Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Frattura dell'osso temporale

Di

Sam P. Most

, MD, Stanford University School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti mar 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Le fratture dell'osso temporale si possono verificare dopo gravi traumi chiusi del capo e a volte interessano le strutture dell'orecchio, causando la perdita dell'udito, vertigini, disturbi dell'equilibrio o la paralisi facciale.

Le fratture dell'osso temporale sono suggerite da

  • Segno di Battle (ecchimosi postauricolare)

  • Sanguinamento dall'orecchio

Il sanguinamento può provenire dall'orecchio medio (emotimpano) attraverso una lacerazione della membrana timpanica o da una rima di frattura nel canale uditivo. L'emotimpano rende la membrana timpanica di colore blu scuro. L'otorrea di liquido cerebrospinale indica una comunicazione tra orecchio medio e spazio subaracnoideo.

Le fratture ossee temporali sono state classificate sulla base dell'orientamento rispetto all'asse longitudinale della porzione petrosa dell'osso temporale. Le fratture longitudinali rappresentano dal 70 al 90% delle fratture ossee temporali e le fratture trasversali dal 10 al 30%. Alcune fratture possono avere le caratteristiche di entrambe.

Le fratture longitudinali si possono estendere attraverso l'orecchio medio e provocare la rottura della membrana timpanica; esse causano paralisi del facciale nel 20% dei casi e raramente una perdita dell'udito (solitamente di conduzione).

Le fratture trasversali possono attraversare il canale di Falloppio e la capsula otica, causando paralisi del nervo facciale in circa il 40% dei pazienti e, talvolta, perdita di udito (solitamente neurosensoriale) e disfunzione vestibolare (p. es., vertigini, disturbi dell'equilibrio).

Raramente, sordità neurosensoriale fluttuante e disfunzione vestibolare si verificano per la frattura dell'osso temporale e possono essere dovute a una fistola perilinfatica. La paralisi completa immediata del viso può indicare un nervo faciale reciso o schiacciato, mentre l'insorgenza ritardata di una paralisi facciale solitamente indica la presenza di edema entro il nervo intatto.

Diagnosi

  • TC

  • Valutazione dell'udito e della funzione del nervo facciale

Se si sospetta una frattura dell'osso temporale, si raccomanda di eseguire immediatamente una TC dell'encefalo mirata allo studio dell'osso temporale. Le prove acustiche di Weber e Rinne con il diapason durante l'esame obiettivo iniziale in pazienti coscienti consentono la diagnosi differenziale tra i deficit uditivi di tipo trasmissivo e di tipo neuro-sensoriale. Tuttavia, un regolare esame audiometrico è necessario per tutti i pazienti con fratture ossee temporali. Se è presente paralisi del faciale, la stimolazione elettrica del nervo facciale è giustificata.

Trattamento

  • Gestione delle lesioni del nervo facciale, perdita di udito, disfunzione vestibolare e perdita di liquido cerebrospinale

Il trattamento si basa sulla gestione della lesione del nervo facciale, dell'ipoacusia, della disfunzione vestibolare e della fuoriuscita di liquido cerebrospinale. Può essere giustificata l'esplorazione chirurgica, se si verifica una paralisi immediata del nervo facciale con riduzione di risposta elettrica. La paralisi del facciale ad insorgenza ritardata o incompleta si risolve quasi sempre con il trattamento conservativo, che include la somministrazione a scalare di corticosteroidi.

La sordità di conduzione richiede la ricostruzione della catena degli ossicini diverse settimane o mesi dopo la lesione. Essa garantisce buoni risultati. Quando si verifica un'ipoacusia neuro-sensoriale, è tipicamente permanente e non esistono terapie mediche o chirurgiche in grado di migliorare l'udito. Tuttavia, nei rari casi di perdita neurosensoriale fluttuante dell'udito, può essere indicata una timpanotomia esplorativa alla ricerca di una fistola perilinfatica.

Quando la disfunzione vestibolare dipende da una fistola perilinfa, la riparazione può ridurre la gravità e la frequenza degli episodi vertiginosi. Quando la disfunzione consegue al trauma del nervo vestibolare o del labirinto vestibolare, alcuni interventi sono in grado di migliorare la prognosi. I sintomi possono diminuire quando sono usate le benzodiazepine. Un miglioramento più duraturo si può ottenere con la riabilitazione vestibolare.

I pazienti con una frattura dell'osso temporale e otorrea di liquido cerebrospinale devono essere ricoverati perché sono a rischio di meningite. La perdita di solito si arresta spontaneamente entro qualche giorno, anche se a volte sono necessari il drenaggio lombare o la sutura chirurgica del difetto. Il condotto uditivo non è irrigato o manipolato. L'utilizzo profilattico degli antibiotici è necessario in alcune situazioni.

Punti chiave

  • Le fratture temporali possono causare fuoriuscita di sangue dall'orecchio, la presenza di sangue dietro la membrana timpanica, la perdita dell'udito, una disfunzione vestibolare e/o una paralisi del nervo facciale.

  • Eseguire TC con attenzione all'osso temporale, indirizzare i pazienti per audiometria, e, se si sospetta una paralisi del nervo facciale, organizzare test elettrici del nervo facciale.

  • Trattamento diretto volto alla gestione delle lesioni del nervo facciale, della perdita dell'udito, della disfunzione vestibolare e della perdita di liquido cerebrospinale.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire una toracostomia con ago
Video
Come eseguire una toracostomia con ago
Modelli 3D
Vedi Tutto
Torace
Modello 3D
Torace

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE