Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Cheratomalacia

(Xerotic Keratitis; Xerophthalmia)

Di

Melvin I. Roat

, MD, FACS, Sidney Kimmel Medical College at Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa mag 2020| Ultima modifica dei contenuti mag 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La cheratomalacia è un disturbo oculare che causa l’essiccamento e l’opacizzazione della cornea (la membrana trasparente davanti all’iride e alla pupilla) dovuti a carenza di vitamina A nei soggetti denutriti.

  • La carenza di vitamina A può provocare ulcere corneali e infezioni batteriche.

  • La carenza di vitamina A può inoltre portare a cecità notturna (vista ridotta al buio).

  • I medici diagnosticano la cheratomalacia in base all'aspetto della cornea.

  • Il trattamento prevede la correzione della carenza di vitamina A con una dieta migliore o con integratori e l’uso di colliri o pomate antibiotiche per eventuali infezioni.

Struttura interna dell’occhio

Struttura interna dell’occhio

Sintomi

La superficie della congiuntiva (la membrana che riveste internamente le palpebre e copre il bianco dell’occhio) e della cornea si secca, talvolta causando ulcere corneali e infezioni batteriche. Il frequente coinvolgimento delle ghiandole lacrimali causa una produzione insufficiente di film lacrimale e secchezza oculare. I soggetti con secchezza oculare grave possono sviluppare chiazze schiumose (macchie di Bitot) sulla congiuntiva. Le cecità notturna (vista ridotta al buio) può svilupparsi a causa degli effetti della carenza di vitamina A sulla retina.

Diagnosi

  • Valutazione medica

La diagnosi di cheratomalacia si basa sulla presenza di una cornea secca o ulcerata in un soggetto denutrito.

Trattamento

  • Colliri o pomate antibiotiche

  • Trattamento del carenza di vitamina A e miglioramento della dieta

Colliri o pomate antibiotiche sono d’aiuto nel guarire l’infezione, ma è anche molto importante la correzione della carenza di vitamina A e dello stato di denutrizione con una dieta migliore o con integratori.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE