Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Paracentesi

Di

Jonathan Gotfried

, MD, Lewis Katz School of Medicine at Temple University

Ultima revisione/verifica completa apr 2021| Ultima modifica dei contenuti apr 2021
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La paracentesi consiste nell’inserimento di un ago nella cavità addominale per l’aspirazione di fluido. Normalmente, la cavità addominale contiene solo una modesta quantità di fluido. Tuttavia, in alcune circostanze, come le malattie epatiche, l’insufficienza cardiaca, la rottura dello stomaco o dell’intestino, il cancro o la rottura della milza, si possono verificare raccolte di fluido nell’addome (ascite Ascite L’ascite è l’accumulo di liquido contenente proteine (ascitico) nella cavità addominale. Molti disturbi possono essere causa di ascite, ma il più comune è l’ipertensione nelle vene che trasportano... maggiori informazioni ). La paracentesi può essere utilizzata per la diagnosi (ad esempio, per ottenere un campione di fluido da esaminare) o come parte del trattamento (ad esempio, per eliminare un eccesso di liquidi).

Prima della paracentesi, viene eseguito l’esame obiettivo, talvolta accompagnato da un’ecografia, per confermare la presenza di fluidi in eccesso nella cavità addominale. Successivamente, si lava un’area della cute, in sede immediatamente sottombelicale, con soluzione antisettica e si anestetizza con una piccola dose di anestetico. Quindi si introduce un ago montato su siringa attraverso la cute e i muscoli della parete addominale, fino a raggiungere l’area della raccolta di fluidi. L’ago serve al prelievo di una piccola quantità di fluido per analisi di laboratorio oppure si utilizza un tubo sottile per aspirare diversi litri di fluido per attenuare il gonfiore (distensione) dell’addome.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Colite indotta da Clostridioides (già Clostridium) difficile
La colite indotta da Clostridiodes difficile è un’infiammazione dell’intestino crasso che provoca diarrea. L’infiammazione è causata dalle infezioni da alcuni batteri. Quale delle seguenti è la causa comune della crescita di questi batteri nell’intestino?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE