Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Agenti anticolinergici per guerra chimica

Di

James M. Madsen

, MD, MPH, U.S. Army Medical Research Institute of Chemical Defense (USAMRICD)

Ultima revisione/verifica completa feb 2021| Ultima modifica dei contenuti feb 2021
per accedere alla Versione per i professionisti

I molti tipi di agenti per guerra chimica Panoramica sugli agenti per guerra chimica Le armi chimiche vengono messe a punto dai governi in caso di guerra, e comprendono Agenti tossici (volti a causare lesioni gravi o decessi) Agenti invalidanti (intesi a causare solo effetti... maggiori informazioni influiscono su parti diverse del corpo. “Anticolinergico” si riferisce ai farmaci che bloccano gli effetti della sostanza chimica acetilcolina (vedere Anticolinergico: Cosa significa? Anticolinergico: che cosa significa? Anticolinergico: che cosa significa? ). L’acetilcolina è una sostanza utilizzata da alcuni nervi per inviare segnali ai muscoli e agli altri nervi (neurotrasmettitore). Pertanto, bloccando gli effetti dell’acetilcolina si impedisce l’attività di alcuni nervi. Sebbene siano utilizzati per curare gli avvelenamenti da agenti nervini Agenti nervini per guerra chimica I molti tipi di agenti per guerra chimica influiscono su parti diverse del corpo. Gli agenti nervini (talvolta chiamati erroneamente “gas nervino”) influenzano il modo in cui i nervi trasmettono... maggiori informazioni , i farmaci anticolinergici possono essi stessi essere usati come agenti invalidanti, vale a dire agenti non ideati per provocare lesioni gravi o la morte ma piuttosto per disorientare il personale militare o impedirgli di eseguire le proprie missioni. Uno di questi agenti è detto BZ (gli agenti per guerra chimica sono di norma identificati da un codice costituito da una-tre lettere, di più semplice utilizzo rispetto alla denominazione chimica).

Si tratta di un solido che può persistere nell’ambiente per 3-4 settimane. Le vittime di massa deriverebbero probabilmente dall’inalazione di BZ nebulizzato, anche se il composto può essere disciolto e posizionato su una superficie nell’ambiente da cui può essere assorbito attraverso la cute.

Sintomi

L’esposizione al BZ produce secchezza della bocca e della pelle, dilatazione delle pupille (che causa offuscamento della vista) e solitamente un aumento della frequenza cardiaca. In aggiunta, la temperatura corporea può diventare pericolosamente elevata (ipertermia). Inoltre si possono manifestare letargia e allucinazioni sia visive che uditive, generalmente concrete e facilmente descrivibili (ad esempio voci di persone conosciute, programmi televisivi immaginari, condivisione di sigarette immaginarie o forme strane). L’eloquio può risultare disarticolato e la persona affetta può stuzzicarsi la pelle o gli indumenti. Stupor e coma possono durare da alcune ore a giorni, ma la guarigione avviene gradualmente.

Diagnosi

  • Valutazione medica

L’esposizione al BZ non si individua attraverso esami di laboratorio, ma il sospetto sorge in persone che presentano sintomi senza aver assunto farmaci aventi effetti collaterali anticolinergici.

Trattamento

  • Abbassamento della temperatura corporea elevata

  • Fisostigmina per l’agitazione e le allucinazioni

Le persone esposte a un agente anticolinergico come il BZ di solito appaiono calme, ma possono diventare distruttive tanto da dover attuare misure costrittive nei loro confronti. È importante raffreddare le persone con un’elevata temperatura corporea (vedere Colpo di calore: trattamento Trattamento Il colpo di calore è una condizione potenzialmente letale che determina lo sviluppo di una temperatura corporea molto elevata e la disfunzione di numerosi organi. (Vedere anche Panoramica... maggiori informazioni ). Alle persone distruttive o marcatamente stressate dalle allucinazioni si somministra fisostigmina.

Le opinioni riportate in questo articolo sono dell’autore e non riflettono la politica ufficiale dell’Esercito, del dipartimento della Difesa o del governo degli Stati Uniti.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE