Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Tè verde

Di

Laura Shane-McWhorter

, PharmD, University of Utah College of Pharmacy

Ultima modifica dei contenuti ott 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Il tè verde si ottiene dalle foglie essiccate di un arbusto sempreverde di origine asiatica, la stessa pianta da cui si ricava anche il tè tradizionale (Camellia sinensis). Tuttavia, le foglie di tè tradizionale vengono fatte fermentare, mentre le foglie di tè verde sono cotte a vapore ma non fermentate. Il tè verde può essere messo in infusione e bevuto o ingerito in compresse o in capsule. Ha molteplici componenti che si ritiene abbiano effetti antiossidanti e antineoplastici. Il tè verde contiene polifenoli, catechine e caffeina, ma il tè verde è noto per avere minore quantità di caffeina del caffè, e molti estratti vengono decaffeinati.

Presunti effetti

Si dice che il tè verde abbia molteplici effetti benefici per la salute, alcuni dei quali supportati da solide prove scientifiche. È stato usato per le verruche genitali, migliorare la funzione mentale (per la presenza di caffeina), prevenire il cancro, aiutare la perdita di peso, la riduzione dei lipidi sierici, la prevenzione delle coronaropatie, implementare la memoria, il sollievo del dolore causato dall'osteoartrosi, il trattamento dei sintomi tipici della menopausa e contribuire alla longevità.

Evidenze

Il tè verde, sotto forma di bevanda e di estratto, è uno degli integratori più altamente studiati sul mercato; tuttavia, sono poche le prove di tali effetti benefici. Recentemente, alcuni principi attivi presenti nel tè verde (sinecatechine, nomi commerciali Veregen e Polyphenon E) sono stati approvati per il trattamento delle verruche genitali causate dall'infezione da papillomavirus umano. Uno studio randomizzato controllato ha indicato che l'estratto definito (55% epigallocatechina gallato) è efficace e sicuro per le verruche genitali e perianali (1). Una revisione sistematica del 2011 e una meta-analisi di 3 studi (1247 soggetti) sul polifenio E al 10% e al 15% hanno verificato l'efficacia per il trattamento delle verruche anogenitali esterne (2). Un altro studio ha indicato che il trattamento con l'estratto di tè verde derivato ha prodotto un minor costo del trattamento rispetto ai trattamenti farmaceutici tradizionali (3).

Numerose meta-analisi di studi clinici disponibili indicano che il tè verde è sicuro per il consumo moderato e regolare. Inoltre, sono stati osservati piccoli, ed il più delle volte non significativi, benefici sulla perdita di peso e la prevenzione delle malattie cardiovascolari, mentre non vi sono sufficienti e spesso contrastanti evidenze di alcun beneficio derivante dal consumo di tè verde per quanto riguarda la prevenzione del cancro (4-7). Studi clinici su larga scala, inoltre, più rigorosamente progettati sono necessari prima che ulteriori benefici ipotetici possano essere confermati. Forse gli studi di popolazione sono soggetti ad ulteriori fattori di confondimento, legati al fatto che nei paesi in cui il tè verde è regolarmente consumato, altri fattori culturali, comportamentali o genetici possono contribuire alla buona salute.

Effetti avversi

Gli effetti collaterali sono più comunemente correlati agli effetti della caffeina. Comprendono insonnia, ansia, tachicardia e lievi tremori. Le donne in gravidanza devono evitare eccessive quantità di caffeina.

Rari casi clinici documentano epatotossicità. Una revisione del 2016 di studi randomizzati e controllati che hanno valutato l'epatotossicità ha rilevato eventi avversi al fegato in alcuni soggetti nei gruppi trattati con tè verde, per lo più aumenti a risoluzione spontanea degli enzimi epatici (8).

Interazioni farmacologiche

La vitamina K presente nel te verde può antagonizzare l'effetto anticoagulante del warfarin.

Riferimenti bibliografici riguardanti il tè verde

  • Stockfleth E, Beti H, Orasan R, et al: Topical Polyphenon E in the treatment of external genital and perianal warts: a randomized controlled trial. Br J Dermatol 158(6):1329-1338, 2008. doi: 10.1111/j.1365-2133.2008.08520.x.

  • Tzellos TG, Sardeli C, Lallas A, et al: Efficacy, safety and tolerability of green tea catechins in the treatment of external anogenital warts: a systematic review and meta-analysis. J Eur Acad Dermatol Venereol 25(3):345-353, 2011. doi: 10.1111/j.1468-3083.2010.03796.x.

  • Langley PC: A cost-effectiveness analysis of sinecatechins in the treatment of external genital warts.J Med Econ 13(1):1-7, 2010. doi: 10.3111/13696990903451461.

  • Boehm K, Borrelli F, Ernst E, et al: Green tea (Camellia sinensis) for the prevention of cancer. Cochrane Database Syst Rev 8 (3):CD005004, 2009. doi: 10.1002/14651858.CD005004.pub2.

  • Sturgeon JL, Williams M, van Servellen G: Efficacy of green tea in the prevention of cancers. Nurs Health Sci 11(4):436-446, 2009. doi: 10.1111/j.1442-2018.2009.00476.x.

  • Jurgens TM, Whelan AM, Killian L, et al: Green tea for weight loss and weight maintenance in overweight or obese adults. Cochrane Database Syst Rev. 12: CD008650, 2012. doi: 10.1002/14651858.CD008650.pub2.

  • Hartley L, Flowers N, Holmes J, et al: Green and black tea for the primary prevention of cardiovascular disease. Cochrane Database Syst Rev 6:CD009934, 2013. doi: 10.1002/14651858.CD009934.pub2.

  • Isomura T, Suzuki S, Origasa H, et al: Liver-related safety assessment of green tea extracts in humans: a systematic review of randomized controlled trials. Eur J Clin Nutr 70(11):1221-1229, 2016. doi: 10.1038/ejcn.2016.78.

Per ulteriori informazioni

  • NIH National Center for Complementary and Integrative Health: Green tea

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come adattare e utilizzare le stampelle
Video
Come adattare e utilizzare le stampelle

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE