Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Come inserire un sondino nasogastrico

Di

Zubair Malik

, MD, Temple University Hospital

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

Un sondino nasogastrico posizionato nello stomaco consente l'accesso all'interno dello stomaco. A volte il sondino viene inserito nell'intestino tenue per consentire l'alimentazione enterica.

Indicazioni

  • Per decomprimere lo stomaco e il tratto gastrointestinale (ossia, per alleviare la distensione dovuta a ostruzione, ileo o atonia)

  • Per svuotare lo stomaco, per esempio, nei pazienti che sono intubati per prevenire l'aspirazione ab ingestis o nei pazienti con sanguinamento gastrointestinale per rimuovere sangue e coaguli

  • Per ottenere un campione di contenuto gastrico per valutare il sanguinamento, il volume o il contenuto di acido

  • Per rimuovere le tossine ingerite (raro)

  • Somministrare antidoti come il carbone attivo

  • Per somministrare agenti di contrasto radiopachi orali

  • Per fornire l'alimentazione dei nutrienti nello stomaco o per l'alimentazione diretta nell'intestino tenue con un sondino di alimentazione enterale lungo, sottile e flessibile

Controindicazioni

Controindicazioni assolute

  • Gravi traumi maxillo-facciali

  • Ostruzione rinofaringea o esofagea

  • Anomalie esofagee, come recenti ingestioni di caustici, diverticoli o stenosi, a causa di un alto rischio di perforazione esofagea

Controindicazioni relative

  • Turbe della coagulazione non corrette

Complicanze

  • Trauma rinofaringeo con o senza emorragia

  • Sinusite e mal di gola

  • Aspirazione polmonare

  • Emorragia o perforazione traumatica esofagea o gastrica

  • Penetrazione endocranica o mediastinica (molto rara)

Attrezzatura

  • Camice di protezione, guanti e visiera protettiva

  • Sondino nasogastrico per la decompressione come sonda di Levin (singolo lume) o sonda di Salem (doppio lume in modo che il secondo lume sfoghi all'aperto)

  • Se è prevista una nutrizione nell'intestino tenue, un sondino per l'alimentazione intestinale lungo e sottile (sondino nasenterico) per l'alimentazione enterale a lungo termine (utilizzare con un filo di rinforzo o uno stiletto)

  • Anestetico topico spray come benzocaina o lidocaina

  • Spray vasocostrittore come fenilefrina o oximetazolina

  • Bicchiere d'acqua e cannuccia

  • Siringa da 60 mL con punta a catetere

  • Lubrificante

  • Bacinella per emesi

  • Un asciugamano o un lenzuolino medico

  • Stetoscopio

  • Cerotto e benzoina

  • Aspiratore (da parete o dispositivo mobile)

Considerazioni aggiuntive

  • Quando si posiziona una sonda da alimentazione enterale più piccola e più flessibile, si utilizza una guida o un mandrino per irrigidire il tubo. Per il passaggio di queste sonde attraverso il piloro è di solito necessario il controllo fluoroscopico o endoscopico.

Posizionamento

  • Il paziente si siede in posizione di annusamento (posizione di sniffing) con il collo leggermente flesso.

  • Se incapace di sedersi in posizione eretta, il paziente si distende in decubito laterale sinistro.

  • Se il paziente viene ventilato attraverso un tubo endotracheale che protegge le vie aeree, il sondino nasogastrico può essere posizionato con il paziente in posizione verticale o, se necessario, supino.

Aspetti di anatomia rilevanti

  • I turbinati nasali possono bloccare il passaggio nasale. Di solito c'è spazio adeguato sotto il turbinato inferiore per far passare il sondino nasogastrico.

Descrizione passo dopo passo della procedura

  • Indossare camice, guanti e visiera.

  • Verificare la pervietà di ciascuna narice tenendola chiusa e chiedendo al paziente di respirare attraverso l'altra narice. Chiedere al paziente quale fornisce un migliore flusso d'aria.

  • Guardare all'interno del naso per eventuali ostruzioni evidenti.

  • Posizionare un asciugamano o un lenzuolino medico sul torace del paziente per mantenerlo pulito.

  • Scegliere il lato per l'inserimento del sondino e spruzzare l'anestetico topico in questa narice e nella faringe almeno 5 minuti prima dell'inserimento del tubo. Se il tempo lo permette, somministrare 4 mL di lidocaina al 10% tramite un nebulizzatore o inserire 5 mL di gel di lidocaina al 2% nelle narici.

  • Se disponibile, spruzzare un vasocostrittore come la fenilefrina o l'oximetazolina nella narice, cercando di raggiungere l'intera superficie della narice, comprese le facce superiore e posteriore; tuttavia, questo passaggio può essere omesso.

  • Stimare la corretta profondità di inserimento, circa la distanza dal lobo dell'orecchio o dall'angolo della mandibola e quindi allo xifoide, più 6 pollici; notare quale dei segni neri sul tubo corrisponde a questa distanza.

  • Lubrificare l'estremità del sondino nasogastrico.

  • Inserire delicatamente la punta del sondino nel naso e scorrere lungo il pavimento della cavità nasale. Puntare indietro e poi scendere per rimanere sotto il turbinato nasale.

  • Ci si aspetta una lieve resistenza mentre il sondino avanza attraverso il rinofaringe posteriore.

  • Chiedere al paziente di prendere un sorso d'acqua attraverso una cannuccia e far avanzare il sondino durante le deglutizioni. Il paziente ingerirà il sondino, facilitando il passaggio nell'esofago. Continuare a fare avanzare il sondino durante la deglutizione fino alla profondità predeterminata usando i segni neri sul tubo come guida.

  • Valutare il corretto posizionamento del sondino chiedendo al paziente di parlare. Se il paziente non è in grado di parlare, ha una voce rauca, ha violenti conati di vomito, è in difficoltà respiratoria, il tubo si trova probabilmente nella trachea e deve essere rimosso immediatamente.

  • Iniettare da 20 a 30 mL di aria e auscultare con lo stetoscopio sotto l'ipocondrio sinistro. Il suono di un soffio d'aria aiuta a confermare la posizione del tubo nello stomaco.

  • Aspirare il contenuto gastrico per ulteriore conferma del posizionamento nello stomaco (a volte nessun contenuto gastrico può essere aspirato anche quando il sondino è stato correttamente posizionato nello stomaco).

  • A volte è necessaria una RX torace per confermare definitivamente la posizione del sondino nello stomaco. Se il sondino sarà utilizzato per infondere alcune sostanze, come mezzi di contrasto radiopachi o alimenti liquidi, è altamente raccomandata una RX torace.

  • Fissare il sondino al naso del paziente. Se disponibile, applicare benzoina sulla pelle. Utilizzare un pezzo di nastro adesivo da 4-5 pollici che viene strappato verticalmente per metà della sua lunghezza ed attaccare la metà larga al naso del paziente. Quindi avvolgere le code del nastro in direzioni opposte attorno al tubo.

  • Attaccare il sondino nasogastrico all'aspiratore ed impostare su aspirazione bassa (aspirazione intermittente se possibile).

Dopo il trattamento

  • Sciacquare le piccole provette, come quelle dell'alimentazione intestinale, con 20-30 mL di acqua corrente almeno 2-3 volte/die.

  • Nei pazienti trattati con sondini, sollevare la testiera del letto di almeno 30° per aiutare a prevenire di soffocarsi.

Avvertimenti ed errori comuni

  • I pazienti che sono ad aumentato rischio di affogarsi, come quelli con stato mentale alterato, devono avere le loro vie aeree protette con un tubo endotracheale con la cuffia già gonfiata prima del posizionamento del sondino nasogastrico.

  • Un errore comune è l'inserimento del tubo verso l'alto dove il suo passaggio può essere bloccato dal turbinato nasale medio. Questo può danneggiare il turbinato e causare sanguinamento.

  • Un trauma maxillo-facciale può danneggiare la lamina cribrosa. Questo trauma aumenta il rischio che un sondino nasogastrico mal posizionato possa perforare la lamina cribrosa e causare gravi danni al cervello.

  • Quando si posiziona un sondino intestinale, il filo o lo stiletto non devono mai sporgere oltre l'estremità del sondino perché questi fili rigidi di piccolo diametro possono danneggiare la parete dell'esofago o altre parti del tratto gastrointestinale.

  • Un errore comune è l'incapacità di anestetizzare in modo ottimale le vie nasofaringee.

  • Quando si utilizza l'aspiratore, utilizzare un'aspirazione intermittente bassa per evitare l'aspirazione continua di un'area, che può portare a ulcerazione e sanguinamento.

Suggerimenti e trucchi

  • Quando si inserisce il sondino nasogastrico, può essere utile posizionare l'altra mano dietro la testa del paziente per impedirgli di tirarsi indietro.

  • Chiedere al paziente di bere un sorso d'acqua quando passa il sondino nasogastrico attraverso la faringe nell'esofago e attraverso l'esofago nello stomaco può migliorare notevolmente le possibilità di successo e ridurre il bavaglio. Questa tecnica consente al paziente di far scendere in basso il sondino.

  • A volte il paziente che piega il mento verso il proprio torace (flessione del mento) mentre sorseggia acqua può aiutare a facilitare il passaggio del tubo dall'orofaringe allo stomaco.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE