Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Dacriocistite

Di

James Garrity

, MD, Mayo Clinic College of Medicine

Ultima revisione/verifica completa giu 2019| Ultima modifica dei contenuti giu 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La dacriocistite è l’infezione del sacco lacrimale, di solito dovuta all’ostruzione del dotto lacrimale.

Il sacco lacrimale è un piccolo serbatoio situato lungo le vie lacrimali. Spesso, la dacriocistite è la conseguenza di un’ostruzione del dotto nasolacrimale, che collega il sacco lacrimale al naso.

Da dove provengono le lacrime

Da dove provengono le lacrime

Può insorgere improvvisamente (acuta) o in modo graduale (cronica).

Sintomi

Spesso la dacriocistite è lieve. Talvolta, l’infezione è grave e può causare febbre. Talvolta, può formarsi una raccolta di pus (ascesso) che può rompersi attraverso la cute, creando un passaggio per il drenaggio.

Nella dacriocistite acuta, la cute intorno al sacco lacrimale è arrossata, dolente ed edematosa. l’occhio diventa rosso, lacrimoso e purulento. Una lieve pressione applicata sul sacco lacrimale provoca la fuoriuscita di pus dal punto lacrimale (l’apertura nell’angolo interno della palpebra, vicino al naso).

La dacriocistite cronica causa il rigonfiamento della cute sopra la piccola camera in cui drenano le lacrime (sacco lacrimale). Applicando una pressione, il rigonfiamento può non dolere, ma dall’apertura all’angolo interno della palpebra vicino al naso (puntino o dotto lacrimale) fuoriesce un materiale purulento o caseoso. Spesso la dacriocistite cronica è accompagnata anche da congiuntivite cronica (occhio arrossato).

Diagnosi

  • Sintomi e visita medica

La diagnosi di dacriocistite si basa sui sintomi e sui riscontri degli esami eseguiti.

Trattamento

  • Per la dacriocistite acuta, antibiotici seguiti dall’intervento chirurgico

  • Per la dacriocistite cronica, intervento chirurgico

La dacriocistite acuta viene solitamente trattata con antibiotici assunti per via orale. Se è presente febbre o se l’infezione è grave, possono essere necessari antibiotici per via endovenosa. Può essere utile l’applicazione, più volte al giorno, di impacchi caldi nella sede interessata. Dopo la risoluzione dell’infezione acuta, il medico raccomanda un intervento chirurgico per bypassare l’ostruzione (dacriocistorinostomia [DCR]) per evitare recidive dell’infezione. La DCR è anche il trattamento principale per la dacriocistite cronica.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Impianto oculare
Video
Impianto oculare
Quando la vista è normale, la luce passa attraverso la cornea, la copertura trasparente dell’occhio...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Cheratocono
Modello 3D
Cheratocono

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE