Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Assistenza degli anziani a casa

Di

Debra Bakerjian

, PhD, APRN, University of California Davis

Revisionato/Rivistoott 2022
CONSULTA LA VERSIONE PER I PROFESSIONISTI
Risorse sull’argomento

Gli anziani possono avere bisogno di assistenza domiciliare quando sono fragili o deboli, in particolare dopo essere stati dimessi dall’ospedale o da un centro di riabilitazione. L’assistenza semplice è spesso fornita da familiari o amici, oppure da entrambi. Quella più complessa può richiedere l’intervento di operatori sanitari (come operatori socio-sanitari e terapisti) e di altri soggetti (come assistenti sanitari domiciliari e assistenti sociali) che si recano presso il domicilio del paziente. Questo tipo di assistenza è in genere coordinata da un ente di assistenza sanitaria domiciliare e supervisionata da un medico. L’assistenza può essere necessaria solo per brevi periodi o per lungo tempo. Medicare offre servizi ai pazienti considerati costretti a rimanere a casa, il che significa che in genere sono in grado di lasciarla solo per recarsi a visite mediche o in caso di emergenze.

Può essere necessario un infermiere per la sostituzione di medicazioni o la somministrazione di iniezioni di farmaci.

Un fisioterapista può essere necessario per aiutare i pazienti a ritrovare la forza e l’equilibrio o a riprendersi da un ictus.

Un assistente sanitario domiciliare può essere necessario per aiutare i pazienti a fare la spesa, preparare i pasti, uscire su una sedia a rotelle, fare una passeggiata o lavarsi.

Un assistente sociale è in grado di stabilire se i pazienti stanno ricevendo i servizi di cui necessitano e consigliare servizi aggiuntivi, se necessari. Un assistente sociale può anche aiutare a organizzare gli spostamenti per le visite mediche.

Nell’assistenza sanitaria domiciliare è importante la comunicazione tra tutti i soggetti coinvolti. Eventuali cambiamenti nelle condizioni di salute del paziente devono essere prontamente segnalati all’infermiere o al medico.

Tabella

A volte, il medico di base coordina un gruppo di operatori sanitari che collaborano per fornire una migliore assistenza ai pazienti che vivono presso il proprio domicilio e che sono affetti da una malattia cronica o disabilità. Questa sistemazione è chiamata assistenza domiciliare centrata sul paziente. In alcune situazioni il responsabile del coordinamento delle cure può essere un responsabile delle cure di un altro membro del team.

L’assistenza domiciliare è in grado di ridurre del 23% i ricoveri in case di cura ed è meno costosa se le visite di assistenti sanitari e infermieri domiciliari sono programmate in modo appropriato.

Problemi finanziari

Medicare copre servizi di assistenza sanitaria domiciliare che sono classificati come assistenza infermieristica qualificata, tra cui la cura delle lesioni e il monitoraggio di patologie come insufficienza cardiaca o diabete. Tuttavia, la quantità e le tempistiche di tale copertura sono limitate. Quando i pazienti non necessitano più di assistenza qualificata, di solito, sono responsabili dei costi di ogni ulteriore assistenza infermieristica. L’assicurazione a lungo termine o Medicaid (per i pazienti idonei) può coprire i servizi di assistenza domiciliare. I veterani possono beneficiare di servizi di assistenza domiciliare a seconda delle loro esigenze e del grado di disabilità.

Per ricevere assistenza sanitaria domiciliare coperta da assicurazione, è necessaria la certificazione del medico che attesti l’obbligatorietà dell’assistenza sanitaria domiciliare e, per Medicare, che i pazienti siano conformi ai requisiti Medicare per l’assistenza domiciliare.

PACE (Program for All-inclusive Care for the Elderly)

Il programma di assistenza tutto compreso ai pazienti anziani (Programs for All-Inclusive Care for the Elderly, PACE) è una prestazione erogata con la copertura Medicare e Medicaid. Il programma PACE è disponibile solo in alcune zone degli Stati Uniti per i pazienti che hanno compiuto almeno 55 anni di età e che soddisfano gli standard del proprio Stato per la richiesta di assistenza in una casa di cura. I servizi forniti dal programma PACE consentono a quasi tutti i partecipanti di vivere a casa, sebbene l’assistenza infermieristica domiciliare sia fornita solo se necessario.

Il programma PACE include un gruppo polispecialistico costituito da medici, infermieri, fisioterapisti, terapisti occupazionali, assistenti sociali, dietologi e autisti. I servizi sono di norma forniti in un centro di assistenza sanitaria diurna per anziani e sono disponibili tutti i giorni. Il programma prevede il trasporto presso il centro. Alcuni servizi possono essere forniti presso il domicilio.

Per un elenco degli stati partecipanti e dei piani disponibili vedere Ricerca del piano PACE.

Altri modelli di assistenza sanitaria domiciliare

Negli ultimi anni sono stati sviluppati vari nuovi modelli di assistenza sanitaria come modo per ricevere assistenza sanitaria domiciliare. L’obiettivo è fornire cure e gestione di maggiore qualità che tengano gli anziani fuori dagli ospedali e dalle case di cura consentendo loro di rimanere nella propria abitazione e nella comunità. In generale questi modelli coinvolgono i servizi sanitari domiciliari tradizionali, che sono stati ampliati per includere altri servizi. Alcuni sono in fase di prova in varie parti degli Stati Uniti e sono noti come progetti dimostrativi.

Il modello di dimostrazione dell’indipendenza a casa (Independence at Home Demonstration, IAH) è sponsorizzato dai Centers for Medicare and Medicaid Services (CMS). In questo modello gli anziani fragili che non possono facilmente lasciare la propria casa ricevono assistenza a domicilio da parte di un medico o di un altro operatore sanitario, come un infermiere professionale o un assistente medico. L’obiettivo di questo modello è tenere gli anziani nella propria abitazione e fuori dall’ospedale. Per essere idonei a questo modello di assistenza gli anziani devono essere impossibilitati a uscire di casa e presentare due o più patologie croniche.

Il modello Ospedale a domicilio (Hospital at Home, HAH) consente alle organizzazioni di fornire assistenza di livello ospedaliero presso il domicilio del paziente. La maggior parte dei partecipanti è costituita da anziani molto malati. L’obiettivo di questo modello è ridurre il numero di giorni trascorsi in ospedale, ridurre i costi ospedalieri, migliorare la soddisfazione del paziente e migliorare gli esiti. Nella maggior parte dei casi questi soggetti sono generalmente stabili, ma richiedono un’assistenza ospedaliera qualificata prolungata, come visite giornaliere da parte di un medico o di un infermiere professionale o di un assistente medico, e il monitoraggio quotidiano delle proprie condizioni mediche.

Il modello Triage, trattamento e trasporto d’emergenza (Emergency Triage, Treat, and Transport, ET3) sviluppato dal CSM consente ai team delle ambulanze di avere una maggiore flessibilità nel decidere dove un paziente debba ricevere le cure. Invece di trasportare un paziente al pronto soccorso, l’équipe dell’ambulanza, spesso in consultazione con un infermiere professionale o un assistente medico, può trasportare il paziente in un centro di cure di emergenza o presso l’ambulatorio del medico, oppure può iniziare il trattamento nel domicilio del paziente secondo le indicazioni dell’infermiere professionale o dell’assistente medico. L’infermiere professionale o l’assistente medico possono essere nell’ambulanza o essere accessibili tramite un sistema di telemedicina.

Ulteriori informazioni

Di seguito si riportano alcune risorse in lingua inglese che possono essere utili. Si prega di notare che IL MANUALE non è responsabile del contenuto di tali risorse.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI CONSULTA LA VERSIONE PER I PROFESSIONISTI
CONSULTA LA VERSIONE PER I PROFESSIONISTI
PARTE SUPERIORE