Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Febbre di Lassa e febbri emorragiche del Sud America

Di

Thomas M. Yuill

, PhD, University of Wisconsin-Madison

Ultima revisione/verifica completa mag 2020| Ultima modifica dei contenuti mag 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

La febbre di Lassa e le febbri emorragiche del Sud America dovute agli arenavirus sono infezioni virali che causano sanguinamento (emorragia) e disfunzioni d’organo. Queste infezioni sono spesso fatali.

  • L’infezione viene trasmessa all’uomo dai roditori, solitamente tramite il consumo di alimenti contaminati.

  • I sintomi possono includere febbre, dolori muscolari, cefalea, nausea, vomito, tosse e mal di gola, oltre a sanguinamento da bocca, naso od organi interni.

  • Per confermare la diagnosi, i medici eseguono analisi del sangue e delle urine.

  • Il trattamento include la somministrazione di liquidi e di altre terapie per preservare le funzioni corporee.

Casi di febbre di Lassa si sono manifestati in Nigeria, Liberia, Guinea, Togo, Benin, Ghana e Sierra Leone. Le febbri emorragiche da arenavirus del Sud America sono presenti in Bolivia, Argentina, Venezuela e Brasile.

Queste patologie sono causate da arenavirus e vengono trasmesse all’uomo dai roditori oppure dall’urina o dagli escrementi di questi animali, di solito con il consumo di alimenti contaminati. Possono diffondersi da soggetto a soggetto attraverso il contatto con i liquidi corporei (come saliva, urina, feci o sangue).

Sintomi

Di solito, i sintomi della febbre di Lassa e delle febbri emorragiche da arenavirus del Sud America iniziano circa 5-16 giorni dopo l’esposizione al virus. Queste infezioni causano febbre, sensazione di malessere generale, debolezza, dolori generalizzati, diarrea e vomito. Nel corso dei 4-5 giorni successivi, si possono sviluppare dolore toracico, mal di gola, tosse e vomito. Circa l’80% dei casi di febbre di Lassa sono di lieve entità e spesso non vengono diagnosticati. Tuttavia, nel 20% circa dei casi i sintomi sono gravi.

Se la febbre di Lassa è grave, può causare gonfiore del viso e del collo. Circa il 20% delle persone affette da febbre di Lassa perdono l’udito. Questa perdita può essere permanente.

Un sanguinamento dalla bocca, dal naso, dallo stomaco o dal tratto intestinale è comune nelle febbri emorragiche del Sud America. Il sanguinamento evidente è meno comune nella febbre di Lassa. Talvolta il sanguinamento compare nelle ferite da puntura, nelle gengive o nel naso e spesso è sottocutaneo (macchie puntiformi di colore violaceo). Il decesso è di solito dovuto allo shock causato dalla grave perdita di sangue.

La guarigione o il decesso solitamente si verificano da 7 a 31 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi. La febbre di Lassa, se grave, è letale fino al 45% dei casi. Nelle donne gravide o che hanno appena partorito la percentuale dei decessi è più alta (fino al 92%).

Diagnosi

  • Esami del sangue

Queste infezioni si sospettano quando i soggetti che possono essere stati esposti al virus presentano i sintomi caratteristici. La diagnosi di febbre di Lassa o di febbre emorragica del Sud America viene confermata attraverso le analisi del sangue per identificare il virus o gli anticorpi al virus.

Prevenzione

È necessario un rigoroso isolamento per prevenire la diffusione del virus agli operatori sanitari e ai famigliari. Il personale sanitario presenta un rischio significativo di contrarre l’infezione durante il trattamento dei pazienti ricoverati con febbre di Lassa e deve indossare dispositivi di protezione individuale. Durante un’epidemia, la messa in quarantena dei soggetti che presentano i sintomi dell’infezione (febbre ed emorragia) si è rivelata un modo efficace per controllare i focolai epidemici di queste infezioni. Vengono prese precauzioni per prevenire la trasmissione per via aerea.

Non esiste un vaccino per la febbre di Lassa. È disponibile un vaccino sperimentale efficace contro la febbre emorragica argentina, una febbre emorragica del Sud America dovuta al virus Junin.

Trattamento

  • Cure di supporto, compresi i liquidi

  • Ribavirina

Il trattamento consiste nelle cure di supporto, che includono la somministrazione di liquidi e di elettroliti, se necessario.

Il farmaco antivirale ribavirina non guarisce dalla febbre di Lassa, ma riduce il tasso di mortalità. Può anche essere utile in pazienti affetti dalle febbri emorragiche del Sud America.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE