Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Inclusione vulvare e cisti epidermica

Di

Charlie C. Kilpatrick

, MD, MEd, Baylor College of Medicine

Ultima modifica dei contenuti mag 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Le cisti vulvari da inclusione contengono tessuto epiteliale; le cisti vulvari epidermoidi si sviluppano da ghiandole sebacee. Entrambi i tipi di cisti, infine, aumentano di volume con l'accumulo di residui cellulari e talvolta si infettano.

Le cisti da inclusione rappresentano le cisti vulvari più frequenti; esse possono anche svilupparsi in vagina. Possono derivare da traumi (p. es., lacerazioni, riparazione da episiotomia) che intrappolano tessuto epiteliale vitale sotto la superficie, oppure possono svilupparsi spontaneamente.

Le cisti epidermoidi sono causate dall'ostruzione dei dotti delle ghiandole sebacee.

Le cisti non infette sono in genere asintomatiche ma occasionalmente causano irritazione; possono presentarsi di colorito biancastro o giallastro e presentano solitamente diametro < 1 cm. Le cisti infette possono essere rosse e dolenti e causare dispareunia.

La diagnosi delle cisti vulvari è clinica.

Il trattamento delle cisti vulvari, indicato solo per le cisti sintomatiche, consiste nell'asportazione. Un anestetico locale può essere usato per una singola lesione. Per le lesioni multiple, si preferisce l'anestesia regionale o generale.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come gestire un'emorragia post-partum
Video
Come gestire un'emorragia post-partum
Modelli 3D
Vedi Tutto
Contenuto della pelvi femminile
Modello 3D
Contenuto della pelvi femminile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE