Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Glucosamina

Di

Laura Shane-McWhorter

, PharmD, University of Utah College of Pharmacy

Ultima modifica dei contenuti ott 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

La glucosamina è un precursore di molteplici costituenti cartilaginei. Viene estratta dalla chitina (presente nel guscio di granchi, ostriche e gamberi) e viene assunta in compresse o capsule, di solito come glucosamina solfato, ma a volte come glucosamina idrocloruro. Sono stati fatti notevoli sforzi per trovare fonti alternative biorinnovabili compresi funghi metabolicamente ingegnerizzati ed E. coli(1). La glucosamina è spesso assunta con solfato di condroitina.

Presunti effetti

Si afferma che la glucosamina possa alleviare il dolore da osteoartrite, possibilmente con effetti analgesici e modificanti la malattia. Il meccanismo è sconosciuto. Il meccanismo per la glucosamina solfato può essere legato al miglioramento della sintesi del glicosaminoglicano, come conseguenza del mezzo solfato. Il dosaggio di glucosamina in tutte le sue forme è di 500 mg per via orale 3 volte/die.

Evidenze

L'evidenza supporta l'uso di glucosamina solfato del Rotta Research Laboratorium per il trattamento dell'osteoartrite da lieve a moderata del ginocchio quando somministrato per almeno 6 mesi (2-3). Altre formulazioni devono ancora essere rigorosamente studiate. Il ruolo della glucosamina solfato nel trattamento di forme più gravi di artrosi del ginocchio e di osteoartrite in altre sedi è meno definito.

Il Glucosamine/Chondroitin Arthritis Intervention Trial (GAIT), uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placeb, omulticentrico, effettuato su 1583 pazienti con osteoartrosi sintomatica del ginocchio ha mostrato che la glucosamina cloridrato (500 mg 3 volte/die) sia da sola, sia in combinazione con la condroitina solfato (400 mg 3 volte/die), non ha ridotto il dolore in modo efficace. Tuttavia, una sottoanalisi esplorativa ha mostrato che un sottogruppo di pazienti con dolore al ginocchio da moderato a grave (4) ha avuto sollievo dal dolore con la terapia combinata.

Una recente revisione su studi di controllo randomizzati che valutano l'effetto della glucosamina sulla lombalgia cronica ha concluso che i dati erano insufficienti per dimostrare o escludere vantaggi della glucosamina (5).

Effetti avversi

Possono verificarsi allergie (in soggetti allergici ai crostacei che assumono forme estratte dai crostacei), dispepsia, astenia, insonnia, cefalea, fotosensibilizzazione e alterazioni ungueali. I pazienti con malattia epatica cronica devono anche evitare le glucosamina se possibile, a causa del potenziale effetto epatotossico dell'assunzione di glucosamina con o senza condroitina (6).

Interazioni farmacologiche

Non sono note interazioni definitive.

Riferimenti bibliografici riguardanti la glucosamina

  • Liu L, Liu Y, Shin HD, et al: Microbial production of glucosamine and N-acetylglucosamine: advances and perspectives. Appl Microbiol Biotechnol 97(14):6149-6158, 2013. doi: 10.1007/s00253-013-4995-6.

  • Wu D, Huang Y, Gu Y, et al: Efficacies of different preparations of glucosamine for the treatment of osteoarthritis: a meta-analysis of randomised, double-blind, placebo-controlled trials. Int J Clin Pract 67(6):585-594, 2013. doi: 10.1111/ijcp.12115.

  • Towheed TE, Maxwell L, Anastassiades TP, et al: Glucosamine therapy for treating osteoarthritis. Cochrane Database Syst Rev (2):CD002946, 2005. doi: 10.1002/14651858.CD002946.pub2.

  • Clegg DO, Reda DJ, Harris CL, et al: Glucosamine, chondroitin sulfate, and the two in combination for painful knee osteoarthritis. N Engl J Med 354(8):795-808, 2006. doi: 10.1056/NEJMoa052771.

  • Sodha R, Sivanadarajah N, Alam M: The use of glucosamine for chronic low back pain: a systematic review of randomised control trials. BMJ Open 3(6). pii, 2013. doi: 10.1136/bmjopen-2012-001167.

  • Cerda C, Bruguera M, Parés A: Hepatotoxicity associated with glucosamine and chondroitin sulfate in patients with chronic liver disease. World J Gastroenterol 19(32):5381-5384, 2013. doi:  10.3748/wjg.v19.i32.5381.

Per ulteriori informazioni

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come adattare e utilizzare le stampelle
Video
Come adattare e utilizzare le stampelle

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE