Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Fisioterapia

Di

Alex Moroz

, MD, New York University School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti lug 2017
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La fisioterapia mira a migliorare la funzione articolare e muscolare (p. es., articolarità, forza) e quindi a migliorare l'abilità del paziente a mantenere la stazione eretta, l'equilibrio, a deambulare e a salire le scale. Per esempio, la fisioterapia è di solito usata per allenare chi ha subito amputazione degli arti inferiori. La terapia occupazionale si focalizza sulle attività di cura di sé e sul miglioramento della coordinazione motoria fine di muscoli e articolazioni, soprattutto negli arti superiori.

Range di movimento

La limitazione dell'articolarità compromette la funzione e tende a causare dolore e a predisporre i pazienti a ulcere da pressione. Il range di movimento deve essere valutato con un goniometro prima dell'inizio del trattamento e poi con regolarità (per i valori normali, Valori normali per il range di movimento delle articolazioni*).

Gli esercizi di mobilizzazione distendono le articolazioni rigide. Lo stiramento, di solito, è molto efficace e meno doloroso quando viene aumentata la temperatura tissutale a circa 43° C ( Misure riabilitative per il trattamento del dolore e dell'infiammazione : Calore). Ci sono vari tipi:

  • Attivo: questo tipo è utilizzato quando i pazienti possono allenarsi senza assistenza; i pazienti devono muovere gli arti da soli.

  • Attivo assistivo: questo tipo è utilizzato quando i muscoli sono deboli o quando il movimento articolare causa disagio; i pazienti devono muovere gli arti, ma un terapista li aiuta a farlo.

  • Passivo: questo tipo è utilizzato quando i pazienti non possono partecipare attivamente all'esercizio; non è richiesto sforzo da parte loro.

Tabella
icon

Valori normali per il range di movimento delle articolazioni*

Articolazione

Movimento

Intervallo (°)

Anca

Flessione

0-125

Estensione

115-0

Iperestensione

0-15

Abduzione

0-45

Adduzione

45-0

Rotazione laterale

0-45

Rotazione mediale

0-45

Ginocchio

Flessione

0-130

Estensione

120-0

Caviglia

Flessione plantare

0-50

Dorsiflessione

0-20

Piede

Inversione

0-35

Eversione

0-25

Articolazioni metatarsofalangee

Flessione

0-30

Estensione

0-80

Articolazioni interfalangee delle dita dei piedi

Flessione

0-50

Estensione

50-0

Spalla

Flessione a 90°

0-90

Estensione

0-50

Abduzione a 90°

0-90

Adduzione

90-0

Rotazione laterale

0-90

Rotazione mediale

0-90

Gomito

Flessione

0-160

Estensione

145-0

Pronazione

0-90

Supinazione

0-90

Polso

Flessione

0-90

Estensione

0-70

Abduzione

0-25

Adduzione

0-65

Articolazioni metacarpofalangee

Abduzione

0-25

Adduzione

20-0

Flessione

0-90

Estensione

0-30

Articolazioni interfalangee prossimali delle dita della mano

Flessione

0-120

Estensione

120-0

Articolazioni interfalangee distali delle dita della mano

Flessione

0-80

Estensione

80-0

Articolazione metacarpofalangea del pollice

Abduzione

0-50

Adduzione

40-0

Flessione

0-70

Estensione

60-0

Articolazione interfalangea del pollice

Flessione

0-90

Estensione

90-0

*I range sono per le persone di tutte le età. I range specifici per età non sono stati stabiliti; tuttavia, i valori sono generalmente più bassi negli anziani in assenza di limitazioni funzionali che nei soggetti più giovani.

Estensione oltre la linea mediana.

Forza e condizionamento

Molti esercizi mirano a migliorare la forza muscolare (per la classificazione della forza muscolare, Livello di forza muscolare). La forza muscolare può essere incrementata con esercizi di resistenza progressiva. Quando un muscolo è molto debole, la sola gravità è una resistenza sufficiente. Quando la forza muscolare diventa sufficiente, si aggiunge una resistenza manuale o meccanica (p. es., pesi, bande elastiche).

Gli esercizi di condizionamento generale combinano i vari esercizi per trattare gli effetti della debilitazione, dell'allettamento prolungato o dell'immobilizzazione. Gli obiettivi sono quelli di ristabilire l'equilibrio emodinamico, aumentare la capacità e la resistenza cardiorespiratoria, e di mantenere il range di movimento e la forza muscolare.

Per gli anziani, lo scopo di questi esercizi è sia di rinforzare sufficientemente i muscoli per una normale funzionalità e possibilmente di riacquisire la normale forza per l'età.

Tabella
icon

Livello di forza muscolare

Grado

Descrizione

5 o N

Range completo di movimento contro gravità e completa resistenza per statura, età e sesso del paziente

N

Debolezza lieve

G+

Debolezza moderata

4 o B

Movimento contro gravità e moderata resistenza per almeno 10 volte senza fatica

F+

Movimento contro gravità per diverse volte o per una volta contro lieve resistenza

3 o F

Intero range di movimento contro gravità

F

Movimento contro gravità e completo range una sola volta

P+

Range di movimento completo con eliminazione della gravità ma alcune resistenze applicate

2 o P

Range completo di movimento con eliminazione della gravità

P

Range di movimento incompleto senza gravità

1 o T

Evidenze di contrazione (visibile o palpabile) ma nessun movimento articolare

0

Nessuna contrazione palpabile o visibile e nessun movimento articolare

N = normale; G (good) = buona; F = accettabile (Fair); P = insufficiente (Poor); T = tracce.

Facilitazione propriocettiva neuromuscolare

Questa tecnica aiuta a promuovere l'attività neuromuscolare nei pazienti che presentano un danno del motoneurone superiore con spasticità; ciò consente loro di sentire la contrazione muscolare e li aiuta a mantenere il range di movimento dell'articolazione colpita. Per esempio, l'applicazione di una forte resistenza al flessore del gomito sinistro (bicipite) dei pazienti con emiplegia destra causa la contrazione del bicipite emiplegico, con la flessione del gomito destro.

Esercizi di coordinazione

Questi esercizi orientati a un compito specifico migliorano le capacità motorie ripetendo un movimento che fa lavorare più di un'articolazione e di un muscolo contemporaneamente (p. es., prendere un oggetto, toccare una parte del corpo).

Esercizi di deambulazione

Prima di procedere con esercizi di deambulazione, i pazienti devono essere in grado di stare in equilibrio in posizione eretta. L'esercizio di equilibrio è generalmente effettuato utilizzando barre parallele con un terapista davanti o immediatamente dietro al paziente. Mentre tengono le barre, i pazienti spostano il peso da un lato all'altro e avanti e indietro. Appena i soggetti possono stare in equilibrio con sicurezza, possono proseguire con esercizi di deambulazione.

Sostenere un paziente durante la deambulazione

Gli assistenti devono mettere un braccio sotto quello del paziente, afferrare delicatamente l'avambraccio del paziente e stringere saldamente il proprio braccio sotto le ascelle del paziente. Così, se il paziente comincia a cadere, gli assistenti possono fornire sostegno alla spalla del paziente. Se un paziente indossa una cintura, gli assistenti usano la loro mano libera per afferrare la cintura.

Sostenere un paziente durante la deambulazione

La deambulazione è spesso il principale obiettivo della riabilitazione. Se i singoli muscoli sono deboli o spastici, può essere utilizzata un'ortesi (p. es., tutore). Gli esercizi di deambulazione vengono spesso iniziati usando barre parallele; appena i pazienti progrediscono, utilizzano un deambulatore, stampelle o bastoni e poi camminano senza ausili. Molti pazienti indossano una cintura di sicurezza usata dal terapista per aiutare a prevenire le cadute. Chiunque assista i pazienti nella deambulazione deve sapere come sostenerli correttamente ( Sostenere un paziente durante la deambulazione).

Appena i pazienti riescono a camminare con sicurezza su superfici piane, possono se necessario cominciare a esercitarsi a salire sulle scale o sui marciapiedi. I pazienti che usano il girello devono imparare delle tecniche speciali per salire sulle scale o sui marciapiedi. Quando si salgono le scale, la salita inizia con la gamba che è in condizioni migliori e la discesa con quella affetta (ossia, la buona porta su, la cattiva giù). Prima che i pazienti vengano dimessi, l'assistente sociale o il fisioterapista deve provvedere che siano montati dei mancorrenti lungo tutte le scale presenti nella casa del paziente.

Allenamento agli spostamenti

I pazienti che non possono spostarsi da soli dal letto alla sedia, dalla sedia al gabinetto o dalla sedia alla posizione eretta in genere richiedono assistenza 24 h/24. Può essere utile regolare le altezze della seduta del gabinetto e delle sedie. Talvolta sono utili degli strumenti per l'assistenza; p. es., le persone che hanno difficoltà ad alzarsi in piedi dalla posizione seduta possono giovarsi di una sedia con il sedile sollevato o di una sedia con autosollevatore.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come adattare e utilizzare le stampelle
Video
Come adattare e utilizzare le stampelle

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE