honeypot link

Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Eccesso di ferro

Di

Larry E. Johnson

, MD, PhD, University of Arkansas for Medical Sciences

Ultima revisione/verifica completa giu 2020| Ultima modifica dei contenuti giu 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

L’eccesso di ferro si verifica quando l’organismo contiene una quantità eccessiva del minerale ferro.

Gran parte del ferro contenuto nell’organismo si trova nell’emoglobina. L’emoglobina è il componente dei globuli rossi che consente di trasportare l’ossigeno ai tessuti dell’organismo. Inoltre, il ferro è un componente importante delle cellule muscolari ed è necessario per la formazione di molti enzimi dell’organismo. (Vedere anche Panoramica sui minerali).

Il cibo contiene due tipi di ferro.

  • Ferro eme: i prodotti di origine animale contengono ferro eme. Viene assorbito molto meglio rispetto al ferro non eme.

  • Ferro non eme: la maggior parte degli alimenti e degli integratori di ferro contiene ferro non eme, che rappresenta più dell’85% del ferro contenuto nella dieta media. Tuttavia, l’organismo assorbe meno del 20% del ferro non eme ingerito. Il ferro non eme viene assorbito meglio se consumato insieme a proteine animali e alla vitamina C.

Il ferro in eccesso può accumularsi nell’organismo. Le cause possono essere le seguenti:

  • Trasfusioni di sangue ripetute

  • Terapie a base di ferro somministrate in quantità eccessive o per periodi prolungati

  • Alcolismo cronico

  • Sovradosaggio di ferro

  • Una malattia ereditaria detta emocromatosi

Il ferro in eccesso assunto tutto in una volta può determinare vomito, diarrea e danni all’intestino e ad altri organi. Il ferro in eccesso assunto nel corso del tempo può danneggiare il cuore e il fegato.

Spesso, si somministra deferoxamina per via endovenosa. Questo farmaco si lega al ferro e lo espelle dall’organismo attraverso l’urina. L’emocromatosi viene trattata con il salasso (flebotomia).

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE