Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Riabilitazione cardiovascolare

Di

Salvador E. Portugal

, DO, New York University, Robert I. Grossman School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti ago 2021
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La riabilitazione può giovare ad alcuni pazienti che presentano coronaropatia o scompenso cardiaco o che hanno avuto un recente infarto del miocardio o un bypass aortocoronarico, in particolare quelli che potevano eseguire le attività della vita quotidiana indipendentemente e camminare prima dell'evento. La riabilitazione cardiologica Riabilitazione e trattamento dopo la dimissione Le sindromi coronariche acute sono la conseguenza di un'ostruzione acuta di un'arteria coronaria. Le conseguenze dipendono dal grado di ostruzione e dalla localizzazione e variano dall'... maggiori informazioni mira ad aiutare i pazienti a mantenere o a riacquisire l'indipendenza. (Vedi anche Panoramica sulla riabilitazione Panoramica sulla riabilitazione La riabilitazione mira a facilitare il recupero in seguito alla perdita di una funzione. La perdita può essere dovuta a fratture, amputazioni, ictus o altri problemi neurologici, artrite, compromissione... maggiori informazioni .)

Generalmente, la riabilitazione inizia con attività leggere e poi progredisce su base individuale; spesso viene utilizzato un monitoraggio dell'ECG. I pazienti ad alto rischio devono allenarsi solo all'interno di una struttura di riabilitazione cardiovascolare ben attrezzata e sotto la supervisione di un assistente esperto.

Quando i pazienti sono in grado, vengono portati con la sedia a rotelle in una palestra in ospedale per la fisioterapia. L'esercizio può comprendere la deambulazione, un tappeto rotante oppure la cyclette. Quando i pazienti tollerano bene questi esercizi, proseguono con la salita delle scale. Se si verificano affanno, sensazione di testa vuota o dolore toracico durante l'esercizio fisico, l'attività fisica deve essere sospesa immediatamente e deve essere riesaminato lo status cardiaco. Prima della dimissione dall'ospedale, i pazienti sono valutati in modo da poter raccomandare un appropriato programma di riabilitazione postdimissione o un regime di esercizi.

L'attività fisica viene misurata in equivalenti metabolici, che sono multipli del tasso di O2 consumato a riposo; 1 equivalente metabolico (il tasso a riposo) equivale al consumo di circa 3,5 mL/kg/min di ossigeno (vedi tabella Esercizi di resistenza e la loro richiesta metabolica Esercizi di resistenza e loro richiesta metabolica Esercizi di resistenza e loro richiesta metabolica ). Nelle normali attività lavorative e della vita quotidiana (escluse le attività ricreazionali) raramente si superano i 6 equivalenti metabolici. Nel lavoro di casa, leggero o moderato, si consumano circa da 2 a 4 equivalenti metabolici; nei lavori di casa pesanti o nel lavoro agricolo si consumano da 5 a 6 equivalenti metabolici.

Per i pazienti ospedalizzati, l'attività fisica deve essere controllata in modo che la frequenza cardiaca rimanga < 60% del valore massimo per quell'età (p. es., circa 160 battiti/min per persone che hanno 60 anni); per pazienti convalescenti a casa, la frequenza cardiaca deve rimanere < 70% di quella massima.

Per i pazienti che hanno avuto un infarto del miocardio non complicato, può essere eseguito un test da sforzo di 2 equivalenti metabolici per valutare la risposta, non appena i pazienti vengono giudicati stabili. Un test da sforzo di 4-5 equivalenti metabolici, eseguito prima della dimissione, aiuta a decidere il livello di attività fisica da seguire a domicilio. I pazienti che possono tollerare un test da sforzo di 5 equivalenti metabolici per 6 minuti possono tranquillamente eseguire delle attività a bassa intensità (p. es., lavori di casa leggeri) dopo la dimissione, se riposano in modo sufficiente dopo ogni attività.

Una limitazione dell'attività che non sia indispensabile, è dannosa per la guarigione. Il medico e gli altri membri del team di riabilitazione devono spiegare quali attività possono e quali non possono essere effettuate, e devono fornire un sostegno psicologico. Quando dimessi, i pazienti possono ricevere un programma dettagliato delle attività che possono eseguire a casa. La maggior parte dei pazienti anziani può essere incoraggiata a riprendere un'attività sessuale, anche se si dovranno fermare, quando necessario, per evitare sforzi eccessivi. Le giovani coppie spendono da 5 a 6 equivalenti metabolici durante il rapporto sessuale; non si sa se le coppie di anziani consumino di più o di meno.

Tabella
icon
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

iOS ANDROID
iOS ANDROID
iOS ANDROID
PARTE SUPERIORE