Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Linfogranuloma venereo

Di

Sheldon R. Morris

, MD, MPH, University of California San Diego

Ultima modifica dei contenuti lug 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Il linfogranuloma venereo è una malattia causata da 3 ceppi unici di Chlamydia trachomatis e caratterizzata da una piccola lesione cutanea spesso asintomatica, seguita da linfoadenopatia regionale inguinale o pelvica. In alternativa, se acquisita mediante sesso anale, può manifestarsi sotto forma di grave proctite. In assenza di trattamento, il linfogranuloma venereo può causare ostruzione del flusso linfatico e gonfiore cronico dei tessuti genitali. La diagnosi è clinica, ma di solito è possibile avere la conferma di laboratorio mediante metodiche sierologiche o di immunofluorescenza. Il trattamento si avvale di tetraciclina o eritromicina per 21 die.

Il linfogranuloma venereo è causato dai sierotipi L1, L2, L3 di Chlamydia trachomatis. Questi sierotipi differiscono dai sierotipi della clamidia che causano il tracoma, la congiuntivite da inclusi e l'uretrite e la cervicite da clamidia in quanto capaci di invadere e riprodursi nei linfonodi regionali.

Il linfogranuloma venereo è sporadico negli Stati Uniti, ma è endemico in alcune zone di Africa, India, sud-est Asiatico, sud America e Caraibi. Viene diagnosticato molto più frequentemente negli uomini rispetto alle donne. Il linfogranuloma venereo viene sempre più segnalato in Nord America, Europa e Australia tra uomini che hanno rapporti sessuali con uomini.

Sintomatologia

Il linfogranuloma venereo si presenta in 3 stadi.

La prima fase inizia dopo un periodo di incubazione di circa 3 giorni con una piccola lesione cutanea presso il sito di ingresso del batterio. Essa può causare un'ulcerazione della cute sovrastante; tuttavia la guarigione è così rapida da farla passare inosservata.

Nei maschi, il 2o stadio generalmente inizia dopo circa 2-4 settimane, con ingrandimento bilaterale dei linfonodi inguinali che tendono a formare masse di grandi dimensioni, soffici e a volte fluttuanti (bubboni). I bubboni aderiscono ai tessuti profondi e causano infiammazione della cute sovrastante, a volte accompagnata da febbre e malessere. Nelle donne, sono comuni il dolore alla schiena o alla pelvi; nelle donne la lesione iniziale può presentarsi al livello cervicale o presso la porzione vaginale alta, esitando nell'aumento delle dimensioni e nell'infiammazione dei linfatici pelvici e perirettali. Possono altresì svilupparsi fistole drenanti multiple da cui può fuoriuscire materiale purulento o sangue.

Nel 3o stadio, le lesioni guariscono esitando in cicatrici; tuttavia, le fistole possono persistere o ripresentarsi. L'infiammazione persistente è causata da un'infezione non trattata che ostruisce i vasi linfatici, causando gonfiore e piaghe della pelle.

I soggetti che hanno rapporti sessuali passivi anali possono avere grave proctite o grave proctocolite con scarica rettale purulento-sanguinolente durante il 1o stadio. Nelle fasi croniche, la colite simula la malattia di Crohn; essa può causare tenesmo e stenosi del retto o dolore dovuto ad infiammazione dei linfonodi pelvici. La proctoscopia può rilevare infiammazione diffusa, polipi, e masse o essudato mucopurulenti, segni che assomigliano alla malattia infiammatoria intestinale.

Diagnosi

  • Ricerca degli Ac

  • A volte test di amplificazione degli acidi nucleici

Il linfogranuloma venereo va sospettato in tutti i pazienti con ulcere genitali, linfonodi inguinali di dimensioni aumentate o proctite, e che provengano, abbiano visitato o abbiano avuto contatti sessuali con persone che vivono in aree dove l'infezione è endemica. Il linfogranuloma venereo va, inoltre, sospettato in soggetti con bubboni, spesso scambiati per ascessi causati da altri germi.

La diagnosi viene effettuata generalmente attraverso la ricerca degli anticorpi nei confronti dell'endotossina clamidiale (titolo di fissazione del complemento > 1:64 o titolo della microimmunofluorescenza > 1:256) o mediante il genotipo usando un test di amplificazione degli acidi nucleici basato su PCR (reazione a catena della polimerasi). I livelli degli anticorpi sono solitamente elevati al momento dell'esordio o subito dopo e rimangono invariati.

Test immunologici diretti per antigeni clamidiali (p. es., test immunoenzimatico [ELISA]) o test di immunofluorescenza con anticorpi monoclonali, oppure test di amplificazione degli acidi nucleici sono tutti disponibili nei laboratori di riferimento (p. es., Centers for Disease Control and Prevention, negli Stati Uniti).

Tutti i partner sessuali devono essere valutati.

Dopo un trattamento di evidente successo, i pazienti devono essere seguiti per 6 mesi.

Trattamento

  • Tetracicline orali o eritromicina

  • Ove possibile, drenaggio dei bubboni come trattamento sintomatico

Doxiciclina 100 mg per via orale 2 volte/die, eritromicina 500 mg per via orale 4 volte/die o tetraciclina 500 mg per via orale 4 volte/die, ciascuno per 21 die, consentono una rapida guarigione delle lesioni precoci. L'azitromicina 1 g per via orale 1 volta/settimana per 1-3 settimane è probabilmente efficace; tuttavia né questa né la claritromicina sono state sufficientemente testate.

Il gonfiore nei tessuti danneggiati, negli stadi avanzati, potrebbe non risolversi, nonostante l'eliminazione dei batteri. Qualora necessario, i bubboni possono essere agoaspirati o drenati chirurgicamente a scopo sintomatico; tuttavia, la maggior parte dei pazienti risponde rapidamente all'antibioticoterapia. I bubboni e le fistole possono necessitare di intervento chirurgico; tuttavia, le stenosi rettali possono essere, generalmente, dilatate.

Se le persone hanno un contatto sessuale con una persona che ha linfogranuloma venereo durante i 60 giorni prima che i sintomi della persona inizino, devono essere esaminati e testati per l'infezione da clamidia uretrale, cervicale o rettale a seconda del sito di esposizione. Devono essere trattati in modo preventivo (con una singola dose di azitromicina 1 g per via orale o doxiciclina 100 mg per via orale 2 volte/die per 7 giorni) indipendentemente dal fatto che le evidenze suggeriscano la presenza di linfogranuloma venereo.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul COVID-19
Video
Panoramica sul COVID-19
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE