Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Tossicità della vitamina A

(Tossicità del retinolo)

Di

Larry E. Johnson

, MD, PhD, University of Arkansas for Medical Sciences

Ultima modifica dei contenuti ago 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

La tossicità della vitamina A può essere acuta (solitamente dovuta a ingestione accidentale da parte dei bambini) o cronica. Entrambi i tipi causano solitamente la cefalea e l'aumento della pressione endocranica. La tossicità acuta provoca nausea e vomito. L'intossicazione cronica provoca cambiamenti in pelle, capelli e unghie; anomalie nei risultati dei test epatici; e, nel feto, difetti di nascita. La diagnosi è generalmente clinica. A meno che non siano presenti anomalie congenite, l'aggiustamento del dosaggio porta quasi sempre a una guarigione completa.

La vitamina A è necessaria per la formazione della rodopsina, un pigmento fotorecettore presente nella retina (vedi tabella Fonti, funzioni ed effetti delle vitamine). La vitamina A aiuta a mantenere i tessuti epiteliali ed è importante per la stabilità del lisosoma e la sintesi della glicoproteina.

Le fonti alimentari di vitamina A preformata comprendono oli di fegato di pesce, fegato, tuorli d'uovo, burro e latticini arricchiti con vitamina A. Normalmente, nel fegato si deposita l'80-90% della vitamina A del corpo. Per usare la vitamina A, l'organismo la rilascia in circolo legata alla prealbumina (transtiretina) e alla proteina legante il retinolo. Il beta-carotene o gli altri carotenoidi provitaminici, contenuti nelle verdure a foglia verde e nei vegetali di colore giallo, nelle carote e nella frutta di colori intensi e vivaci, sono convertiti in vitamina A. I carotenoidi sono assorbiti meglio dalle verdure quando vengono cucinate oppure omogeneizzate e servite con un po' di grassi (p. es., oli).

Le attività retinolo equivalenti (retinol activity equivalents, RAE) sono state sviluppate perché i carotenoidi della provitamina A hanno meno "attività vitaminica A" della vitamina A preformata; 1 mcg retinolo = 3,33 unità.

Gli analoghi sintetici della vitamina (retinoidi) sono usati sempre più frequentemente in dermatologia. È oggetto di studio un possibile effetto protettivo del beta-carotene, del retinolo e dei retinoidi nei confronti di alcuni tumori maligni epiteliali. Tuttavia, il rischio di alcuni tipi di cancro può essere aumentato dopo la supplementazione di beta-carotene.

L'intossicazione acuta da vitamina A nei bambini può essere causata dall'assunzione, di solito accidentale, di dosi elevate (> 300 000 unità [> 100 000 RAE]). Nei soggetti adulti, la tossicità acuta si è verificata quando gli esploratori artici ingerirono il fegato di orso polare o di foca, che contiene diversi milioni di unità di vitamina A.

L'intossicazione cronica da vitamina A nei bambini più grandi e negli adulti si sviluppa di solito in seguito all'assunzione di dosi > 100 000 unità (> 30 000 RAE)/die per mesi. La terapia megavitaminica è una possibile causa, come lo sono dosi giornaliere massive (da 150 000 a 350 000 unità [50 000 a 120 000 RAE]) di vitamina A o dei suoi metaboliti, che sono talvolta somministrati per l'acne nodulare o per altre malattie cutanee. Tali megadosi possono causare tossicità epatica. Gli adulti che consumano dosi > 4500 unità (> 1500 RAE)/die di vitamina A, possono sviluppare l'osteoporosi. Se ai neonati si somministrano dosi eccessive (da 18 000 a 60 000 unità [da 6000 a 20 000 RAE/die]) di vitamina A idrosolubile, la tossicità si manifesta in poche settimane. I difetti congeniti si verificano nei bambini di donne che ricevono isotretinoina (che è correlata alla vitamina A) per il trattamento dell'acne durante la gravidanza. Le megadosi di vitamina A possono causare tossicità epatica.

Sebbene il carotene sia convertito in vitamina A nell'organismo, l'ingestione eccessiva di carotene causa la carotenemia e non tossicità da vitamina A. La carotenemia è di solito asintomatica, ma spesso può determinare la carotenosi, dove la cute diventa gialla.

Quando assunto come un supplemento, il beta-carotene è stato associato a un aumentato rischio di cancro; il rischio non sembra aumentare quando i carotenoidi sono consumati nella frutta e nella verdura.

Sintomatologia

Anche se i sintomi di tossicità da vitamina A possono variare, in genere, durante l'intossicazione acuta o cronica, si sviluppano la cefalea e le eruzioni cutanee.

La tossicità acuta causa un aumento della pressione endocranica. Sono frequenti la sonnolenza, l'irritabilità, il dolore addominale, la nausea e il vomito. Talvolta, poi, la cute si desquama.

Sintomi precoci d'intossicazione cronica sono capelli ruvidi e radi; alopecia delle sopracciglia; pelle secca e ruvida; occhi asciutti; secchezza delle labbra. Successivamente, si manifestano la cefalea intensa, lo pseudotumor cerebri e l'astenia generalizzata. L'iperostosi corticale dell'osso e l'artralgia possono presentarsi, specialmente nei bambini. Le fratture si possono verificare facilmente, soprattutto negli anziani. Nei bambini, la tossicità può causare il prurito, l'inappetenza e lo scarso accrescimento. Possono sopravvenire l'epatomegalia e la splenomegalia.

Nella carotenosi, la cute (ma non le sclere) assume un colorito giallo intenso, specialmente sul palmo delle mani e sulla pianta dei piedi.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

La diagnosi di intossicazione da vitamina A è clinica. I livelli di vitamina nel sangue sono scarsamente correlati con la tossicità. Tuttavia, qualora la diagnosi clinica sia dubbia, le analisi di laboratorio possono essere d'aiuto. Nella tossicità da vitamina A, i livelli nel siero di retinolo a digiuno possono subire un incremento dal normale (da 28 a 86 mcg/dL [da 1 a 3 mcmol/L]) a > 100 mcg/dL (> 3,49 mcmol/L), a volte > 2000 mcg/dL (> 69,8 mcmol/L). L'ipercalcemia è frequente.

Può essere difficile differenziare la tossicità da vitamina A da altre patologie. La carotenosi si può manifestare anche nell'ipotiroidismo grave e nell'anoressia nervosa, forse perché il carotene è convertito in vitamina A più lentamente.

Prognosi

Di solito se si sospende l'assunzione di vitamina A si verifica una guarigione completa. La sintomatologia e i segni di tossicità cronica di solito scompaiono entro 1-4 settimane. Tuttavia, le anomalie congenite nel feto di una madre che abbia assunto delle megadosi di vitamina A non sono reversibili.

Trattamento

La vitamina A è sospesa.

Punti chiave

  • L'intossicazione da vitamina A può essere causata da ingestione di alte dosi di vitamina A-acuta (di solito accidentalmente dai bambini) o cronica (p. es., come terapia megavitaminica o trattamento per disturbi della pelle).

  • La tossicità acuta causa rash, dolore addominale, aumento della pressione endocranica, e vomito.

  • L'intossicazione cronica provoca eruzioni cutanee, aumento della pressione intracranica, capelli radi e grossolani, pelle secca e ruvida, e artralgia; il rischio di fratture aumenta, soprattutto negli anziani.

  • Diagnosticare in base ai segni clinici.

  • Quando la vitamina A non viene più somministrata, i sintomi (tranne difetti di nascita) di solito si risolvono entro 1-4 settimane.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
bypass gastrico alla Roux-en-Y
Video
bypass gastrico alla Roux-en-Y
Il processo digestivo inizia nella bocca, dove la masticazione e la saliva degradano il cibo...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE