Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Foruncoli e favi

Di

A. Damian Dhar

, MD, JD, North Atlanta Dermatology

Ultima modifica dei contenuti set 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

I foruncoli sono ascessi cutanei causati da infezione da stafilococco, che coinvolgono un follicolo pilifero e il tessuto circostante. I favi sono gruppi di foruncoli collegati tra loro nel tessuto sottocutaneo, che causano una suppurazione e cicatrizzazione più profonda. Sono più piccoli e più superficiali degli ascessi sottocutanei. La diagnosi si basa sull'aspetto clinico. Il trattamento è rappresentato dagli impacchi caldi e spesso dagli antibiotici orali antistafilococcici.

Sia i foruncoli che i favi possono colpire soggetti sani di giovane età ma sono più frequenti tra gli obesi, negli immunocompromessi (tra cui quelli con neutropenie), negli anziani e anche nei diabetici. Sono state riportate piccole epidemie tra gli abitanti di quartieri affollati con igiene relativamente scarsa o tra i contatti dei pazienti infettati da ceppi virulenti. I fattori predisponenti comprendono la colonizzazione batterica di cute o narici, i climi caldi e umidi e l'occlusione o l'alterazione dell'anatomia follicolare (p. es., comedoni nell'acne). Lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina è una causa frequente.

I foruncoli sono frequenti su collo, seni, viso e natiche. Sono fastidiosi e possono provocare dolore quando strettamente aderenti alle strutture sottostanti (p. es., su naso, orecchio o dita). L'aspetto è quello di un nodulo o pustola da cui fuoriesce tessuto necrotico e pus sanguinolento.

I favi sono gruppi di foruncoli collegati per via sottocutanea. Possono essere accompagnate da febbre e prostrazione.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

  • Coltura della lesione

La diagnosi si fonda sull'esame obiettivo. Occorre ottenere il materiale per la coltura.

Trattamento

  • Drenaggio

  • Spesso antibiotici efficaci contro l'S. aureus resistente alla meticillina

Gli ascessi sono incisi e drenati. Intermittenti impacchi caldi sono usati per facilitare il drenaggio. Gli antibiotici, se usati, devono essere efficaci contro l'S. aureus resistente alla meticillina, in attesa dei risultati degli esami colturali e dell'antibiogramma. Nei pazienti afebbrili, il trattamento di una singola lesione < 5 mm non richiede antibiotici. Se una singola lesione è 5 mm, va somministrato un antibiotico orale per 5-10 giorni; le possibili scelte comprendono trimetoprim/sulfametossazolo 160 mg 2 volte/die/800 mg a 320/1600, clindamicina 300 a 600 mg ogni 6-8 h, e doxiciclina o minociclina 100 mg ogni 12 h. Ai pazienti con febbre, ascessi multipli, o carbonchi sono somministrati 10 giorni di trimetoprim/sulfametossazolo 160/800 mg a 320/1600 mg 2 volte/die più rifampicina 300 mg 2 volte/die. Gli antibiotici sistemici sono necessari anche per

  • Lesioni > 5 mm o < 5 mm che non si risolvono con drenaggio

  • Evidenza di cellulite ingravescente

  • Pazienti immunocompromessi

  • Pazienti a rischio di endocardite

I pazienti ricoverati con foruncolosi in strutture ospedaliere in cui l'S. aureus resistente alla meticillina è prevalente possono richiedere l'isolamento da altri pazienti interni ed essere sottoposti a uno dei seguenti antibiotici:

  • Vancomicina 1 grammo EV ogni 12 h

  • Linezolid 600 mg EV ogni 12 h

  • Daptomicina 4 mg/kg EV 1 volta/die

  • Telavancina 10 mg/kg EV 1 volta/die

  • Clindamicina 600 mg EV ogni 8 h

I foruncoli spesso recidivano e possono essere prevenuti applicando un sapone liquido contenente o gluconato di clorexidina con alcol isopropile o clorossilenolo al 2-3% oppure continuando la terapia antibiotica per 1-2 mesi. Nei pazienti con foruncolosi ricorrenti devono essere trattati i fattori predisponenti come l'obesità, il diabete, l'esposizione occupazionale o industriale a fattori stimolanti e la presenza nel naso di colonizzazioni da S. aureus o S. aureus resistente alla meticillina.

Punti chiave

  • Va sospettato un foruncolo se un nodulo o una pustola coinvolge il follicolo pilifero con fuoriuscita di tessuto necrotico e pus sanguigno, soprattutto se sul collo, seni, volto, o glutei.

  • Coltura di foruncoli e favi.

  • Drenare le lesioni.

  • Prescrivere antibiotici efficaci contro lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina per i pazienti immunocompromessi, febbrili o a rischio di endocardite o se le lesioni non si risolvono con il drenaggio o sono > 5 mm, multiple o in espansione.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come drenare un ematoma subungueale
Video
Come drenare un ematoma subungueale

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE