Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Disturbo da deficit di attenzione/iperattività

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Cos’è il disturbo da deficit di attenzione/iperattività?

Il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (attention-deficit/hyperactivity disorder, ADHD) è un disturbo cerebrale che rende difficile concentrarsi, prestare attenzione e stare seduti fermi. È spesso causa di problemi scolastici e domestici.

I sintomi dell’ADHD possono essere leggeri o gravi. Alcune situazioni (come la scuola) possono peggiorarli, ma si verificano in almeno due situazioni.

  • L’ADHD insorge nell'infanzia, spesso entro i 4 anni

  • Talvolta scompare con la crescita, ma i problemi possono protrarsi fino all’età adulta

  • I bambini con ADHD hanno difficoltà a prestare attenzione e sono molto, molto attivi (iperattivi)

  • Molti bambini con ADHD hanno anche disturbi dell’apprendimento

  • Spesso i farmaci risultano efficaci nell’ADHD

Quali sono le cause dell’ADHD?

I medici non sanno per certo perché un bambino sviluppa ADHD. Probabilmente è causata da problemi nel modo in cui si sviluppa il cervello del bambino prima della nascita. Meno spesso, la causa dell’ADHD è attribuibile a problemi successivi alla nascita.

È importante sapere che l'ADHD è un problema cerebrale e non solo un problema comportamentale.

Le probabilità di un bambino di avere ADHD sono maggiori nei seguenti casi:

  • Familiari con ADHD (ereditarietà)

  • Peso inferiore a 1,5 chilogrammi alla nascita

  • Lesioni o infezioni cerebrali

  • Essere stati esposti a piombo, alcol, tabacco o cocaina prima della nascita

Quali sono i sintomi dell’ADHD?

ADHD nei bambini

Segni di ADHD nei bambini:

  • Problemi di attenzione

  • Estremamente attivi fisicamente

  • Molto impulsivi (agiscono senza pensare)

Rispetto agli adulti, tutti i bambini hanno un po’ di difficoltà a prestare attenzione e a stare fermi seduti. Tuttavia, i bambini con ADHD hanno molta più difficoltà rispetto agli altri bambini. I problemi sono tali che è difficile per loro andare bene a scuola.

Segni di problemi a prestare attenzione:

  • Non ascoltare quando si viene interpellati

  • Non seguire le istruzioni o finire i compiti

  • Evitare i compiti che richiedono molta riflessione

  • Problemi a organizzare i propri compiti

  • Facilità a distrarsi

  • Perdere o dimenticare le cose

Segni di iperattività:

  • Irrequietezza di mani o piedi o movimento delle gambe

  • Alzarsi dal proprio posto a scuola o a casa

  • Correre o arrampicarsi più del normale

  • Problemi a giocare tranquillamente

  • Parlare più del normale

Segni di impulsività:

  • Urlare le risposte prima che venga posta una domanda

  • Problemi ad aspettare il proprio turno

  • Parlare quando non è il proprio turno o interrompere gli altri

Nella maggior parte dei casi di ADHD, l’iperattività diminuisce con la crescita e i bambini imparano a gestirsi meglio e diventano per lo più adulti creativi e produttivi. Tuttavia, l’ADHD non trattata può aumentare la probabilità di abuso di alcol o di sostanze oppure di suicidio.

ADHD negli adulti

Segni di ADHD negli adulti:

  • Problemi di concentrazione

  • Difficoltà a portare a termine dei compiti

  • irrequietezza

  • sbalzi di umore

  • Impazienza

  • Difficoltà di relazione

Come si stabilisce la presenza di ADHD?

Il medico sospetta l’ADHD basandosi sui sintomi del bambino. Non esistono test che stabiliscono con certezza se un bambino presenta ADHD. Tuttavia, i medici possono verificare se i sintomi del bambino sono in realtà causati da un altro problema, come:

Come si tratta l’ADHD?

Sgridare e punire il bambino non serve. Il bambino viene trattato con:

  • Consulenza sui modi per migliorare il comportamento (terapia comportamentale)

  • Farmaci

Medici e consulenti possono dare alcuni consigli per aiutare genitori e bambino ad affrontare l'ADHD. Tali consigli, spesso utili, sono:

  • Avere una routine fissa a casa e a scuola

  • Piccoli premi per comportamenti positivi

  • Essere molto coerenti sui comportamenti che ci si aspetta

  • Collaborare con gli insegnanti per avere meno compiti e lezioni a scuola più brevi

Un bambino con ADHD può necessitare di supporto speciale a scuola. Negli Stati Uniti il Federal Individuals with Disabilities Education Act (Legge federale sull’istruzione delle persone con disabilità, IDEA) sancisce che le scuole pubbliche sono tenute a fornire istruzione gratuita e adeguata ai bambini e agli adolescenti affetti da ADHD.

I farmaci per l’ADHD sono sostanze come Ritalin®. Ritalin® e farmaci simili in realtà stimolano il cervello. Si potrebbe pensare che il bambino sia già troppo stimolato. Tuttavia, questi farmaci stimolano le parti del cervello che aiutano il bambino a prestare attenzione.

I farmaci stimolanti possono avere effetti collaterali, come:

  • Difficoltà a dormire

  • Inappetenza (i bambini possono mangiare troppo poco o non crescere correttamente)

  • Aumento della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa

Per ridurre gli effetti collaterali il medico può suggerire di interrompere il farmaco nel fine settimana e durante le vacanze.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE