honeypot link

Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Distrofia miotonica

(Steinert Disease)

Di

Michael Rubin

, MDCM, New York Presbyterian Hospital-Cornell Medical Center

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

La distrofia miotonica è una distrofia muscolare rara che colpisce la capacità di rilassare i muscoli in modo volontario.

Il termine miotonia si riferisce a un ritardo del rilassamento dopo la contrazione del muscolo, che può causare rigidità muscolare. Le distrofie muscolari sono un gruppo di disturbi muscolari ereditari, nei quali uno o più geni necessari per la normale struttura e funzionalità muscolare presentano difetti, con conseguente debolezza e atrofia muscolare (distrofia) di gravità variabile.

Si tratta di un disturbo autosomico dominante, ossia basta un solo genitore colpito per trasmettere il tratto alla prole. Questa distrofia colpisce maschi e femmine, circa 1 soggetto su 8.000.

Sintomi

I sintomi della distrofia miotonica si manifestano durante l’adolescenza o nella prima età adulta.

Il disturbo causa miotonia, ovvero un ritardo nella capacità di rilassare i muscoli dopo averli contratti. Altri sintomi principali sono indebolimento e deperimento muscolare a carico di braccia e gambe (soprattutto delle mani) e del volto. Inoltre, è frequente la caduta delle palpebre. Anche il muscolo cardiaco si indebolisce (cardiomiopatia) e il ritmo cardiaco può diventare anomalo.

I sintomi di distrofia miotonica compaiono durante l’adolescenza o nella prima età adulta e vanno da lievi a gravi. I pazienti affetti dalle forme più gravi del disturbo presentano un’estrema debolezza muscolare e molti altri sintomi, tra cui cataratta, testicoli piccoli (negli uomini), stempiatura precoce (negli uomini), irregolarità del battito cardiaco, diabete e disabilità intellettiva. Generalmente la morte sopraggiunge entro i 54 anni.

Le madri affette da distrofia miotonica possono avere figli colpiti da una forma grave di miotonia che si manifesta durante l’infanzia. I bambini hanno un tono muscolare gravemente ridotto (ipotonia o “flaccidità”), problemi a nutrirsi e a respirare, deformità ossee, debolezza facciale e ritardo nello sviluppo dei processi mentali e del movimento fisico. Fino al 40% di loro non sopravvive, in genere a causa di insufficienza respiratoria e anche di cardiomiopatia. Fino al 60% dei sopravvissuti ha un deficit intellettivo.

Diagnosi

  • Test genetici

La diagnosi di distrofia miotonica si basa su sintomi caratteristici, età del soggetto al manifestarsi dei sintomi e anamnesi familiare.

Per confermare la diagnosi vengono condotti test genetici.

Trattamento

  • Farmaci per alleviare la rigidità muscolare

Il trattamento della distrofia miotonica con mexiletina o altri farmaci (ad esempio chinidina, fenitoina, carbamazepina o procainamide) può alleviare la rigidità, pur senza risolvere la debolezza, il sintomo più fastidioso per il paziente. Inoltre, ognuno di questi farmaci ha effetti collaterali indesiderati. Il solo trattamento per la debolezza muscolare è rappresentato dalle misure di supporto, come l’applicazione di tutori per caviglia (per il piede cadente) o di altri dispositivi.

Per ulteriori informazioni

La seguente è una risorsa in lingua inglese che può essere utile. Si prega di notare che IL MANUALE non è responsabile del contenuto di questa risorsa.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE