Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Larva migrans cutanea

(Creeping Eruption)

Di

James G. H. Dinulos

, MD, Geisel School of Medicine at Dartmouth

Ultima revisione/verifica completa giu 2020| Ultima modifica dei contenuti giu 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La larva migrans cutanea è un’infezione da nematodi trasmessa per contatto della pelle con terreno o sabbia caldi e umidi.

La larva migrans cutanea è causata da una specie di nematodi denominata Anchilostoma. I nematodi sono parassiti. I parassiti sono organismi che vivono sulla superficie o all'interno di un altro organismo (ospite) e dipendono dall’ospite per nutrirsi e vivere. Questa specie di nematodi è un parassita perché una parte del suo ciclo vitale si svolge generalmente nell’intestino dei cani e dei gatti e un’altra parte nella cute umana. Le uova del nematode vengono escrete con le feci del cane e del gatto e, se restano nel terreno o nella sabbia con condizioni di calore e umidità adeguate, si sviluppano le larve. Le larve si sviluppano in una forma larvale in grado di penetrare nella pelle quando una persona cammina scalza o prende il sole su terreno o sabbia contaminati.

La larva migrans cutanea è presente in tutto il mondo ma è più comune negli ambienti tropicali.

A partire dalla sede d’ingresso, in genere piedi, gambe, natiche o dorso, i nematodi scavano dei cunicoli lungo un percorso casuale, lasciando una tortuosa eruzione cutanea filiforme, rilevata e di colore rosso-brunastro. L’eruzione è notevolmente pruriginosa. Possono inoltre manifestarsi piccole escrescenze e vesciche. Spesso, il grattamento delle escrescenze o delle vesciche provoca un’infezione batterica della pelle.

Diagnosi

  • Valutazione medica

I medici basano la diagnosi sull’aspetto e sull’ubicazione dell’eruzione cutanea, nonché sull’anamnesi di un recente contatto della persona con terreno o sabbia.

Trattamento

  • Lozioni o creme a base di tiabendazolo

  • Albendazolo o ivermectina

L’infezione si risolve spontaneamente dopo un periodo variabile da qualche settimana a qualche mese, tuttavia il trattamento allevia il prurito e riduce il rischio delle infezioni batteriche, talvolta provocate dal grattamento. Una preparazione liquida o in crema a base di tiabendazolo applicata sulla zona colpita, tratta efficacemente l’infezione.

I medici a volte somministrano anche albendazolo o ivermectina per via orale, per uccidere i nematodi e curare l’infezione.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE