Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Meningiomi

Di

Steven A. Goldman

, MD, PhD, University of Rochester Medical Center;


Nimish A. Mohile

, MD, University of Rochester Medical Center

Ultima modifica dei contenuti giu 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

I meningiomi sono tumori benigni delle meningi che possono comprimere il tessuto nervoso adiacente. I sintomi dipendono dalla sede del tumore. La diagnosi avviene tramite RM con mezzo di contrasto. Il trattamento può comprendere l'asportazione, la radiochirurgia stereotassica e talvolta la radioterapia.

I meningiomi, in particolare quelli con un diametro < 2 cm, sono tra i tumori endocranici più diffusi. I meningiomi sono gli unici tumori cerebrali più diffusi tra le donne. Questi tumori tendono a comparire tra i 40 e i 60 anni di età ma possono presentarsi nell'infanzia.

Questi tumori benigni possono svilupparsi dovunque sia presente la dura, più comunemente sopra le convessità vicino ai seni venosi, lungo la base cranica, e nella fossa posteriore e raramente nei ventricoli. Si possono sviluppare meningiomi multipli. I meningiomi comprimono ma non invadono il parenchima cerebrale. Possono invadere e deformare l'osso adiacente.

Vi sono molti tipi istologici; tutti presentano un simile decorso clinico, e alcuni divengono maligni.

Sintomatologia

I sintomi dei meningiomi dipendono da quale parte del cervello è compressa e quindi dalla sede del tumore ( Sintomi dei meningiomi in base alla localizzazione). Le neoplasie della linea mediana negli anziani possono provocare demenza con pochi altri segni neurologici focali.

Tabella
icon

Sintomi dei meningiomi in base alla localizzazione

Sede

Reperti

Base del cranio

Deficit visivo

Paralisi dell'oculomozione

Esoftalmo

Convessità cerebrale

Crisi epilettiche focali

Deficit cognitivi

In fase avanzata, segni di ipertensione endocranica

Clivus e apice della rocca petrosa

Disturbo della deambulazione

Atassia degli arti

Deficit riconducibili al V, VII e VIII nervo cranico

Foro occipitale

Dolore omolaterale suboccipitale

Paresi che inizia al braccio ipsilaterale e progredisce alla gamba ipsilaterale, quindi al braccio e alla gamba controlaterali

Talvolta segno di Lhermitte

Deficit dei nervi cranici (p. es., disfagia, disartria, nistagmo, diplopia, ipoestesia facciale)

Doccia olfattoria

Anosmia

Talvolta papilledema e deficit del visus

Parasagittale o falce

Paresi spastica o deficit sensitivo, che generalmente inizia alla gamba controlaterale, ma occasionalmente è bilaterale

Deficit cognitivi

Tumori tentoriali della fossa posteriore che si estendono superiormente o inferiormente

Idrocefalo

Ala dello sfenoide:

  • Porzione mediale (accrescimento nel seno cavernoso)

Paralisi dell'oculomozione

Intorpidimento del viso

  • Porzione intermedia (crescita anteriore nell'orbita)

Deficit visivo

Esoftalmo

  • Laterale (come una massa globulare o un meningioma "en plaque"*)

Convulsioni

Cefalea

Tubercolo della sella

Deficit visivo

Alterazioni ossee talora visibili con le tecniche di imaging

*Il meningioma "en plaque" tende a diffondersi nella dura, con ispessimento durale e invasione di ossa adiacenti; il tumore cresce talvolta nell'osso temporale.

Diagnosi

  • RM

La diagnosi dei meningiomi è simile a quella di altri tumori cerebrali, di solito tramite RM con mezzo di contrasto paramagnetico. Alterazioni ossee (p. es., iperostosi a livello della convessità, cambiamenti a livello del tubercolo sellare) possono essere visibili incidentalmente alla TC o alla RX standard.

Trattamento

  • Per meningiomi sintomatici o che tendono a crescere, escissione chirurgica o radioterapia

Per i piccoli meningiomi asintomatici, in particolare negli anziani, il monitoraggio con studi di neuroimaging seriati è sufficiente.

I meningiomi sintomatici o in crescita devono essere asportati, se possibile. Nei seguenti casi, la chirurgia può causare più danni rispetto al tumore ed è quindi differita:

  • I meningiomi sono grandi.

  • Invadono i vasi sanguigni (di solito le vene circostanti).

  • Sono vicini a aree critiche del cervello (p. es., il tronco cerebrale).

La radiochirurgia stereotassica è usata per i meningiomi chirurgicamente inaccessibili ed elettivamente per altri meningiomi. È inoltre utilizzata in caso di residuo tumorale dopo l'escissione chirurgica o quando il paziente è anziano.

Qualora la radiochirurgia stereotassica non si possa impiegare, oppure se un meningioma recidiva, può essere utile la radioterapia.

Punti chiave

  • I meningiomi sono tumori delle meningi che sono generalmente ma non sempre benigni.

  • Si verificano generalmente in età comprese tra 40 e 60 anni e sono più comuni nelle donne.

  • I sintomi sono molto variabili a seconda della localizzazione del tumore.

  • Asportazione sintomatica o tumori estesi; utilizzare la radiochirurgia stereotassica se il tumore rimane dopo l'escissione o non può essere asportato completamente.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come esaminare i riflessi
Video
Come esaminare i riflessi
Modelli 3D
Vedi Tutto
Vertebre e radici dei nervi spinali
Modello 3D
Vertebre e radici dei nervi spinali

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE