Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Barriere esterne e interne

Di

Alexandra Villa-Forte

, MD, MPH, Cleveland Clinic

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti

Per quanto possa sembrare strano, non è sempre facile definire ciò che è all’interno o all’esterno del corpo, dal momento che l’organismo umano ha molte superfici. La cute Struttura e funzione della cute La pelle è l’organo più esteso del corpo. Assolve a molte funzioni importanti, tra cui Proteggere il corpo dai traumi Regolare la temperatura corporea Mantenere l’equilibrio idroelettrolitico... maggiori informazioni Struttura e funzione della cute , che in realtà è un apparato, è ovviamente esterna al corpo. Costituisce una barriera che impedisce a molte sostanze dannose di entrare nell’organismo. L’apparato digerente Panoramica sull’apparato digerente L’apparato digerente, che si estende dalla bocca all’ano, è responsabile dell’assunzione del cibo, della sua disgregazione in sostanze nutritive (processo definito digestione), dell’assorbimento... maggiori informazioni è un lungo tubo che inizia a livello della bocca, si snoda attraverso il corpo e termina con l’ano. Il cibo che lo attraversa è all’interno o all’esterno del corpo? I nutrienti e i liquidi non sono in realtà all’interno del corpo finché non vengono assorbiti nel flusso sanguigno.

L’aria passa attraverso il naso e la gola nella trachea, quindi nelle vie aeree, ampie e ramificate, che sono all’interno dei polmoni (bronchi). In quale punto si trova questo passaggio all’interno dell’organismo? L’ossigeno presente nei polmoni ( Panoramica sull’apparato respiratorio Panoramica sull’apparato respiratorio Per rimanere in vita, l’organismo deve produrre una sufficiente quantità di energia. Questa energia è ottenuta dalla combustione delle molecole di provenienza alimentare attraverso un processo... maggiori informazioni ) non è utile al corpo finché non entra nel flusso sanguigno. Affinché questo avvenga, l’ossigeno deve attraversare un sottile strato di cellule che rivestono i polmoni. Questo strato costituisce una barriera contro virus e batteri, come quelli della tubercolosi, che possono entrare nei polmoni insieme all’aria. Questi microrganismi, se non penetrano nelle cellule o nel flusso sanguigno, in genere, non provocano malattie. Poiché i polmoni sono dotati di diversi meccanismi di protezione, come gli anticorpi per combattere le infezioni e le ciglia per rimuovere i detriti dalle vie aeree, la maggior parte degli agenti infettivi a trasmissione aerea non causa mai la malattia.

Le superfici corporee non solo separano l’esterno dall’interno, ma trattengono nella giusta sede strutture e sostanze, in modo che possano svolgere correttamente la loro funzione. Ad esempio, gli organi interni non sono immersi nel sangue perché questo è normalmente confinato all’interno dei vasi sanguigni. Se il sangue fuoriesce dai vasi e va in altre parti del corpo (emorragia), non solo non riesce ad apportare ossigeno e nutrienti ai tessuti, ma può anche causare gravi danni. Ad esempio, una piccola quantità di sangue che infiltra il cervello può distruggere il tessuto cerebrale in quanto non c’è spazio per l’espansione all’interno del cranio. D’altra parte, un’analoga quantità di sangue che si riversa nell’addome non distrugge il tessuto, poiché nell’addome vi è spazio sufficiente per contenerlo.

La saliva, che svolge un ruolo fondamentale nella bocca, può causare gravi danni se inalata nei polmoni, in quanto veicolo di batteri in grado di provocare un ascesso polmonare. L’acido cloridrico prodotto dallo stomaco di rado causa danni a tale livello. Tuttavia, in caso di reflusso, l’acido può ustionare e danneggiare l’esofago e, in caso di stravaso in altri organi attraverso la parete dello stomaco, può causare loro delle lesioni. Le feci, la parte non digerita del cibo espulsa attraverso l’ano, possono causare infezioni potenzialmente letali, se penetrano nella cavità addominale, evento che può verificarsi se si forma un foro nella parete intestinale.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Riabilitazione dopo l’amputazione di un arto
Dopo l’amputazione del braccio, la maggior parte dei soggetti è pronta per l’inserimento di un braccio artificiale. Quale dei seguenti componenti di un braccio artificiale consente a una persona di controllare i movimenti con maggiore precisione?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE