Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Vaiolo delle scimmie (Monkeypox)

Di

Brenda L. Tesini

, MD, University of Rochester School of Medicine and Dentistry

Ultima modifica dei contenuti apr 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Il poxvirus, una malattia rara, è provocata dal virus del vaiolo delle scimmie, che è strutturalmente correlato al virus del vaiolo umano e provoca una malattia simile, anche se più lieve.

Il poxvirus delle scimmie, come quello del vaiolo, è un membro del gruppo Orthopoxvirus. Nonostante il nome, le scimmie non rappresentano il serbatoio del virus. Nonostante il serbatoio sia ignoto, i principali candidati sono piccoli roditori e scoiattoli delle foreste pluviali africane, principalmente in Africa occidentale e centrale.

Nell'uomo casi di malattia si osservano in Africa in forma sporadica e occasionalmente in forma epidemica. La maggior parte dei casi segnalati si è verificata nella Repubblica Democratica del Congo. Dal 2016, casi confermati sono stati segnalati anche in Sierra Leone, Liberia, Repubblica Centrafricana, Repubblica del Congo e Nigeria, che ha subito la più grande epidemia recente. Si ritiene che un recente aumento di 20 volte dell'incidenza sia dovuto alla cessazione della vaccinazione contro il vaiolo nel 1980; le persone che sono state vaccinate contro il vaiolo, anche oltre 25 anni prima, hanno un rischio ridotto di infezione da vaiolo delle scimmie. I casi di vaiolo delle scimmie stanno aumentando anche in Africa perché le persone invadono sempre più gli habitat degli animali portatori del virus.

Negli Stati Uniti un'epidemia di vaiolo delle scimmie si è verificata nel 2003, quando dei roditori infetti provenienti dall'Africa, importati come animali da compagnia, diffusero il virus ai cani della prateria domestici, che in seguito contagiarono soggetti umani nel Midwest. L'epidemia coinvolse 35 casi confermati, 13 probabili e 22 sospetti in 6 stati, ma non ci furono decessi.

Il vaiolo delle scimmie è probabilmente trasmesso dagli animali attraverso fluidi corporei, tra cui goccioline salivari o respiratorie o contatto con l'essudato della ferita. La trasmissione da persona a persona è abbastanza inefficace, e si pensa che si verifichi principalmente attraverso grandi goccioline respiratorie con un prolungato contatto faccia a faccia. Il tasso complessivo di contagi secondari in seguito a contatto con una fonte umana nota è del 3%, e circa il 50% di essi sono stati segnalati in soggetti che vivono o sono venuti a stretto contatto con una persona infetta da vaiolo delle scimmie (1). Non sono documentati casi di trasmissione in ambiente ospedaliero. La maggior parte dei pazienti è costituita da bambini. In Africa, il tasso di mortalità varia fra il 4 e il 22%.

Da un punto di vista clinico, il vaiolo delle scimmie è simile al vaiolo umano; tuttavia, le lesioni cutanee di solito assumono configurazione a grappolo e la linfoadenopatia si verifica nel vaiolo delle scimmie ma non nel vaiolo umano. Possono svilupparsi infezioni batteriche secondarie a livello cutaneo e polmonare.

La differenziazione clinica del vaiolo delle scimmie dal vaiolo classico e dalla varicella (un herpes virus, non un poxvirus) può essere difficoltosa. La diagnosi di vaiolo delle scimmie è basata su esami colturali, PCR (reazione a catena della polimerasi), immunoistochimica o microscopia elettronica, in relazione all'effettiva disponibilità dei test.

Il trattamento del vaiolo delle scimmie è di supporto. I farmaci potenzialmente utili comprendono

  • Il nuovo farmaco antivirale tecovirimat (recentemente approvato per il trattamento del vaiolo)

  • Il farmaco antivirale cidofovir

  • I farmaci sperimentali brincidofovir (CMX001)

Tutti questi farmaci sono attivi contro il vaiolo delle scimmie (monkeypox) in vitro e nei modelli sperimentali. Tuttavia nessuno di questi farmaci è stato studiato o utilizzato in aree endemiche per trattare il monkeypox.

Riferimenti

  • 1. Nolen LD, Osadebe L, Katomba J, et al: Extended human-to-human transmission during a monkeypox outbreak in the Democratic Republic of the Congo. Emerg Infect Dis 22 (6):1014–1021, 2016. doi: 10.3201/eid2206.150579.

Per ulteriori informazioni

  • CDC: Monkeypox

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come lavarsi le mani
Video
Come lavarsi le mani
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE