Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Stato confusionale e declino mentale dovuti al ricovero

Di

Oren Traub

, MD, PhD, Pacific Medical Centers

Ultima revisione/verifica completa mar 2018| Ultima modifica dei contenuti mar 2018
per accedere alla Versione per i professionisti

Essere malati, in particolare quando si tratta di assumere farmaci per il dolore o l’ansia, può far sviluppare uno stato confusionale. L’ambiente ospedaliero va ad aggiungersi al problema. In ospedale, i pazienti sono lontani dai propri effetti personali e dai propri indumenti, ossia dai segni della propria identità, dovendo al contrario indossare il pigiama o il camice da ospedale. Sono in un posto strano, senza punti di riferimento familiari e lontano dalle routine abituali. Spesso, gli ospedali offrono pochi stimoli (per esempio, panorami, suoni e interazione con altre persone). I pazienti possono essere soli o con un compagno di stanza poco comunicativo in una stanza che ha le pareti vuote, scarne e un arredamento blando, istituzionale. Per la maggior parte del tempo, può non esserci nessuno con cui parlare. L’unico suono disponibile può essere quello di un televisore.

Le procedure e gli orari ospedalieri possono disorientare. Per esempio, i pazienti possono essere svegliati frequentemente durante la notte, il che li priva del sonno necessario. Possono non essere in grado di orientarsi in una camera poco familiare, scarsamente illuminata. I numerosi esami eseguiti e le apparecchiature complesse possono dare una sensazione di oppressione ai pazienti.

Le unità di terapia intensiva (UTI) possono dare origine ad ancora più confusione. I pazienti ricoverati in unità di terapia intensiva sono soli, a volte senza finestre o orologi che possano aiutarli a orientarsi. Il segnale acustico dei monitor elettronici, la luce forte costante e le frequenti interruzioni per i prelievi di sangue, le sostituzioni delle fleboclisi (EV) o la somministrazione dei farmaci possono interferire con il sonno. I pazienti gravi entrano facilmente in uno stato confusionale e di disorientamento. Talvolta la confusione è talmente grave che i pazienti sviluppano un tipo di delirio chiamato psicosi da terapia intensiva.

Se i pazienti diventano insolitamente confusi durante la degenza ospedaliera, i familiari devono informarne il personale, in modo che non dia per scontato che quello è il comportamento abituale del paziente. Il delirio può essere solitamente curato se la causa (un disturbo, un farmaco o una situazione di stress) viene corretta.

In determinate situazioni le persone possono essere così confuse da non capire perché sono in ospedale. Possono agitarsi e tentare di scendere dal letto, tirare le linee endovenose (EV) o altri tubi o fare altre cose che possono arrecare danni a sé stesse e agli altri. Potrebbero fraintendere le azioni di un’altra persona considerandole una minaccia e rispondere diventando fisicamente minacciose loro stesse. In tali casi, la presenza di un amico o di un parente può aiutare a calmarle. A volte un membro del personale ospedaliero rimane con queste persone 24 ore su 24 per impedire loro di fare qualcosa di pericoloso. Raramente vengono applicate restrizioni fisiche o piccole dosi di farmaci antipsicotici finché le persone non escono dallo stato confusionale.

Prevenzione dello stato confusionale e del declino mentale in ospedale

Il personale e i familiari possono aiutare i pazienti a restare orientati facendo quanto segue:

  • accertandosi che l’illuminazione della camera sia adeguata

  • fornendo un calendario o un orologio facile da vedere

  • incoraggiando i pazienti a scendere dal letto, camminare regolarmente e compiere il maggior numero di attività quotidiane possibili

  • parlando con i pazienti di ciò che sta accadendo fuori dall’ospedale per mantenere la loro mente attiva

  • spiegando esami e trattamenti per aiutare i pazienti a capire cosa sta accadendo e perché

  • accertandosi che i pazienti che portano occhiali o un dispositivo acustico li stiano indossando

  • facendo in modo che i pazienti consumino liquidi e alimenti a sufficienza (la disidratazione può causare il delirio)

  • lasciando dormire le persone senza interruzione più a lungo possibile durante la notte

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Panoramica sugli esami di diagnostica per immagini
Quale dei seguenti esami di diagnostica per immagini NON utilizza radiazioni?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE