gonfia e dolente dopo un trauma ad alta energia al calcagno, controllare l'angolo di Bohler nelle radiografie, e verificare la presenza di frattura da compressione toracolombare e della sindrome compartimentale.

I medici devono verificare anche la presenza di altre lesioni, come le fratture da compressione toracolombare e della sindrome compartimentale.

Trattamento

  • Consulenza ortopedica

  • Confezionamento di un gesso o eventualmente un intervento chirurgico, a seconda del tipo di frattura

La consulenza ortopedica è necessaria.

Molto si dibatte se le fratture del calcagno intra-articolari devono essere trattati chirurgicamente o non chirurgicamente.

Le fratture extra-articolari del calcagno sono trattate in modo sintomatico con protezione, riposo (evitando di caricare), una fasciatura compressiva (che prevede anche la protezione), ghiaccio ed elevazione (PRICE). Quando si risolve l'edema, viene applicato un gesso.

Punti chiave

  • Se non vengono diagnosticate le fratture di calcagno e non vengono trattate tempestivamente, possono portare a lungo termine a disabilità.

  • Poiché queste fratture derivano solitamente da un trauma assiale al piede ad alta energia, sono anche spesso presenti altre lesioni (p. es., la frattura da compressione toracolombare); altre complicanze includono la sindrome compartimentale (fino al 10%).

  • La diagnosi è basata sulle radiografie e, se è necessario, sulla TC.

  • È controverso se le fratture del calcagno intra-articolari debbano essere trattate chirurgicamente o non chirurgicamente.

  • Quando si diagnostica una frattura calcaneare, verificare sempre se è presente una frattura toraco-lombare.

  • Trattare sintomaticamente le fratture del calcagno extra-articolari con la metodica "PRICE" (protezione, riposo, ghiaccio, compressione, elevazione), seguita da un gesso.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire una toracostomia con ago
Video
Come eseguire una toracostomia con ago
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema muscolo-scheletrico del ginocchio
Modello 3D
Sistema muscolo-scheletrico del ginocchio

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE