Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Parasonnie

Di

Richard J. Schwab

, MD, University of Pennsylvania, Division of Sleep Medicine

Ultima modifica dei contenuti dic 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Le parasonnie sono comportamenti indesiderati che si verificano durante l'ingresso nel sonno, durante il sonno, o durante il risveglio dal sonno. La diagnosi è clinica. Il trattamento può comprendere farmaci e psicoterapia.

Per molti di questi disturbi, l'anamnesi e l'esame obiettivo possono confermare la diagnosi. (Vedi anche Approccio al paziente con disturbi del sonno e insonnia.)

Sonnambulismo

Sedersi, camminare o altri comportamenti complessi possono verificarsi durante il sonno, di solito con gli occhi aperti ma senza la capacità di riconoscimento. Il sonnambulismo è più frequente durante la tarda infanzia e l'adolescenza e si verifica dopo e durante il risveglio dallo stadio N3 del sonno non associato a movimenti oculari rapidi (NREM, non-rapid eye movement). Un'iniziale deprivazione di sonno e una scarsa igiene del sonno aumentano la probabilità di questi episodi e il rischio è più alto per i parenti di primo grado dei pazienti con questa malattia. Gli episodi possono essere scatenati da fattori che causano risvegli durante il sonno (p. es., caffeina, altre sostanze o droghe stimolanti e comportamenti che disturbano il sonno) o che favoriscono l'aumento del tempo di sonno N3 (p. es., precedente privazione del sonno, esercizio fisico eccessivo).

Il paziente può biascicare o parlare, e alcuni si feriscono a causa degli ostacoli o delle scale. I pazienti non ricordano di sognare dopo il risveglio o la mattina seguente solitamente non ricordano l'accaduto.

Il trattamento è rivolto ad eliminare le cause scatenanti gli episodi. Ciò implica principalmente il proteggere i pazienti dai possibili traumi, p. es., con l'uso di allarmi elettronici per svegliare i pazienti quando essi lasciano il letto, utilizzando un letto basso, installando allarmi nelle porte e rimuovendo gli oggetti appuntiti dal lato del letto e gli ostacoli dalla camera. Occasionalmente, i pazienti sono invitati a dormire su materassi che poggiano direttamente sul pavimento.

Le benzodiazepine, soprattutto il clonazepam da 0,5 a 2 mg per via orale prima di coricarsi, possono aiutare se le misure comportamentali non sono completamente efficaci, ma questi farmaci hanno effetti avversi significativi.

Terrori nel sonno (terrori notturni)

Durante la notte, i pazienti improvvisamente si mettono ad urlare, a battersi o stringersi il petto e sembrano essere spaventati e intensamente vivaci. Taluni episodi possono portare a sonnambulismo. I pazienti sono difficili da risvegliare. I terrori notturni sono più frequenti tra i bambini e si verificano dopo il risveglio dalla fase N3 del sonno; pertanto essi non sono correlati ad incubi. Negli adulti i terrori nel sonno possono essere associati a difficoltà psicologiche o all'alcolismo.

Per i bambini, la rassicurazione dei genitori è spesso il cardine del trattamento. Se vengono influenzate le attività quotidiane (p. es., se il rendimento scolastico peggiora), le benzodiazepine a durata d'azione intermedia o lunga per via orale (p. es., clonazepam 1-2 mg, diazepam 2-5 mg) al momento di coricarsi possono aiutare a diminuire il numero di episodi, ma questi farmaci hanno effetti avversi significativi. Gli adulti possono beneficiare di psicoterapia o di trattamento farmacologico.

Incubi notturni

I bambini hanno un numero maggiore di probabilità di avere incubi rispetto agli adulti. Gli incubi si manifestano durante il sonno REM, di solito quando sono presenti febbre, eccessivo affaticamento, angoscia o dopo ingestione di alcol.

Il trattamento è diretto a qualsiasi disagio mentale sottostante.

Disturbo del comportamento del sonno REM

Il REM behavior disorder è caratterizzato da verbalizzazioni (a volte insulti) e movimenti, talvolta aggressivi (p. es., sbracciarsi, colpire, scalciare) che si verificano durante il sonno REM. Questi comportamenti possono rappresentare l'azione comportamentale del contenuto del sogno da parte di pazienti che, per ragioni sconosciute, non hanno la marcata atonia solitamente presente durante il sonno REM. I pazienti sono consapevoli di avere sogni vividi quando si risvegliano dopo questi episodi.

Il disturbo del comportamento nella fase del sonno REM è più diffuso tra gli anziani, ed è correlato spesso con la presenza di disturbi degenerativi del sistema nervoso centrale (p. es., morbo di Parkinson o malattia di Alzheimer, demenza vascolare, atrofia multisistemica, paralisi sopranucleare progressiva). Comportamenti simili si possono verificare nei pazienti che hanno narcolessia o che prendono inibitori della ricaptazione della noradrenalina (p. es., atomoxetina, reboxetina, venlafaxina). Nei pazienti con disturbo del comportamento del sonno REM, la sinucleina si accumula nei neuroni, come accade nei disturbi neurodegenerativi come il morbo di Parkinson, l'atrofia multipla del sistema e la demenza a corpi di Lewy. Alcuni pazienti sviluppano il morbo di Parkinson ad anni di stanza dalla diagnosi di REM behavior disorder "idiopatico".

La diagnosi del disturbo del comportamento nella fase del sonno REM può essere sospettata sulla base dei sintomi riferiti dai pazienti o dal compagno di letto. La polisonnografia di solito può confermare la diagnosi. La polisonnografia può rilevare un'eccessiva attività motoria durante la fase REM; il monitoraggio audiovisivo può evidenziare movimenti corporei anomali e vocalizzazioni. Un'attenta valutazione neurologica va fatta per escludere la presenza di una malattia neurodegenerativa. In caso di sospetto diagnostico di malattia neurodegenerativa, si possono effettuare TC o RM o un altro neuroimaging.

La terapia per ridurre gli episodi viene effettuata con clonazepam da 0,5 a 2 mg per via orale al momento di coricarsi. La maggior parte dei pazienti ha bisogno di assumere il farmaco a tempo indeterminato per prevenire le recidive; il potenziale per la tolleranza o l'abuso è basso. Un'alternativa è la melatonina da 3 a 12 mg (ma non si conosce un dosaggio ottimale).

I compagni di letto devono essere avvisati circa la possibilità di un danno e potrebbero voler dormire in un altro letto fino alla scomparsa dei sintomi. Oggetti taglienti o potenzialmente contundenti devono essere rimossi dal capezzale del letto del paziente.

Crampi alle gambe sonno-correlati

I crampi alle gambe a carico dei muscoli del polpaccio o del piede insorgono comunemente durante il sonno nei pazienti di mezza età e in anziani altrimenti sani.

La diagnosi dei crampi legati al sonno si basa sull'anamnesi e sull'assenza di segni obiettivi o di invalidità.

La prevenzione comprende lo stiramento dei muscoli interessati per diversi minuti prima del sonno. Fare stretching appena si verificano i crampi allevia i sintomi rapidamente ed è preferibile alla terapia farmacologica.

Numerosi farmaci (p. es., chinina, supplementi di calcio e Mg, difenidramina, benzodiazepine, mexiletina) sono stati usati; nessuno è verosimilmente efficace, e gli effetti avversi possono essere significativi (in modo particolare con chinina e mexiletina). Evitare la caffeina e altri stimolanti del sistema simpatico può risultare utile.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come esaminare i riflessi
Video
Come esaminare i riflessi
Modelli 3D
Vedi Tutto
Vertebre e radici dei nervi spinali
Modello 3D
Vertebre e radici dei nervi spinali

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE