Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Difillobotriasi (infezione da tenia dei pesci)

Di

Richard D. Pearson

, MD, University of Virginia School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti mar 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

La difillobotriasi è un'infestazione da tenie intestinali della famiglia delle Diphyllobothriidae. Esse vengono acquisite mangiando pesce d'acqua dolce crudo o poco cotto. La terapia è a base di praziquantel.

Recenti ricerche hanno portato alla riclassificazione e alla rinominazione delle tenie Diphyllobothrium. Il D. latum è il più comune e tra i più grandi parassiti umani (fino a 10 m di lunghezza). D. latum e altre specie di Diphyllobothrium hanno cicli vitali acquatici. A contatto con l'acqua dolce, le uova di D. latum emesse da feci umane si schiudono generando larve, che vengono ingerite da microcrostacei. Quando i microcrostacei vengono ingeriti dai pesci, le larve diventano infestanti. Molte altre specie di Dibothriocephalus e di Adenocephalus pacificus possono infettare l'uomo dopo l'ingestione di pesce crudo, ma non sono così comuni.

La difillobotriasi ha una diffusione mondiale, specie dove le acque fredde sono contaminate da acque fognarie. Le infestazioni negli Stati Uniti e nel Nord Europa si verificano in persone che mangiano pesce d'acqua dolce crudo o poco cotto. L'infestazione è meno frequente con gli attuali trattamenti fognari.

Essa è abitualmente asintomatica, ma possono riscontrarsi lievi sintomi gastrointestinali (p. es., disturbo addominale, diarrea, perdita di peso). I cestodi dei pesci captano la vitamina B12 dagli alimenti determinando occasionalmente deficit di vitamina B12 ed anemia megaloblastica. Raramente, un'infezione grave porta all'ostruzione intestinale o a colecistopatia a causa della migrazione delle proglottidi.

La diagnosi di difillobotriasi si basa sull'identificazione delle caratteristiche uova opercolate o delle ampie proglottidi nelle feci. L'emocromo con formula viene effettuato per verificare la presenza di anemia megaloblastica.

Trattamento

  • Praziquantel

  • Talvolta niclosamide (fuori dagli Stati Uniti)

Il trattamento della difillobotriasi consiste in una singola somministrazione orale alla dose di 5-10 mg/kg di praziquantel. In alternativa, si somministra una singola dose di 2 g di niclosamide (non disponibile negli Stati Uniti) in 4 compresse (da 500 mg ciascuna) che vengono masticate una alla volta e ingoiate. Per i bambini, la dose è di 50 mg/kg (massimo 2 g) in un'unica somministrazione.

Può essere necessaria la somministrazione di vitamina B12 per correggere l'anemia megaloblastica se presente.

Cuocere accuratamente i pesci d'acqua dolce (temperatura interna di ≥ 63° C) o congelarli alle temperature raccomandate può uccidere la tenia del pesce. Tra le raccomandazioni per il congelamento ci sono:

  • Congelamento a -20° C o inferiore per 7 giorni (tempo totale)

  • Congelamento a -35° C o inferiore, fino al raggiungimento dello stato solido, quindi conservare a tale temperatura per 15 h

  • Congelamento a -35° C o inferiore, fino al raggiungimento dello stato solido, quindi conservare a -20° C o al di sotto per 24 h

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come lavarsi le mani
Video
Come lavarsi le mani
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE