Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link
I fatti in Breve

Punture di api, vespe, calabroni e formiche

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa set 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli

Le punture di api, vespe, calabroni e formiche sono comuni e possono essere dolorose.

Le formiche rosse sono molto comuni nella parte meridionale degli Stati Uniti, soprattutto negli Stati della regione del Golfo, quali Texas, Louisiana, Alabama, Georgia e Florida.

Quali sono i sintomi delle punture di ape, vespa, calabrone e formica?

Sintomi delle punture di ape, vespa e calabrone

  • Bruciore e dolore improvvisi

  • Arrossamento, gonfiore e prurito nell’area circostante la puntura

  • Nell’arco di 2 o 3 giorni, la tumefazione di alcune punture può raggiungere le dimensioni di una palla da golf

Le api mellifere spesso lasciano il pungiglione nella sede della puntura, mentre altri tipi di api, le vespe e i calabroni non lo perdono.

Sintomi delle punture di formica rossa

  • Dolore improvviso

  • Arrossamento e gonfiore che scompaiono dopo circa 45 minuti

  • Formazione di una vescicola piena di pus

  • Circa 2 o 3 giorni più tardi, la vescicola si rompe e può infettarsi

Alcune persone possono presentare:

  • Una macchia rossa, gonfia e pruriginosa, in luogo della vescicola piena di pus

  • Crisi convulsive (movimento e scuotimento del corpo fuori dal proprio controllo)

Sintomi di una reazione allergica a una puntura

Nel caso si manifesti una reazione allergica a una puntura, possono essere presenti:

  • Un’eruzione cutanea pruriginosa su tutto il corpo

  • Problemi respiratori

  • Sibili (suoni sibilanti durante la respirazione)

  • Shock (abbassamento della pressione sanguigna a livelli pericolosamente bassi)

Nel caso in cui siano presenti questi sintomi, recarsi immediatamente in ospedale; potrebbe essere in corso una reazione anafilattica Reazioni anafilattiche Le reazioni anafilattiche (definite anche “anafilassi”) sono reazioni allergiche di massima gravità, improvvise e potenzialmente fatali. Si sviluppano sintomi gravi, come prurito generalizzato... maggiori informazioni (reazione allergica potenzialmente fatale che comporta l’abbassamento della pressione sanguigna e difficoltà di respirazione).

In che modo vengono trattate le punture di ape, vespa, calabrone e formica?

Se non vi è una reazione allergica:

  • Rimuovere il pungiglione eventualmente presente nella cute raschiando l’area con il bordo smusso di un oggetto sottile, ad esempio il bordo di una carta di credito

  • Porre del ghiaccio sulla sede della puntura (avvolgere un cubetto di ghiaccio in plastica e quindi in un panno leggero in modo che non sia a contatto diretto con la cute) per diminuire il dolore

  • Assumere farmaci antidolorifici da banco

  • Applicare della crema medicata sull’area per ridurre il dolore e il prurito

In caso di allergia alle punture, si dovrebbe portare con sé adrenalina (un farmaco da prescrizione) e utilizzarla immediatamente qualora si venga punti. Il farmaco bloccherà la reazione allergica. L’adrenalina si inietta nella cute attraverso un ago sottile e l’iniezione può essere eseguita da voi stessi o da qualcun altro.

Se si manifesta una reazione allergica grave, i medici intervengono nel seguente modo:

  • Trattengono la persona in ospedale per prestarle le cure

  • Somministrano farmaci in vena, tra cui l’adrenalina

  • Somministrano liquidi in vena

  • Istruiscono la persona a portare sempre con sé adrenalina e indossare un braccialetto salvavita nel caso si venga punti nuovamente

  • Consigliano la desensibilizzazione, una procedura in cui i medici somministrano iniezioni di vaccino antiallergico per prevenire gravi reazioni alle punture

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Neutropenia
Neutropenia è il termine che indica un numero patologicamente basso di neutrofili, un tipo di globuli bianchi nel sangue. Quale delle seguenti opzioni è spesso la prima indicazione che una persona è affetta da neutropenia?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE