Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Come drenare un ascesso dentale

Di

Peter J. Heath

, DDS, MD, American Board of Oral and Maxillofacial Surgeons

Ultima modifica dei contenuti dic 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

L'incisione intraorale e il drenaggio di un ascesso dentale non complicato vengono eseguiti per fornire analgesia e per limitare un'ulteriore e più profonda diffusione dell'infezione.

Indicazioni

  • Ascesso parodontale o periapicale o cellulite (ossia, che è iniziato come un ascesso periapicale)

Controindicazioni

Controindicazioni assolute

  • Infezione con segni di rapida diffusione (p. es., febbre alta, tachicardia, tachipnea) o ostruzione delle vie aeree superiori (p. es., stridore, voce ovattata): tali pazienti devono essere rapidamente esaminati e gestiti in un pronto soccorso.

  • Infezione che si estende fino alla superficie cutanea: tali pazienti devono essere indirizzati a un chirurgo orale e maxillo-facciale, per un'incisione extraorale e il drenaggio dell'ascesso.

Controindicazioni relative

  • Infezione nel percorso di inserimento dell'ago: utilizzare un blocco nervoso o un'altra anestesia.

  • Coagulopatia*: quando possibile, correggere prima dell'intervento.

  • Gravidanza: quando possibile evitare il trattamento nel 1o trimestre.

*La terapia anticoagulante (p. es., per embolia polmonare) aumenta il rischio di sanguinamento al momento dell'estrazione del dente, ma questo deve essere bilanciato contro l'aumento del rischio di trombosi (p. es, ictus) in caso di sospensione della terapia anticoagulante. Qualsiasi variazione sulla terapia anticoagulante va prima discussa con il medico che la gestisce e poi con il paziente.

Complicanze

  • Complicanze locali dell'anestetico

  • Diffusione dell'infezione

  • Non riuscire a drenare adeguatamente l'ascesso

Attrezzatura

  • Poltrona odontoiatrica o una barella

  • Sorgente luminosa per l'illuminazione intraorale

  • Guanti sterili

  • Maschera e occhiali di sicurezza o una visiera

  • Tamponi di garza

  • Applicatori con punta in cotone

  • Specchio odontoiatrico o abbassalingua

  • Aspirazione

  • Sciacqui con antisettici orali (p. es., clorexidina 0,12%)

  • Bisturi (lama #11 o #15)

  • Divaricatori (p. es., divaricatore per guance Minnesota)

  • Porta aghi

  • Agente emostatico

  • Sutura (p. es., seta 3-0 o altre suture morbide non assorbibili)

  • Drenaggio di Penrose (1 cm) o un sostituto (p. es., taglio di una striscia da un guanto sterile)

Attrezzatura per eseguire l'anestesia locale:

  • Unguento topico anestetico* (p. es., lidocaina 5%, benzocaina 20%)

  • Anestetico locale iniettabile come lidocaina 2% con o senza adrenalina† 1:100 000, o per anestesia di lunga durata, bupivacaina 0,5% con o senza adrenalina† 1:200 000

  • Siringa odontoiatrica di aspirazione (con cilindro stretto e cartucce di anestetico iniettabile su misura) o altra siringa a cilindro stretto (p. es., 3 mL) con sistema di blocco del mozzo

  • Ago da 25 o 27 gauge: 2 cm di lunghezza per l'infiltrazione sopraperiosteale; 3 cm di lunghezza per i blocchi nervosi

* ATTENZIONE: tutte le preparazioni anestetiche topiche vengono assorbite dalle superfici mucose e un'intossicazione può derivare dal superamento dei limiti di dose. Gli unguenti sono più facili da controllare rispetto ai liquidi e ai gel topici meno concentrati. L'eccesso di benzocaina raramente può provocare metaemoglobinemia.

† Dose massima di anestetici locali: lidocaina senza adrenalina, 5 mg/kg; lidocaina con adrenalina, 7 mg/kg; bupivacaina, 1,5 mg/kg. NOTA: una soluzione all'1% (di qualsiasi sostanza) corrisponde a 10 mg/mL (1 gm/100 mL). L'adrenalina provoca vasocostrizione, che prolunga l'effetto anestetico. I pazienti con malattia cardiaca devono ricevere solo limitate quantità di adrenalina (massimo 3,5 mL di soluzione contenente 1:100 000 adrenalina); in alternativa, utilizzare un anestetico locale senza adrenalina.

Considerazioni aggiuntive

  • Le iniezioni di anestetico locale inoculate in un ascesso possono essere inefficaci (a causa dell'ambiente a basso pH), quindi può essere necessaria una soluzione superiore al normale. Fare attenzione a non superare la dose massima. Anche le iniezioni locali rischiano di diffondere l'infezione, quindi è preferibile un blocco del nervo del dente, una sedazione procedurale o un altro tipo di anestesia. Le infiltrazioni locali possono essere inoculate nel tessuto non infetto adiacente ad un ascesso, se necessario per integrare un blocco nervoso.

  • Eseguire una radiografia periapicale o panoramica per verificare la fonte dell'infezione, la posizione e l'entità della distruzione ossea, il tipo e l'estensione dell'ascesso.

  • La profilassi antibiotica per l'endocardite deve essere somministrata su certi pazienti ad alto rischio prima del drenaggio di un ascesso dentale.

  • I test microbiologici di solito non sono necessari per gli ascessi localizzati, ma devono essere eseguiti se il paziente è immunocompromesso, se l'infezione è ricorrente o se il paziente ha fallito una precedente terapia chirurgica/antibiotica.

Aspetti di anatomia rilevanti

Gli ascessi che vengono drenati tramite incisione intraorale comprendono:

  • Ascesso parodontale che origina tra il dente e la sua linea gengivale, con possibile estensione in spazi fasciali adiacenti (p. es., spazio vestibolare o buccale)

  • Ascesso periapicale che si è diffuso attraverso il dente, fuori dall'apice, attraverso l'osso circostante e nei tessuti molli/spazi fasciali circostanti

Posizionamento

  • Posizionare il paziente inclinato, con la testa del paziente a livello dei gomiti e l'occipite appoggiato.

  • Per la mascella inferiore, utilizzare una posizione seduta semi-sdraiata, rendendo il piano occlusale inferiore approssimativamente parallelo al suolo quando la bocca è aperta.

  • Per la mascella superiore, utilizzare una posizione più supina, mettendo il piano occlusale superiore a circa 60-90 gradi rispetto al suolo.

  • Girare la testa ed estendere il collo in modo che il sito dell'ascesso sia accessibile.

Descrizione passo dopo passo della procedura

  • Indossare guanti sterili e una maschera e occhiali di sicurezza o una visiera.

  • Spingere indietro i tessuti molli (p. es., guancia o lingua) per esporre l'ascesso.

Somministrare l'anestesia

  • Utilizzare una garza per asciugare accuratamente la zona. Se necessario, utilizzare l'aspirazione per mantenere la zona asciutta.

  • Applicare l'anestetico topico con applicatori con punta in cotone, e attendere 2-3 minuti fino a quando si verifica l'anestesia.

  • Eseguire un blocco del nervo sito-appropriato, ma solo se l'ago anestetizzante non dissemini l'infezione dal tessuto infetto verso i tessuti non infetti (fare riferimento a Come eseguire un blocco del nervo alveolare inferiore, Come eseguire un blocco del nervo mentale, o Come eseguire un'infiltrazione sopraperiostea).

  • In alternativa (o se il blocco nervoso non è adeguato), fare un'infiltrazione locale (blocco di campo) intorno all'ascesso: iniettare 1-2 mL nella mucosa anteriore e posteriore all'ascesso, e quindi nei siti lungo la circonferenza. Non attraversare nessun tessuto infetto con l'ago.

  • Attendere un tempo sufficiente affinché l'anestetico diventi efficace (da 5 a 10 minuti).

  • In attesa dell'esordio dell'anestesia, chiedere al paziente di eseguire uno sciacquo di 30 secondi con clorexidina orale allo 0,12%. Se la clorexidina non è disponibile, tamponare il sito dell'incisione con l'iodopovidone.

  • Se necessario, prendere in considerazione la sedazione o un'altra anestesia.

Incidere e drenare l'ascesso

  • Palpare l'ascesso per determinarne l'estensione e l'area in cui si può ottenere il massimo drenaggio dipendente.

  • Praticare un'incisione di 1-2 cm nell'ascesso vicino al suo punto più fluttuante, ma non nel tessuto necrotico o friabile quando possibile. Provare ad entrare perpendicolarmente all'osso sottostante.

  • Utilizzare l'aspiratore e la garza per rimuovere il pus essudante.

  • Inserire un emostato in tutta la profondità dello spazio ascesso. Aprire le mascelle per rompere tutte le loculazioni. Fare questo in più direzioni per aprire l'intero spazio. Ad ogni entrata, una volta che le mascelle sono aperte, non chiuderle mentre si è nello spazio dell'ascesso, per evitare di schiacciare le strutture vitali e tenere le mascelle aperte mentre si rimuove l'emostatico.

  • Irrorare copiosamente lo spazio dell'ascesso con soluzione fisiologica sterile utilizzando una grande siringa collegata a un catetere EV di plastica. Non irrorare troppo energicamente; tutto il fluido introdotto deve esser visto defluire ed essere aspirato.

  • Per le infezioni più grandi, inserire un tubo di drenaggio di Penrose (1 cm di diametro) o un sostituto (p. es., una striscia tagliata di guanto sterile) in tutta la profondità dello spazio dell'ascesso e fissarlo con una singola sutura non assorbibile (p. es., seta 3-0) ad un tessuto sano vicino al bordo dell'incisione.

Dopo il trattamento

  • Istruire il paziente ad applicare frequentemente impacchi caldi, assumere un FANS (farmaco antinfiammatorio non steroideo, come ibuprofene 400 mg ogni 6 h), sciacquare la bocca con acqua calda salata ogni 2-3 h per 3-5 giorni (o fino all'appuntamento di follow-up) per stimolare il flusso ematico locale ed aiutare ad alleviare il dolore.

  • I pazienti con diabete devono monitorare attentamente la glicemia.

  • A meno che l'infezione non fosse molto localizzata, somministrare un antibiotico orale (p. es., amoxicillina 500 mg 3 volte/die per 7 giorni, o clindamicina 300 mg 4 volte/die per 7 giorni).

  • Incoraggiare i pazienti con infezioni gravi a consumare più liquidi ed alimentarsi (ossia, per compensare la scarsa assunzione orale prima del trattamento dell'infezione ed aiutare la guarigione)

  • Organizzare il follow-up dentale a 1-2 giorni, per valutare la rimozione del drenaggio.

Avvertimenti ed errori comuni

  • Un'incisione troppo piccola di solito provoca una lacerazione della mucosa; mantenersi con un taglio più lungo (almeno 1-2 cm).

  • Un'incisione non sufficientemente profonda ostacolerà l'efficienza del drenaggio. In generale, incidere almeno fino alla profondità del gonfiore, o fino all'osso (particolarmente importante per gli ascessi che si sono diffusi per dissezione sotto il periostio).

  • Per un ascesso vicino al nervo infraorbitario o mentoniero, scegliere la sede dell'incisione in modo da evitare lesioni a queste strutture e dissezionare con attenzione.

Trucchi e suggerimenti

  • Se il livello iniziale di anestesia è subottimale, il drenaggio preliminare e un'abbondante irrorazione per rimuovere il pus possono migliorare il pH e consentire una maggiore efficacia dell'anestetico locale.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire un blocco del nervo mentoniero
Video
Come eseguire un blocco del nervo mentoniero
Modelli 3D
Vedi Tutto
Dente: sezione trasversale
Modello 3D
Dente: sezione trasversale

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE