Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Tumore testicolare

Di

J. Ryan Mark

, MD, Sidney Kimmel Cancer Center at Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa ago 2019| Ultima modifica dei contenuti ago 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento
  • Il tumore del testicolo, diffuso soprattutto tra i giovani uomini, solitamente è curabile.

  • Generalmente è rilevabile un nodulo non dolente alla palpazione.

  • Vengono effettuati ecografia ed esami del sangue.

  • Il testicolo viene rimosso e vengono somministrate radioterapia o chemioterapia, oppure può essere impiegata un’ulteriore procedura chirurgica.

La maggior parte dei tumori del testicolo si sviluppa negli uomini di età inferiore a 40 anni. Si tratta di uno dei tumori più diffusi negli uomini giovani: insorge in circa 9.600 soggetti ogni anno e causa circa 410 decessi. Fra i tipi di tumore che si sviluppano nei testicoli vi sono seminomi, teratomi, carcinomi embrionali e coriocarcinomi.

La causa del tumore del testicolo non è conosciuta, ma gli uomini i cui testicoli non scendono nello scroto (criptorchidismo) entro i primi 3 anni di vita hanno maggiori probabilità di sviluppare la malattia rispetto agli uomini i cui testicoli, entro quell’età, sono già scesi. La correzione chirurgica del criptorchidismo dà migliori risultati se eseguita nell’infanzia. La correzione del criptorchidismo riduce il rischio di sviluppare tumore del testicolo. Anche dopo correzione della patologia, tuttavia, il rischio di cancro è ancora più elevato rispetto agli uomini non affetti da criptorchidismo. Il tumore può presentarsi anche nell’altro testicolo disceso normalmente. Nell’adulto, per ridurre il rischio di tumore, è talvolta opportuno asportare il testicolo ritenuto.

Sintomi

Il tumore del testicolo può provocare un ingrossamento del testicolo o un nodulo. Alla palpazione, un testicolo sano viene normalmente avvertito come una massa liscia ovale, con l’epididimo attaccato dietro e in alto. Il tumore del testicolo provoca un nodulo solido che aumenta di dimensione, interno o esterno al testicolo. Con il tumore, il testicolo può perdere la sua normale forma, diventando più grande, irregolare o nodulare. Anche se il tumore del testicolo è spesso indolore, il testicolo o il nodulo possono essere dolenti se toccati leggermente o addirittura senza essere toccati. Un nodulo solido del testicolo richiede un controllo medico urgente. Talvolta, i vasi si rompono all’interno del tumore, determinando un rigonfiamento improvviso e molto dolente.

Diagnosi

  • Ecografia

  • Esami del sangue (alfa-fetoproteina, gonadotropina corionica umana)

L’esame obiettivo e l’ecografia possono rivelare se un nodulo fa parte del testicolo e se è solido (e, pertanto, più probabilmente di natura tumorale) o pieno di liquido (cistico). La diagnosi può essere facilitata dalla determinazione dei livelli plasmatici di due proteine, alfa-fetoproteina e gonadotropina corionica umana, ma non è definitiva. I livelli di queste proteine spesso aumentano negli uomini con tumore del testicolo. Per stabilire l’eventuale diffusione del cancro, possono essere eseguiti ulteriori esami, inclusa una radiografia toracica e una tomografia computerizzata. La maggior parte dei medici raccomanda ai giovani uomini di sottoporsi a controlli regolari mensili dei testicoli, alla ricerca di noduli.

Sapevate che...

  • La perdita di un testicolo non comporta una compromissione della libido o della capacità di procreare o avere erezioni.

Trattamento

  • Intervento chirurgico

Il trattamento iniziale per il tumore del testicolo è l’asportazione chirurgica dell’intero testicolo affetto (orchiectomia radicale). Qualora l’uomo lo richieda è possibile sostituire il testicolo asportato con una protesi (testicolo artificiale). L’altro testicolo non viene asportato, per cui l’uomo mantiene adeguati livelli di ormoni maschili e rimane fertile. A volte con il tumore del testicolo può insorgere sterilità, che può regredire dopo il trattamento. Prima del trattamento è possibile accedere alle banche per la conservazione del seme.

Con certi tipi di tumori, diversi dai seminomi, vengono asportati anche i linfonodi addominali (dissezione linfonodale retroperitoneale) perché è proprio in questa sede che il tumore spesso inizia a diffondersi. Il seminoma può essere guarito mediante radioterapia.

L’associazione di chirurgia e chemioterapia riesce spesso a guarire un tumore del testicolo che si è già diffuso. I livelli di alfa-fetoproteina e gonadotropina corionica umana, elevati al momento della diagnosi, si riducono dopo un trattamento efficace. Se, dopo il trattamento, i livelli aumentano, ci può essere una recidiva del tumore.

La prognosi per i soggetti affetti da tumore del testicolo dipende dal tipo e dalla dimensione del tumore, ma di solito è ottima se il tumore non si è diffuso. Anche se il tumore si è diffuso, spesso è possibile curarlo.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Vescica ileale
Video
Vescica ileale
L’apparato urinario è composto da due reni, due ureteri, dalla vescica e dall’uretra. I reni...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Apparato urinario
Modello 3D
Apparato urinario

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE