Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Bulimia nervosa

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa apr 2018| Ultima modifica dei contenuti apr 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli

Cos’è la bulimia?

La bulimia è un disturbo alimentare in cui:

  • Si mangia moltissimo cibo in una volta sola (abbuffata)

  • Quindi, si fanno cose per rimediare all’aver mangiato troppo (purga)

Per rimediare all’aver mangiato troppo, la maggior parte dei soggetti ricorre al vomito e all’attività fisica intensa. Alcune persone assumono lassativi per indursi la diarrea. Oppure, possono assumere diuretici per urinare. Di solito, hanno un peso nella media.

Di solito, la bulimia ha inizio nell’adolescenza o in giovane età adulta ed è più comune tra donne e ragazze. Può essere causata dalle pressioni sociali ad esser magri. La bulimia può essere ereditaria.

Quali sono i sintomi della bulimia?

Il sintomo principale sono il mangiare ripetutamente in modo smodato e il purgarsi.

Quando si mangia in modo smodato, è possibile:

  • Mangiare molto più cibo in una sola volta rispetto alla maggior parte delle persone, talvolta diverse volte al giorno

  • Mangiare quando non si ha fame

  • Mangiare così tanto da avere mal di pancia

  • Mangiare in segreto e avvertire che la propria alimentazione è fuori controllo

  • Spesso, mangiare dolci, cibi ricchi di grassi (come torte e gelati)

  • Sentirsi molto in colpa per aver mangiato troppo

Dopo aver mangiato in modo smodato, è possibile purgarsi per rimediare ad averlo fatto, quindi è possibile:

  • Sforzarsi di vomitare

  • Assumere lassativi per evacuare (defecare)

  • Non mangiare affatto (digiuno) o ricorrere a una dieta troppo ferrea

  • Fare troppa attività fisica

Prestare più attenzione al peso e alla forma del corpo rispetto al dovuto Sentirsi spesso dispiaciuti per l’aspetto del proprio corpo, anche se le altre persone ritengono che si abbia un bell’aspetto.

A differenza degli altri disturbi alimentari, i soggetti con bulimia hanno spesso un peso nella media. Tuttavia, il loro peso può aumentare o ridursi più del normale.

La bulimia può causare altri problemi?

Sì. Purgarsi per rimediare all’aver mangiato troppo può danneggiare il corpo. Se ci si purga troppo, ci si può ammalare e perfino morire. Indursi molte volte il vomito può causare:

  • Abrasioni sulle nocche per via dell’uso delle dita per indursi il vomito.

  • Danni ai denti a causa dell’acido gastrico

  • Rigonfiamento delle ghiandole delle guance

  • Danni all’esofago (il tubo che collega la bocca allo stomaco), a causa dell’acido gastrico.

  • Raramente, lacerazione allo stomaco o all’esofago, che può essere potenzialmente letale.

Assumere troppi lassativi o diuretici e vomitare troppo possono alterare l’equilibrio chimico dell’organismo. L’alterazione dell’equilibrio chimico può incidere negativamente sul ritmo cardiaco.

In che modo i medici possono stabilire se ho la bulimia?

I medici effettuano un esame obiettivo per rilevare i sintomi della bulimia. Il medico effettua la diagnosi di bulimia se:

  • L’immagine che si ha di sé si basa prevalentemente su peso e forma fisica

  • Il soggetto ha mangiato in modo compulsivo almeno una volta alla settimana per 3 mesi

  • Il soggetto si purga per aver rimediato all’aver mangiato troppo facendo cose come vomitare

Come viene trattata la bulimia?

I medici trattano la bulimia con consulenza e farmaci.

Di solito, si ricorre alla consulenza. La consulenza può essere individuale con un terapeuta o di gruppo. Gli obiettivi sono:

  • motivare il soggetto al cambiamento

  • stabilire uno schema alimentare regolare e flessibile

  • ridurre la concentrazione su peso corporeo e forma fisica

Inoltre, il medico può prescrivere un tipo di farmaco antidepressivo per aiutare a ridurre la frequenza con cui ci si abbuffa per poi purgarsi. Questo farmaco tratta anche ansia e depressione, che sono comuni nei soggetti con bulimia.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE