Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Tricuriasi

(Infestazione da tricocefali; Tricocefalosi)

Di

Richard D. Pearson

, MD, University of Virginia School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti set 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

Le tricuriasi sono infestazioni da Trichuris trichiura. I sintomi possono comprendere dolori addominali, diarrea e, nelle infestazioni massive, anemia e denutrizione. La diagnosi si basa sul riscontro di uova nelle feci. La terapia si basa su mebendazolo, albendazolo o ivermectina.

La tricuriasi è la 3a infestazione trasmessa dal suolo più diffusa da ascaridi. Si stima che 604-795 milioni di persone in tutto il mondo siano infestate. Il Trichuris trichiura è principalmente diffuso nei paesi in via di sviluppo tropicali o subtropicali, dove le feci umane vengono usate come fertilizzanti o dove le persone defecano indiscriminatamente sulla terra. I bambini sono i più fortemente colpiti. Negli Stati Uniti, la maggior parte dei casi di tricuriasi si verifica in immigrati o viaggiatori di ritorno da aree endemiche con pochi servizi igienici e scarsa igiene, ma ci sono casi acquisiti localmente in alcune aree del sud.

L'infestazione si trasmette per via oro-fecale. Le uova ingerite si schiudono e penetrano nelle cripte del tenue come larve. Dopo esser maturate per 1-3 mesi, i vermi migrano nel cieco e nel colon ascendente, dove aderiscono all'epitelio superficiale, si accoppiano e depongono le uova.

Si stima che i vermi adulti vivano da 1 a 2 anni, anche se alcuni possono vivere più a lungo.

Sintomatologia della tricuriasi

Le infezioni di Trichuris leggero sono spesso asintomatiche.

I pazienti con le infestazioni massive possono avere dolore addominale, anoressia e diarrea; possono verificarsi perdita di peso, anemia e prolasso rettale, in particolare nei bambini.

Diagnosi della tricuriasi

  • Esame microscopico delle feci

La diagnosi della tricuriasi si basa sull'esame microscopico delle feci; sono evidenti le caratteristiche uova a forma di limone con opercoli chiari alle due estremità. Quando l'anoscopia, la proctoscopia, o la colonscopia viene eseguita per altre indicazioni, possono essere rinvenuti i vermi adulti che si attorcigliano e protrudono nel lume intestinale.

L'emocromo con formula viene effettuato per verificare la presenza di anemia.

Trattamento della tricuriasi

  • Mebendazole

  • Albendazolo

  • Ivermectina

Il mebendazolo 100 mg per via orale 2 volte/die per 3 giorni è efficace per i pazienti con tricuriasi. Una singola dose di mebendazolo 500 mg è stata usata nei programmi di trattamento di massa. Per singoli pazienti è anche efficace l'albendazolo 400 mg per via orale 1 volta/die per 3 giorni o l'ivermectina 200 mcg/kg per via orale 1 volta/die per 3 giorni. Questi farmaci di solito non devono essere usati in gravidanza.

Se è previsto trattamento con ivermectina, i pazienti devono essere valutati per la coinfezione da Loa loa Loiasi La loiasi è un'infezione da nematode filariale da Loa loa. I sintomi comprendono edema localizzato (edema del Calabar) nella pelle e migrazione sottocongiuntivale dei vermi adulti. La diagnosi... maggiori informazioni  Loiasi se sono stati in aree dell'Africa centrale dove essa viene trasmessa; l'ivermectina può indurre gravi reazioni nei pazienti con alti livelli di microfilarie di Loa loa.

La prevenzione della tricuriasi è possibile attraverso efficaci sistemi di smaltimento delle acque reflue, la preparazione di alimenti sanitari, l'evitamento di acqua potenzialmente contaminata e una buona igiene personale, incluso il lavaggio delle mani.

Punti chiave sulla tricuriasi

  • La tricuriasi è principalmente diffusa nei paesi in via di sviluppo tropicali o subtropicali, dove le feci umane vengono usate come fertilizzanti o dove le persone defecano sulla terra, ma le infestazioni si verificano anche nel sud degli Stati Uniti, soprattutto nei bambini.

  • L'infestazione si trasmette per via oro-fecale.

  • Le infezioni lievi sono spesso asintomatiche; gravi infestazioni possono causare dolore addominale, anoressia, diarrea e, nei bambini, perdita di peso, anemia e prolasso rettale.

  • Per diagnosticare la tricuriasi, esaminare un campione di feci per identificare le caratteristiche uova a forma di limone con opercoli chiari alle due estremità.

  • Trattare con mebendazolo, albendazolo, o ivermectina.

  • Se è previsto un trattamento con ivermectina, valutare i pazienti per la coinfezione da Loa loa se sono stati in aree dell'Africa centrale dove essa viene trasmessa; l'ivermectina può indurre gravi reazioni nei pazienti con alti livelli di microfilarie di Loa loa.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Vaiolo
In ragione della vaccinazione su scala mondiale, l’attuale minaccia di un’epidemia di vaiolo proviene con maggiore probabilità da quale tra le seguenti opzioni?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE