Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Dracunculosi

(Malattia del verme della Guinea; Serpente ardente)

Di

Richard D. Pearson

, MD, University of Virginia School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti mar 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La dracunculosi è l'infestazione da Dracunculus medinensis. I sintomi consistono in lesioni cutanee dolorose e infiammate che contengono un verme adulto e in un'artrite debilitante. La diagnosi viene effettuata con l'ispezione. Il trattamento prevede la lenta rimozione del verme adulto. La dracunculiasi è prossima all'eradicazione.

A metà degli anni '80, 3,5 milioni di persone avevano la dracunculiasi, ma entro il 2015, grazie agli sforzi internazionali per interrompere la trasmissione, sono stati segnalati solo 22 casi. Si sono verificati all'interno di una stretta fascia di paesi africani, Sud Sudan, Ciad, Mali ed Etiopia.

Il verme di Guinea è probabilmente il primo parassita umano a essere stato eradicato (1).

Riferimenti

  • 1. Editorial: Guinea worm disease nears eradication. The Lancet Infectious Diseases 16 (2):131, 2016. doi: http://dx.doi.org/10.1016/S1473-3099(16)00020-7.

Fisiopatologia

Gli uomini si infestano bevendo acqua contenente microcrostacei infetti (copepodi). Le larve vengono quindi rilasciate, penetrano la parete intestinale e maturano all'interno della cavità addominale in vermi adulti in circa 1 anno.

Dopo l'accoppiamento, il maschio muore e la femmina gravida migra attraverso i tessuti sottocutanei, normalmente all'estremità distale degli arti inferiori. L'estremità cefalica del verme produce una papula dura che forma una vescicola e che alla fine si ulcera. A contatto con l'acqua (p. es., quando una persona immerge l'arto affetto per cercare sollievo) un'ansa dell'utero del verme prolassa attraverso la cute e libera larve mobili. I vermi che non raggiungono la cute muoiono e si disintegrano o diventano calcifici. Le larve vengono ingerite dai copepodi.

Nella maggior parte delle zone endemiche, la trasmissione è stagionale ed ogni episodio infettivo dura circa 1 anno.

Sintomatologia

La dracunculosi è tipicamente asintomatica durante il primo anno. I sintomi tipicamente si sviluppano quando si verifica l'emergenza del verme attraverso la pelle. I sintomi locali comprendono prurito intenso e dolore urente a livello della sede della lesione cutanea. Si ritiene che orticaria, eritema, dispnea, vomito e prurito siano causati dalla reazione allergica verso gli antigeni del verme. Se il verme si rompe durante l'espulsione o l'estrazione, ne consegue una grave reazione infiammatoria causando dolore intenso. I sintomi cessano e l'ulcera guarisce una volta che il verme adulto è stato espulso. In circa il 50% dei casi, si verificano infezioni batteriche secondarie lungo il percorso del verme emergente.

La fase cronica dell'infezione è associata a infiammazione e dolore alle articolazioni e ad altri segni di artrite. Le sequele comprendono anchilosi fibrosa delle articolazioni e retrazioni tendinee.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

La diagnosi di dracunculosi è ovvia nel momento in cui si evidenzia un verme adulto bianco, filamentoso a livello di un'ulcera cutanea. I vermi calcificati possono essere localizzati con l'esame RX; sono stati ritrovati in mummie egizie.

Non sono disponibili test sierodiagnostici.

Trattamento

  • Estrazione manuale

La terapia della dracunculosi consiste nella lenta rimozione del verme adulto (che può essere lungo fino a 80 cm) per giorni e settimane arrotolandolo su un bastoncino. La rimozione chirurgica in anestesia locale è una possibilità, tuttavia raramente è utilizzabile nelle aree endemiche.

Non ci sono farmaci antielmintici efficaci per questa malattia; l'effetto benefico del metronidazolo (250 mg per via orale 3 volte/die per 10 giorni) è stato attribuito alle proprietà antinfiammatorie e antibatteriche del farmaco.

Prevenzione

La filtrazione dell'acqua con garze a maglia fine, la clorazione o la bollitura costituiscono una protezione efficace verso la dracunculosi. Le persone infette devono essere istruite a non immergersi in fonti di acqua potabile per evitare loro contaminazione.

Punti chiave

  • Il verme di Guinea è stato quasi sradicato.

  • Quando una persona infetta immerge l'estremità colpita in acqua per alleviare l'intenso disagio causato dall'eruzione del verme femminile attraverso la pelle, le larve vengono rilasciate e ingerite dai microcrostacei; gli esseri umani sono infetti quando ingeriscono acqua contaminata con i microcrostacei.

  • Se un verme si rompe durante l'espulsione o l'estrazione, ne consegue una grave reazione infiammatoria causando dolore intenso.

  • Diagnosticare sulla base dell'osservazione di un verme adulto bianco filamentoso a un'ulcera cutanea.

  • Trattare la dracunculiasi rimuovendo lentamente il verme adulto per giorni o settimane arrotolandolo su un bastone o, a volte, rimuovendolo chirurgicamente.

  • La filtrazione dell'acqua con garze a maglia fine, la clorazione o la bollitura costituiscono una protezione efficace verso la dracunculosi.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come lavarsi le mani
Video
Come lavarsi le mani
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE