Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Tricuriasi

(Infestazione da tricocefali; Tricocefalosi)

Di

Richard D. Pearson

, MD, University of Virginia School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti mar 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Le tricuriasi sono infestazioni da Trichuris trichiura. I sintomi possono comprendere dolori addominali, diarrea e, nelle infestazioni massive, anemia e denutrizione. La diagnosi si basa sul riscontro di uova nelle feci. La terapia si basa su mebendazolo, albendazolo o ivermectina.

Tricuriasi è la 3a infestazione più diffusa da ascaridi. Si stima che 604-795 milioni di persone in tutto il mondo siano infestate. Il Trichuris trichiura è principalmente diffuso nei paesi in via di sviluppo tropicali o subtropicali, dove le feci umane vengono usate come fertilizzanti o dove le persone defecano sulla terra, ma le infestazioni si verificano anche nel sud degli Stati Uniti. I bambini sono più colpiti.

L'infestazione si trasmette per via oro-fecale. Le uova ingerite si schiudono e penetrano nelle cripte del tenue come larve. Dopo esser maturate per 1-3 mesi, i vermi migrano nel cieco e nel colon ascendente, dove aderiscono all'epitelio superficiale, si accoppiano e depongono le uova.

Si stima che i vermi adulti vivano da 1 a 2 anni, anche se alcuni possono vivere più a lungo.

Sintomatologia

Le infezioni di Trichuris leggero sono spesso asintomatiche.

I pazienti con le infestazioni massive possono avere dolore addominale, anoressia e diarrea; possono verificarsi perdita di peso, anemia e prolasso rettale, in particolare nei bambini.

Diagnosi

  • Esame microscopico delle feci

La diagnosi della tricuriasi si basa sull'esame microscopico delle feci; sono evidenti le caratteristiche uova a forma di limone con opercoli chiari alle due estremità. Quando l'anoscopia, la proctoscopia, o la colonscopia viene eseguita per altre indicazioni, possono essere rinvenuti i vermi adulti che si attorcigliano e protrudono nel lume intestinale.

L'emocromo con formula viene effettuato per verificare la presenza di anemia.

Trattamento

  • Mebendazole

  • In alternativa, albendazolo o ivermectina

È consigliato il mebendazolo 100 mg per via orale 2 volte/die per 3 giorni. Una singola dose di mebendazolo 500 mg è stata usata nei programmi di trattamento di massa. Le alternative sono albendazolo 400 mg per via orale 1 volta/die per 3 giorni o ivermectina 200 mcg/kg per via orale 1 volta/die per 3 giorni. Questi farmaci di solito non devono essere usati in gravidanza.

Se è previsto trattamento con ivermectina, i pazienti devono essere valutati per la coinfezione da Loa loa se sono stati in aree dell'Africa centrale dove essa viene trasmessa; l'ivermectina può indurre gravi reazioni nei pazienti con alti livelli di microfilarie di Loa loa.

La prevenzione della trichinosi è possibile attraverso buoni servizi igienici, il lavaggio delle mani e una buona igiene personale.

Punti chiave

  • La tricuriasi è principalmente diffusa nei paesi in via di sviluppo tropicali o subtropicali, dove le feci umane vengono usate come fertilizzanti o dove le persone defecano sulla terra, ma le infestazioni si verificano anche nel sud degli Stati Uniti, soprattutto nei bambini.

  • L'infestazione si trasmette per via oro-fecale.

  • Le infezioni lievi sono spesso asintomatiche; gravi infestazioni possono causare dolore addominale, anoressia, diarrea e, nei bambini, perdita di peso, anemia e prolasso rettale.

  • Per diagnosticare la tricuriasi, esaminare un campione di feci per identificare le caratteristiche uova a forma di limone con opercoli chiari alle due estremità.

  • Trattare con mebendazolo (raccomandato) l'albendazolo e l'ivermectina sono delle alternative.

  • Se è previsto un trattamento con ivermectina, valutare i pazienti per la coinfezione da Loa loa se sono stati in aree dell'Africa centrale dove essa viene trasmessa; l'ivermectina può indurre gravi reazioni nei pazienti con alti livelli di microfilarie di Loa loa.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul COVID-19
Video
Panoramica sul COVID-19
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE