Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Infestazione da ossiuri

(Enterobiasi; Ossiuriasi)

Di

Richard D. Pearson

, MD, University of Virginia School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti mar 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

L'enterobiasi è un'infestazione intestinale da Enterobius vermicularis, generalmente dei bambini. Il sintomo principale è il prurito perianale. La diagnosi si basa sull'identificazione visiva di vermi filiformi nell'area perianale o sullo scotch-test per l'identificazione delle uova. La terapia si basa su mebendazolo, pirantel pamoato o albendazolo.

L'infestazione da ossiuri è la più diffusa infezione da elminti negli Stati Uniti. La maggior parte dei casi si verifica nei bambini in età scolare, negli adulti che si prendono cura dei bambini o nei familiari di un bambino infetto.

Fisiopatologia

L'infestazione di ossiuri avviene di solito per trasferimento delle uova del parassita dalla regione anale a veicoli (vestiario, biancheria da letto, mobili, coperte, giocattoli, sedili da water), da cui le uova passano a un nuovo ospite, portate alla bocca e ingoiate. Il succhiarsi il pollice è un fattore di rischio. La re-infestazione (auto-infestazione) può verificarsi facilmente attraverso le dita contaminate che trasportano le uova dalla regione perianale alla bocca. Le infestazioni da ossiuri sono state anche attribuite alla pratica dell'anilingus tra gli adulti.

Gli ossiuri raggiungono la loro maturità nel tratto gastrointestinale basso in 2-6 settimane. La femmina migra fuori dall'ano fino alla regione perianale (generalmente durante la notte) e deposita le uova. I movimenti del verme femmina e la sostanza gelatinosa viscosa in cui deposita le uova causano prurito perianale. Le uova possono sopravvivere sui veicoli per 3 settimane alla normale temperatura domestica.

Sintomatologia

La maggior parte delle persone infestate non presenta sintomi o segni, ma alcuni accusano prurito perianale e sviluppano escoriazioni perianali da grattamento. Possono svilupparsi infezioni batteriche secondarie a livello cutaneo. Raramente, le femmine che migrano risalgono il tratto genitale femminile, provocando vaginite e, ancor meno comunemente, lesioni peritoneali.

Molte altre condizioni (p. es., dolori addominali, insonnia, convulsioni) sono state attribuite all'infestazione da ossiuri, ma una relazione causale è improbabile. In alcune forme di appendicite sono stati ritrovati ossiuri che ostruivano il lume appendicolare, ma la presenza dei parassiti può essere una coincidenza.

Diagnosi

  • Esame della regione perianale per la ricerca di vermi, uova, o entrambi

L'infestazione da ossiuri può essere diagnosticata ricercando il verme femmina, che ha una lunghezza dagli 8 ai 13 mm (i maschi sono dai 2 ai 5 mm), nella regione perianale 1 o 2 h dopo che il bambino è stato messo a letto o al mattino, o utilizzando il microscopio per identificare le uova allo scotch test. Le uova vanno ricercate al primo mattino prima che il bambino si alzi, toccando le pieghe perianali con una striscia di nastro adesivo, che viene posto con il lato adesivo su un vetrino ed esaminato al microscopio. Le uova da 30 x 50 micron sono ovali, con un sottile guscio contenente una larva arrotolata. Una goccia di toluene posta fra la striscia e il vetrino dissolve l'adesivo ed elimina le bolle d'aria sotto il nastro che possono impedire l'identificazione delle uova. Questa procedura deve essere ripetuta per 3 mattine successive se necessario.

A volte, la diagnosi si può fare esaminando campioni prelevati da sotto le unghie del paziente.

Le uova possono anche essere riscontrate, ma meno frequentemente, nelle feci, nell'urina o nello striscio vaginale.

Trattamento

  • Mebendazolo, pirantel pamoato o albendazolo

Dato che l'infestazione da ossiuri solo di rado è dannosa, la prevalenza è alta e la re-infestazione è frequente, il trattamento è indicato solo per le infezioni sintomatiche. Tuttavia, la maggior parte dei genitori richiede il trattamento quando il figlio manifesta ossiuriasi.

Una singola dose di uno dei seguenti, ripetuta dopo 2 settimane, è efficace per eradicare gli ossiuri (ma non le uova) in > 90% circa dei casi:

  • Mebendazole 100 mg per via orale (indipendentemente dall'età)

  • Pyrantel pamoato 11 mg/kg (dose massima di 1 g) per via orale (disponibile come farmaco da banco)

  • Albendazolo 400 mg per via orale

I preparati di vaselina carbolata (ossia, contenente acido fenico) o altre creme o unguenti anti-pruriginosi applicati localmente nella regione perianale possono alleviare il prurito.

Prevenzione

La re-infestazione da ossiuri è frequente, perché le uova vitali possono essere eliminate fino a 1 settimana dopo la terapia, e perché le uova depositate nell'ambiente prima della terapia possono sopravvivere 3 settimane. Le infestazioni multiple tra i familiari sono comuni e può essere necessario il trattamento dell'intero nucleo familiare.

Quanto segue può aiutare a prevenire la diffusione degli ossiuri:

  • Lavarsi le mani con acqua calda e sapone dopo aver usato la toilette, dopo aver cambiato i pannolini, e prima di toccare il cibo (il modo più efficace)

  • Lavare frequentemente indumenti, biancheria da letto e giocattoli

  • Se le persone sono infette, fare la doccia ogni mattina per contribuire a rimuovere le uova sulla pelle

  • Pulire l'ambiente con l'aspirapolvere in modo da cercare di eliminare le uova

Punti chiave

  • L'infestazione da ossiuri è l'infezione da elminti più comune negli Stati Uniti; la maggior parte dei casi si verifica nei bambini in età scolare, negli adulti che si prendono cura dei bambini o nei familiari di un bambino infetto.

  • L'infestazione da ossiuri è raramente dannosa e la reinfestazione è comune.

  • Le uova depositate nell'ambiente possono sopravvivere 3 settimane.

  • Le uova degli ossiuri possono essere ingerite quando i soggetti si toccano la bocca dopo aver grattato la zona perianale o dopo aver toccato vestiti contaminati o altri oggetti (p. es., lenzuola).

  • La maggior parte delle persone infestate non presenta sintomi o segni, ma alcuni accusano prurito perianale.

  • Diagnosticare l'infestazione da ossiuri procedendo alla raccolta di ovuli al mattino su nastro di cellofan e utilizzando un microscopio a bassa potenza per identificarli; la diagnosi può essere fatta anche trovando il verme femminile nella regione perianale 1 o 2 h dopo che un bambino va a letto la sera.

  • Se i pazienti hanno infezioni sintomatiche, trattare con mebendazolo, pirantel pamoato o albendazolo.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come lavarsi le mani
Video
Come lavarsi le mani
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE