Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Ambliopia

(occhio pigro)

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Che cos'è l’ambliopia?

L’ambliopia (detta anche occhio pigro) è un particolare tipo di perdita della vista dei bambini. Se le immagini inviate al cervello da ciascun occhio non corrispondono, il cervello ignora ciò che vede uno dei due occhi.

  • L’ambliopia solitamente si manifesta prima dei 2 anni, ma può insorgere fino agli 8 anni

  • Può essere causata da un problema di messa a fuoco, occhi non allineati tra di loro o da una cataratta (opacità del cristallino)

  • Se l’ambliopia non viene trattata entro gli 8 anni i bambini possono subire una perdita permanente della vista

  • I medici correggono l'ambliopia con gli occhiali, un cerotto oculare o un collirio

Quali sono le cause dell’ambliopia?

Alla nascita la vista dei bambini non è completamente sviluppata. I neonati e i bambini hanno bisogno di immagini chiare e nitide provenienti da entrambi gli occhi affinché i percorsi visivi si sviluppino normalmente. Tali percorsi finiscono di svilupparsi completamente a circa 8 anni.

Se il cervello di un bambino non riceve immagini visive di buona qualità da un occhio, il cervello inizia a ignorare tale occhio. Per un po’ la cosa non ha importanza. Come quando è stato indossato un cerotto oculare, la vista appare normale dopo averlo tolto. Tuttavia, se il cervello del bambino non riceve mai immagini di buona qualità da un occhio entro gli 8 anni, il cervello può non imparare mai a vedere da quell’occhio, anche se il problema originario viene corretto. Questo può portare a una riduzione permanente della vista.

Il cervello può iniziare a ignorare le immagini provenienti da un occhio, perché:

  • l’occhio non mette a fuoco correttamente

  • l’occhio non guarda nella stessa direzione rispetto all’altro (una condizione chiamata strabismo)

  • qualcosa offusca o blocca la visione dell’occhio, come una cataratta o una palpebra cadente

Quali sono i sintomi dell’ambliopia?

I bambini affetti da ambliopia non vedono bene da un occhio. Possono non accorgersi di avere un problema o possono essere troppo piccoli per descriverlo. Tuttavia, i bambini affetti da ambliopia possono:

  • strizzare gli occhi o coprirne uno

  • avere un occhio che punta in una direzione diversa

  • avere difficoltà a valutare la distanza tra due oggetti (scarsa percezione della profondità), per esempio hanno difficoltà ad afferrare una palla

Come viene diagnosticata l’ambliopia nei bambini?

Per stabilire se il bambino presenta ambliopia o altri problemi della vista, i medici eseguono controlli regolari della vista. Di solito queste valutazioni vengono eseguite durante le regolari visite per bambini sani, a partire dai 3 anni di età. La vista del bambino deve essere controllata per tutta l'infanzia.

Se il medico ritiene che il bambino non veda bene, lo invia da un oculista (un oftalmologo o un ottico).

Come viene trattata l'ambliopia?

Per trattare l'ambliopia è necessario allenare il cervello del bambino a utilizzare le immagini provenienti dall'occhio problematico. Il medico può:

  • Bloccare temporaneamente la visione dell’occhio normale del bambino coprendolo con un cerotto o usando dei colliri per offuscare la vista; in questo modo il cervello è obbligato a riconoscere le immagini provenienti dall'occhio problematico

Se il bambino ha problemi di messa a fuoco, come l’ipermetropia, il medico:

  • prescrive gli occhiali (o in alcuni casi lenti a contatto)

Se il bambino soffre di strabismo o cataratta, il medico di solito:

  • esegue un intervento chirurgico oculare

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE