Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Intolleranza al lattosio

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa ago 2018| Ultima modifica dei contenuti ago 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Il lattosio è un tipo di zucchero presente nel latte e nei latticini.

La lattasi è un enzima dell’intestino tenue che digerisce il lattosio in modo che l’organismo possa assorbirlo.

Cos’è l’intolleranza al lattosio?

L’intolleranza al lattosio si osserva quando non si riesce a digerire il lattosio. Il motivo è che una produzione insufficiente di lattasi, l’enzima che digerisce il lattosio, da parte dell’intestino. “Intolleranza” alimentare significa non tollerare alcuni alimenti perché non si riesce a digerirli.

  • L’intolleranza al lattosio è molto comune

  • Il consumo di latte o di latticini può causare sintomi,

  • fra cui gonfiore e crampi allo stomaco, diarrea, flatulenza e nausea

  • Il trattamento include evitare i latticini o prendere una compressa di lattasi

L’allergia al latte vaccino non è uguale all’intolleranza al lattosio. I soggetti con allergia al latte vaccino sono in grado di digerire il latte correttamente, ma le proteine presenti nel latte scatenano una reazione allergica.

Quali sono le cause dell’intolleranza al lattosio?

Tutti i neonati possiedono nell’intestino la lattasi, l’enzima che consente loro di digerire il latte materno. Quasi tutti producono meno lattasi crescendo. Quando la quantità di lattasi non è più sufficiente, iniziano a comparire sintomi di intolleranza al lattosio dopo l’assunzione di latticini. Fanno tuttavia eccezione i soggetti di famiglie dell’Europa settentrionale. Molte persone di questa regione sono in grado di digerire i latticini per tutta la vita.

L’intolleranza al lattosio può iniziare dopo un trauma o un intervento chirurgico all’intestino o altri problemi intestinali.

Quali sono i sintomi dell’intolleranza al lattosio?

L’intolleranza al lattosio può causare:

  • Gonfiore e crampi

  • Diarrea acquosa

  • Gas

  • Sensazione di nausea

  • Brontolii o gorgoglii addominali

  • Un improvviso bisogno di evacuare da 30 minuti a 2 ore dopo un pasto contenente latticini

Generalmente i sintomi si manifestano dopo aver bevuto almeno 250-375 millilitri di latte. In caso di sintomi dopo solo alcuni sorsi di latte, la causa probabilmente non è l’intolleranza al lattosio.

Come viene diagnosticata l’intolleranza al lattosio?

I medici prescrivono di non mangiare o bere latticini per un certo periodo. Se i sintomi scompaiono per poi ricomparire quando si ricominciano ad assumere latticini, probabilmente si tratta di intolleranza al lattosio.

Raramente sono necessari altri esami a meno che:

  • I sintomi non scompaiono interrompendo l’assunzione di latticini

  • I medici ritengono sia presente un altro problema assieme all’intolleranza al lattosio

Talvolta, i medici eseguono un test del respiro, che consiste nell’esame dell’aria espirata dopo aver assunto una bevanda contenente lattosio. Il test può indicare se il lattosio è stato digerito.

Come si tratta l’intolleranza al lattosio?

Si deve sospendere l’assunzione dei cibi che provocano sintomi. Yogurt e formaggio contengono meno lattosio e possono non causare sintomi. È disponibile latte particolare che contiene meno lattosio.

È anche possibile assumere compresse di lattasi per degradare il lattosio quando si prevede di mangiare o bere latte o latticini.

Chi deve evitare i latticini può dover assumere integratori di calcio per prevenirne la carenza.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Malattia da reflusso gastroesofageo
Video
Malattia da reflusso gastroesofageo
Il tratto gastrointestinale, o GI, è composto da cavità orale, faringe, esofago, stomaco e...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE