Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Screening

Di

Robert Peter Gale

, MD, PhD, Imperial College London

Ultima modifica dei contenuti lug 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Un tumore può, a volte, essere identificato in pazienti asintomatici attraverso la regolare esecuzione dell'esame obiettivo e di test di screening. (Vedi anche Panoramica sui tumori.)

Una fase della visita medica di routine deve essere dedicata a un esame obiettivo teso alla valutazione di neoplasie di tiroide, cavo orale, cute, linfonodi, testicoli, prostata, cervice e ovaie.

I test di screening sono esami che vengono effettuati in pazienti asintomatici appartenenti a categorie a rischio. Il razionale dei test di screening sta nel fatto che la diagnosi precoce può ridurre la mortalità per cancro attraverso una diagnosi di malattia in fase precoce e curabile. La diagnosi precoce può consentire il ricorso a terapie meno radicali e la riduzione dei costi. I rischi comprendono i risultati falsi positivi, che necessitano di test di conferma (p. es., valutazioni bioptiche, endoscopiche) che possono determinare ansia, morbilità significativa, e costi elevati; e risultati falsi negativi, che possono fornire al paziente un erroneo senso di sicurezza, portandolo ad ignorare i sintomi susseguenti.

Lo screening va riservato alle seguenti circostanze:

  • Quando è possibile identificare un gruppo ad alto rischio (p. es., individui con anamnesi familiare positiva per cancro della mammella o della prostata)

  • Quando la patologia ha una fase asintomatica durante cui il trattamento può modificarne l'esito (cancro della mammella, cancro del colon)

  • Quando la morbilità della malattia è rilevante se la diagnosi è ritardata

  • Quando è disponibile un test di screening sensibile, specifico ed economico

I piani di screening raccomandati sono in costante evoluzione sulla base degli studi in corso (vedi tabella Procedure di screening in soggetti asintomatici a rischio medio come raccomandato dall'American Cancer Society). Le attuali considerazioni sullo screening includono la crescente comprensione secondo cui alcuni risultati (in particolare nei tessuti della prostata e del seno) che appaiono cancerosi possono non progredire fino al cancro in una persona. Per esempio, lo screening di routine per i livelli ematici di antigene prostatico specifico negli uomini e le mammografie di screening di routine nelle donne può portare a risultati bioptici che un patologo considera cancro ma che non si manifesterà clinicamente come un cancro o che il manifestarsi come cancro non influirà negativamente sulla sopravvivenza. In questi casi, le persone possono ricevere dei trattamenti contro il cancro (p. es., chirurgia, chemioterapia, radioterapia) che non li avvantaggiano.

Il problema chiave nello screening è quante persone devono essere sottoposte a screening per prevenire una morte per cancro e quante persone riceveranno interventi non necessari. A causa di queste complessità, vi è una notevole controversia su chi deve essere sottoposto a screening e a quale età per quali tipi di cancro. Presentiamo le raccomandazioni dall'American Cancer Society; le raccomandazioni di altre organizzazioni professionali e organismi scientifici (p. es., l'US Preventive Services Task Force) possono essere diverse.

Tabella
icon

Raccomandazioni dell'American Cancer Society* sulle procedure di screening nei soggetti asintomatici

Tipo di tumore

Procedura

Frequenza

Mammella

Mammografia

Donne tra 40 e 44 anni: opzione per iniziare lo screening annuale

Donne tra i 45 e i 54 anni: annuale

Donne ≥ 55: ogni 2 anni; lo screening continua finché la donna è in buona salute e prevede di vivere almeno altri 10 anni

Carcinoma della cervice uterina

Test di Papanicolaou (Pap) con test di screening per la ricerca del papillomavirus umano

Pap test ogni 3 anni, tra i 21 e 29 anni

Pap test e test del papillomavirus umano ogni 5 anni per donne di età compresa tra 30 e 65 anni o Pap test ogni 3 anni

Dopo 65 anni, nessun test, se i test precedentemente effettuati sono risultati normali

Cancro della prostata

Dosaggio sierico dell'antigene prostatico specifico (PSA)

Visto che il beneficio dello screening è incerto, paziente e medico dovranno discutere rischi e possibili benefici dello screening del cancro della prostata a partire dai 50 anni.

Tumori del retto e del colon

Esame delle feci: ricerca del sangue occulto, test immunochimico fecale, o test del DNA fecale

o

Annualmente, a partire dai 50 anni di età (ogni 3 anni per il test del DNA delle feci)

Sigmoidoscopia flessibile

o

Ogni 5 anni, a partire dai 50 anni di età

Colonscopia

o

Ogni 10 anni, a partire dai 50 anni di età

TC-colonscopia

Ogni 5 anni, a partire dai 50 anni di età

*I pazienti ad alto rischio di alcuni tumori potrebbero dover essere sottoposti a screening in base a un programma diverso.

Durante le visite mediche di routine si deve effettuare un esame obiettivo orientato alla valutazione dei tumori di tiroide, cavo orale, cute, linfonodi, testicoli e ovaie.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul recettore ADP
Video
Panoramica sul recettore ADP
I recettori dell'adenosina difosfato sono proteine integrali incorporate in una membrana piastrinica...
Biopsia del midollo osseo
Video
Biopsia del midollo osseo

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE