Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Amiloidosi

Di

John L. Berk

, MD, Amyloidosis Center, Boston University Medical Center ;


Vaishali Sanchorawala

, MD, Boston Medical Center and University School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

L'amiloidosi è una condizione di un gruppo disparato di patologie caratterizzate dalla deposizione extracellulare di fibrille insolubili composte da proteine disaggregate. Queste proteine si possono accumulare localmente, causando relativamente pochi sintomi, oppure in modo diffuso, coinvolgendo molti organi e causando una grave insufficienza multiorgano. L'amiloidosi può verificarsi de novo o essere secondaria a varie infezioni, condizioni infiammatorie o neoplastiche. La diagnosi è basata sulla biopsia del tessuto colpito; la proteina amiloidogenica viene tipizzata utilizzando una varietà di tecniche immunoistologiche e biochimiche. La terapia cambia in base al tipo di amiloidosi.

I depositi di amiloide sono composti da

  • Piccole (circa 10 nm di diametro), fibrille insolubili che formano fogli beta-pleated che possono essere identificati dalla diffrazione dei RX

Oltre alla proteina fibrillare amiloide, i depositi contengono anche un componente dell'amiloide P sierica e glicosaminoglicani.

Le fibrille di amiloide sono composte da proteine mal ripiegate che si aggregano in oligomeri e poi fibrille insolubili. Un certo numero di normali proteine (wild type) e mutanti sono suscettibili a tale ripiegamento e aggregazione (proteine amiloidogeniche), così da giustificare la grande varietà di cause e tipi di amiloidosi.

Per sviluppare amiloidosi, oltre alla produzione di proteine amiloidogeniche, probabilmente c'è anche un fallimento dei normali meccanismi di eliminazione di tali proteine mal ripiegate. Gli stessi depositi di amiloide sono metabolicamente inerti ma interferiscono fisicamente con la struttura e la funzione degli organi. Tuttavia, alcuni oligomeri prefibrillari di proteine amiloidogeniche hanno tossicità cellulare diretta, una componente importante della patogenesi della malattia.

Depositi di amiloide a macchia rosa con ematossilina eosina contengono componenti di carboidrati che si colorano con colorante acido periodico-Schiff o con Alcian blu, ma la maggior parte tipicamente ha birifrangenza color mela verde al microscopio a luce polarizzata dopo colorazione rosso Congo. All'osservazione autoptica, gli organi colpiti possono apparire cerei.

Eziologia

Nell'amiloidosi sistemica, proteine circolanti amiloidogeniche formano depositi in diversi organi. I tipi sistemici principali comprendono

  • Amiloidosi primaria: causata da iperespressione acquisita di catene leggere delle immunoglobuline clonali

  • Amiloidosi familiare: causata dall'eredità di un gene mutante che codifica per una proteina incline al mal ripiegamento, più comunemente la transtiretina (TTR)

  • amiloidosi causata da transitetrina wild type; (precedentemente denominata "senile systemic amyloidosis" o SSA): causata da mal ripiegamento e aggregazione del "wild type" TTR (wild type ATTR)

  • Amiloidosi secondaria: causata dall'aggregazione di una proteina della fase acuta, amiloide sierica A

Amiloidosi causata dall'aggregazione di beta2-microglobulina può verificarsi nei pazienti in emodialisi a lungo termine, ma l'incidenza è diminuita con l'uso delle moderne membrane da dialisi ad alto flusso. Esiste una rara forma ereditaria di amiloidosi da beta-2-microglobulina dovuta ad una mutazione del gene interessato.

Forme localizzate di amiloidosi sembrano essere causate dalla produzione locale e deposizione di una proteina amiloidogenica (in genere catene leggere delle immunoglobuline) all'interno dell'organo interessato piuttosto che dalla deposizione di proteine circolanti. Siti coinvolti sono, frequentemente, il sistema nervoso centrale (p. es., nella malattia di Alzheimer), la cute, le vie respiratorie superiori o inferiori, il parenchima polmonare, la vescica, gli occhi e le mammelle.

Amiloidosi primaria

L'amiloidosi primaria è causata da iperproduzione di una catena leggera amiloidogenica delle immunoglobuline nei pazienti con gammeopatie monoclonali o altre malattie linfoproliferative delle cellule B. Catene leggere possono anche formare depositi tissutali nonfibrillari (ossia, malattia da deposito di catene leggere). Raramente, le catene pesanti delle immunoglobuline formano fibrille amiloidi (chiamata amiloidosi AH).

Sedi frequenti di deposito di amiloide comprendono la cute, i nervi, il cuore, il tratto gastrointestinale (inclusa la lingua), i reni, il fegato, la milza e i vasi sanguigni. Di solito, una plasmocitosi di basso grado è presente nel midollo osseo, che è simile a quella di un mieloma multiplo, anche se la maggior parte dei pazienti non presenta un vero e proprio mieloma multiplo (con lesioni litiche a carico delle ossa, ipercalcemia, depositi tubulari renali, e anemia). Tuttavia, circa il 10-20% dei pazienti con mieloma multiplo sviluppa amiloidosi primaria.

Amiloidosi familiare

L'amiloidosi familiare è causata dall'ereditarietà di un gene che codifica per una proteina sierica incline all'aggregazione mutata, di solito una proteina abbondantemente prodotta dal fegato.

Proteine sieriche che possono causare amiloidosi familiare sono: la trantiretina, l'apolipoproteina A-I, l'apolipoproteina A-II, il lisozima, il fibrinogeno, la gelsolina e la cistatina C. Una forma recentemente identificata, che si ipotizza essere familiare, è causata dalla proteina del siero fattore chemiotattico dei leucociti 2; tuttavia, una specifica mutazione genetica ereditaria per quest'ultimo tipo non è stata chiaramente dimostrata.

L'amiloidosi causata dalla transitretina è il tipo più comune di amiloidosi familiare. Sono state associate ad amiloidosi più di 130 mutazioni del gene TTR. La mutazione più diffusa, V30M, è comune in Portogallo, Svezia, Brasile e Giappone, e una mutazione V122I è presente in circa il 4% dei neri americani e caraibici. La penetranza della malattia e l'età di insorgenza sono molto variabili, ma sono simili all'interno delle famiglie e dei gruppi etnici. L'amiloidosi causata dalla transitretina causa neuropatia periferica sensoriale e neuropatia autonomica, malattia renale cronica e cardiomiopatia. La sindrome del tunnel carpale precede di solito altre manifestazioni della malattia neurologica. I depositi vitreali possono svilupparsi a causa della produzione di transitretina mutante da parte dell'epitelio retinico, oppure si possono sviluppare depositi leptomeningei se il plesso coroideo produce transitretina mutante.

Amiloidosi causata da transitetrina wild type (amiloidosi sistemica senile)

L'amiloidosi causata da transitetrina wild type è causata da aggregazione e deposizione di transitetrina "wild type", soprattutto nel cuore.

L'amiloidosi causata da transitetrina wild type è sempre più riconosciuta come causa di cardiomiopatia infiltrativa negli uomini anziani. Completamente il 16% dei pazienti con stenosi aortica sottoposti a sostituzione transcatetere della valvola aortica e il 13% di quelli ospedalizzati per insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata hanno una cardiomiopatia amiloide ATTRwt. I fattori genetici ed epigenetici che portano all'amiloidosi causata da transitetrina wild type sono sconosciuti. Poiché l'amiloidosi causata da transitetrina wild type e amiloidosi primaria possono causare cardiomiopatia, e che gammopatie monoclonali possono essere presenti nei pazienti in questa fascia di età, è indispensabile individuare con precisione il tipo di amiloide in modo che i pazienti con amiloidosi causata da transitetrina wild type non siano impropriamente trattati con chemioterapia (che è utilizzata per l'amiloidosi primaria).

Amiloidosi AA (amiloidosi secondaria)

Questa forma può insorgere secondariamente a varie patologie infettive, infiammatorie e neoplastiche ed è causata dall'aggregazione di isoforme della proteina della fase acuta, amiloide sierica A.

Comuni infezioni responsabili sono

Le condizioni infiammatorie predisponenti comprendono

Le citokine infiammatorie (p. es., interleuchina-1, TNF, IL-6), che sono prodotte in queste patologie o ectopicalmente tramite cellule tumorali provocano aumentata sintesi epatica nel siero di amiloide A.

L'amiloidosi secondaria mostra una predilezione per la milza, il fegato, i reni, le ghiandole surrenali e i linfonodi. Il coinvolgimento del cuore e dei nervi periferici o autonomici si verifica in ritardo nel decorso della malattia.

Amiloidosi localizzata

L'amiloidosi localizzata al di fuori del cervello è più frequentemente causata da depositi di catene leggere immunoglobuline clonali e nel cervello dalla proteina beta amiloide.

I depositi localizzati di amiloide tipicamente coinvolgono le vie respiratorie e i polmoni, la vescica e gli ureteri, la cute, le mammelle e gli occhi. Raramente, altre proteine prodotte localmente causano amiloidosi, come isoforme della cheratina che possono formare depositi a livello cutaneo. Le catene leggere clonali delle immunoglobuline prodotte dal tessuto linfoide associato alle mucose nel tratto gastrointestinale, nelle vie respiratorie e nella vescica possono portare a amiloidosi primaria localizzata in tali organi.

I depositi della proteina beta amiloide nel cervello contribuiscono alla malattia di Alzheimer o all'angiopatia amiloide cerebrovascolare. Altre proteine prodotte nel sistema nervoso centrale possono malripiegarsi, aggregarsi, e danneggiare neuroni provocando malattie neurodegenerative (p. es., morbo di Parkinson, malattia di Huntington).

Sintomatologia

I sintomi e i segni di amiloidosi sistemica sono aspecifici, spesso con conseguente ritardo nella diagnosi. Il sospetto di amiloidosi deve aumentare nei pazienti con un progressivo processo di malattia multisistemica.

Depositi di amiloide renali si verificano in genere nella membrana glomerulare comportando proteinuria, ma in circa il 15% dei casi i tubuli sono colpiti, provocando azotemia con proteinuria soltanto minima. Questi processi possono progredire fino alla sindrome nefrotica con marcata ipoalbuminemia, edema, e anasarca ed a insufficienza renale terminale.

L'interessamento epatico causa epatomegalia indolore, che può essere di grado importante. Test di funzionalità epatica di solito suggeriscono colestasi intraepatica con elevazione della fosfatasi alcalina e più tardi della bilirubina, anche se l'ittero è raro. Occasionalmente, si ha ipertensione portale e, di conseguenza, varici esofagee e ascite.

Il coinvolgimento delle vie aeree porta a dispnea, respiro sibilante, emottisi, o ostruzione delle vie aeree.

L'infiltrazione del miocardio provoca una cardiomiopatia restrittiva, portando infine alla disfunzione diastolica ed all'insufficienza cardiaca; possono verificarsi blocco cardiaco o aritmia. L'ipotensione è frequente.

La neuropatia periferica, con parestesie delle dita dei piedi e delle mani, è un sintomo frequente d'esordio nelle amiloidosi primaria e amiloidosi causata dalla transitretina. La neuropatia autonomica può causare ipotensione ortostatica, disfunzione erettile, alterazione della sudorazione e disturbi della motilità gastrointestinale.

L'angiopatia cerebrovascolare amiloide è il più delle volte causa di emorragia cerebrale spontanea lobare ma alcuni pazienti hanno brevi, sintomi neurologici transitori.

L'amiloidosi gastrointestinale può causare anomalie della motilità dell'esofago e del piccolo e grande intestino. Può anche verificarsi atonia gastrica, malassorbimento, sanguinamento o una pseudo-ostruzione. La macroglossia è frequente nell'amiloidosi primaria.

Tessuti molli amiloidi il coinvolgimento è caratteristicamente precedente all'espressione clinica della cardiomiopatia amiloide da amiloidosi causata da transitetrina variante wild type. Le manifestazioni della malattia amiloide dei tessuti molli comprendono la sindrome del tunnel carpale, il dito a scatto, la rottura del tendine bicipitale e la stenosi spinale.

L'amiloidosi della tiroide può causare un gozzo fermo, simmetrico, non dolente simile a quello trovato nella tiroidite di Hashimoto. Possono anche verificarsi altre endocrinopatie.

L'interessamento polmonare (soprattutto nell'amiloidosi primaria) può essere caratterizzato da noduli polmonari focali, lesioni tracheobronchiali o da depositi alveolari diffusi.

L'opacità amiloide vitreale e i margini pupillari bilaterali smerlati si sviluppano in numerose amiloidosi ereditarie.

Altre manifestazioni includono lividi, come i lividi intorno agli occhi (occhi di procione), che sono causati da depositi di amiloide nei vasi sanguigni. I depositi di amiloide causano l'indebolimento dei vasi sanguigni, che possono rompersi dopo un trauma minore, come starnuti o tosse.

Diagnosi

  • Biopsia

  • Tipizzazione amiloide

  • Test per il coinvolgimento degli organi

Biopsia

La diagnosi di amiloidosi è basata sulla dimostrazione di depositi fibrillari in un organo coinvolto. L'aspirazione di grasso addominale sottocutaneo è positiva in circa l'80% dei pazienti con amiloidosi primaria, nel 50% nell'amiloidosi familiare ma meno del 25% nei pazienti con amiloidosi causata da transitetrina wild type. Se il risultato della biopsia del tessuto adiposo è negativo allora si dovrà bioptizzare l'organo clinicamente coinvolto. La sensibilità diagnostica delle biopsie renali e cardiache è quasi del 100% quando questi organi sono clinicamente coinvolti. Le sezioni di tessuto vengono colorate con rosso Congo e osservate con un microscopio a luce polarizzata per ricercare la caratteristica birifrangenza. Fibrille nonbranching di 10 nm possono anche essere riconosciute mediante microscopia elettronica su campioni bioptici di cuore o di rene.

Tipizzazione amiloide

Dopo che l'amiloidosi è stata confermata dalla biopsia, il tipo è determinato utilizzando una varietà di tecniche. Per alcuni tipi di amiloidosi, l'immunoistochimica o l'immunofluorescenza possono essere diagnostiche, ma possono verificarsi anche falsi positivi. Altre tecniche utili includono il sequenziamento del gene per l'amiloidosi familiare, e l'identificazione biochimica mediante spettrometria di massa (il metodo più sensibile e specifico).

Se si sospetta amiloidosi primaria, i pazienti devono essere valutati per una malattia delle plasmacellule sottostante usando misurazione quantitativa nel siero delle catene leggere delle immunoglobuline, e rilevazione qualitativa nel siero o nelle urine di catene leggere monoclonali utilizzando immunofissazione (elettroforesi delle proteine nel siero e nelle urine non sono test sensibili nei pazienti con amiloidosi primaria), e una biopsia del midollo osseo con la citometria a flusso o immunoistochimica per stabilire clonalità delle plasmacellule.

I pazienti con plasmacellule clonali > 10% devono essere testati per verificare se soddisfano i criteri per il mieloma multiplo, incluso screening per lesioni ossee litiche, anemia, insufficienza renale, e ipercalcemia.

Coinvolgimento degli organi

I pazienti sono sottoposti a screening per il coinvolgimento degli organi che inizia con test non invasivi:

  • Reni: elettroliti sierici ed esame dell'urine, azotemia e creatinina

  • Fegato: test di funzionalità epatica

  • Polmoni: RX torace, TC del torace e/o test di funzionalità polmonare

  • Cuore: elettrocardiogramma e misura dei biomarcatori come il peptide natriuretico cerebrale o del N-terminal-pro-BNP (NT-proBNP) e della troponina

Si può sospettare il coinvolgimento cardiaco dal basso voltaggio all'ECG (causato da un ventricolo infiltrato), e/o da aritmie. Se si sospetta un coinvolgimento cardiaco a causa dei sintomi, un ECG, o i biomarker cardiaci, l'ecocardiografia sono utili per valutare la funzione diastolica e sistolica ed un eventuale ipertrofia biventricolare. Nei casi ambigui, la RM cardiaca può rilevare ritardata captazione subendocardica del gadolinio, un reperto caratteristico. I progressi nelle scansioni nucleari cardiache con tecnezio pirofosfato hanno migliorato il rilevamento della malattia cardiaca amiloide da accumulo di transtiretrina possono evitare la necessità di biopsie cardiache a condizione che gli esami del sangue escludano l'amiloidosi da catene leggere (1, 2).

Riferimenti di diagnosi

Prognosi

La prognosi dipende dal tipo di amiloidosi e dagli apparati interessati ma, con la terapia e le cure specifiche ed appropriate, molti pazienti hanno un'aspettativa di vita eccellente.

L'amiloidosi primaria complicata da grave cardiomiopatia ha la prognosi più severa, con una sopravvivenza media < 1 anno. Nei casi di amiloidosi causata dalla transitretina non trattati di solito si arriva alla patologia cardiaca e neurologica terminale nell'arco di 5-15 anni. L'amiloidosi causata da transitetrina wild type ha tipicamente la più lenta progressione rispetto alle altre forme di amiloidosi sistemica che coinvolgono il cuore; tuttavia, i pazienti con amiloidosi causata da transitetrina wild type passano a insufficienza cardiaca sintomatica e decedono entro una media di 4 anni dalla diagnosi bioptica.

La prognosi dell'amiloidosi secondaria dipende in gran parte dall'efficacia del trattamento del disturbo sottostante infettivo, infiammatorio o neoplastico.

Trattamento

  • Terapia di supporto

  • Trattamento per il tipo-specifico

Attualmente, ci sono trattamenti specifici per la maggior parte delle forme di amiloidosi, anche se alcune terapie sono in fase di sperimentazione. Per tutte le forme di amiloidosi sistemica, misure di supporto possono aiutare ad alleviare i sintomi e a migliorare la qualità della vita.

Terapia di supporto

Le misure di supporto sono rivolte al sistema di organo colpito:

  • Renale: i pazienti con sindrome nefrotica e edema devono essere trattati con sale e restrizione dei liquidi, e diuretici; a causa della perdita di proteine in corso, l'assunzione di proteine non deve essere limitata. Il trapianto di rene è un'opzione quando il processo patologico sotteso di base è controllato, e in grado di fornire la sopravvivenza a lungo termine paragonabile a quello di altre malattie renali.

  • Cardiaco: i pazienti con cardiomiopatia devono essere trattati con sale, restrizione dei liquidi e diuretici dell'ansa. Altri farmaci per l'insufficienza cardiaca, tra cui digossina, ACE-inibitori, calcio-antagonisti, e beta-bloccanti sono mal tollerati e controindicati. Il trapianto di cuore ha avuto successo in pazienti accuratamente selezionati con amiloidosi primaria o amiloidosi causata dalla transitretina e grave coinvolgimento cardiaco. Per prevenire recidive nel cuore trapiantato, i pazienti con amiloidosi primaria devono essere sottoposti a chemioterapia aggressiva diretta al disturbo clonale delle plasmacellule e i pazienti con polineuropatia o cardiomiopatia amiloide sintomatica legata alla transtiretina devono essere valutati per avviare terapie antitranstiretina.

  • Gastrointestinale: i pazienti con diarrea possono beneficiare di loperamide. Quelli con sazietà precoce e ritenzione gastrica possono beneficiare di metoclopramide.

  • Sistema nervoso: nei pazienti con neuropatia periferica, gabapentin, pregabalin o duloxetina possono alleviare il dolore.

L'ipotensione ortostatica spesso migliora con alte dosi di midodrina; questo farmaco può causare ritenzione urinaria nei maschi più anziani, ma la complicanza farmacologica dell'ipertensione supina è raramente un problema in questa popolazione. Anche le calze elastiche possono aiutare, e il fludrocortisone in pazienti senza edema periferico, anasarca, o insufficienza cardiaca.

Amiloidosi primaria

Per l'amiloidosi primaria:

  • Il tempestivo inizio della terapia cellulare è essenziale per preservare la funzione degli organi e prolungare la vita.

La maggior parte dei farmaci utilizzati per il mieloma multiplo è stata utilizzata per l'amiloidosi primaria; la scelta del farmaco, la dose, e il calendario spesso devono essere modificati quando la funzione di alcuni organi è compromessa.

La chemioterapia con un agente alchilante (p. es., melfalan, ciclofosfamide) in combinazione con corticosteroidi è stato il primo regime a dimostrare qualche beneficio. Alte dosi di melfalan EV, in combinazione con il trapianto autologo di cellule staminali, possono essere molto efficaci in pazienti selezionati (1).

Anche l'inibitore del proteasoma bortezomib e immunomodulanti (p. es., lenalidomide) possono risultare efficaci. La combinazione e i regimi sequenziali sono oggetto di indagine.

L'amiloidosi primaria localizzata può essere trattata con radioterapia a basso dosaggio in quanto le plasmacellule sono altamente radiosensibili.

Amiloidosi da accumulo di transtiretina

Per l'amiloidosi da accumulo di transtiretina:

  • Trapianto di fegato

  • Farmaci stabilizzatori del tetramero

  • Farmaci per il silenziamento genico

Il trapianto di fegato, che sostituisce la sede epatica di produzione della proteina mutante con una che produce normale transitretina, può essere efficace soprattutto in alcune mutazioni della TTR se eseguito all'esordio della malattia (neuropatia precoce e senza coinvolgimento cardiaco). Quando effettuato più tardi nel corso della malattia, dopo che si è verificata una significativa deposizione di amiloide nel cuore e nei nervi, il trapianto di fegato spesso si traduce in una cardiomiopatia e neuropatia amiloide progressiva a causa dell'errato ripiegamento e del deposito di trantiretrina wild-type su depositi di amiloide preesistenti.

Numerosi farmaci hanno dimostrato di stabilizzare i tetrameri di transitetrina che circola nel plasma, evitando il malripiegamento della transitetrina e la formazione di fibrille e quindi inibendo la progressione della malattia neurologica, preservando la qualità della vita. Questi stabilizzatori della transitetrina includono diflunisal, un farmaco antinfiammatorio generico ampiamente disponibile, e tafamidis (2, 3).

Il silenziamento del gene TTR, utilizzando RNA anti-senso o "RNA interference" per bloccare la traduzione del TTR in mRNA, riduce efficacemente i livelli sierici di transitetrina e migliora gli esiti neurologici in circa il 70% dei pazienti, e sembra capace di riparare i nervi lesi in alcuni pazienti (4, 5). Due farmaci per il silenziamento genico, patisiran e inotersen, sono disponibili.

Amiloidosi causata da transitetrina wild type

Per l'amiloidosi causata da transitetrina wild type:

  • Farmaci stabilizzatori del tetramero

La stabilizzazione della transtiretina utilizzando il tafamidis, in pazienti con cardiomiopatia amiloide legata alla transtiretina, ha dimostrato di ridurre la mortalità per tutte le cause e le ospedalizzazioni per cause cardiovascolari (3).

A differenza dell'amiloidosi legata alla transitiretina ereditaria, il trapianto di fegato non è efficace per i pazienti con amiloidosi causata da transtiretina wild type perché la proteina amiloidogenica wild type è un transtiretina strutturalmente normale.

Amiloidosi secondaria

Nell'amiloidosi AA causata da febbre familiare mediterranea, la colchicina 0,6 mg per via orale 1 o 2 volte/die è efficace.

Per altri tipi di amiloidosi secondaria, il trattamento è diretto all'infezione sottostante, alla malattia infiammatoria, o al cancro.

I farmaci anti-IL1, anti-IL6 e anti-TNF possono essere usati per interrompere i segnali indotti dalle citochine, diminuendo il processo infiammatorio che guida la produzione epatica di siero amiloide A.

Riferimenti relativi al trattamento

Punti chiave

  • L'amiloidosi è un gruppo di malattie in cui alcune proteine mal ripiegate si aggregano in fibrille insolubili che si depositano all'interno di organi, causando disfunzioni.

  • Molte proteine differenti sono inclini al malripiegamento; alcune di queste proteine sono prodotte da un difetto genetico o da determinate patologie, mentre altre sono catene leggere di immunoglobuline prodotte da plasmacellule monoclonali o da altre malattie linfoproliferative a cellule B.

  • La proteina amiloidogenica determina il tipo di amiloide e il decorso clinico della malattia, anche se le manifestazioni cliniche dei diversi tipi possono sovrapporsi.

  • Molti organi possono essere colpiti, ma il coinvolgimento cardiaco comporta una prognosi particolarmente nefasta; la cardiomiopatia da amiloidosi comporta normalmente disfunzione diastolica, insufficienza cardiaca e blocco cardiaco e/o aritmia.

  • La diagnosi è con biopsia; il tipo di amiloidosi è determinato da una serie di test immunologici, genetici e biochimici. La spettrometria di massa è il metodo più sensibile e specifico per la tipizzazione dell'amiloide.

  • Un'adeguata terapia di supporto aiuterà ad alleviare i sintomi e a migliorare la qualità della vita; il trapianto di organi può aiutare in pazienti selezionati.

  • Trattare il processo sottostante; per l'amiloidosi primaria causata da plasmacellule o per le malattie linfoproliferative, la chemioterapia può essere molto efficace; per l'amiloidosi secondaria, i farmaci antinfiammatori e gli antibiotici possono risultare utili.

  • Per l'amiloidosi da transtiretina ereditaria, le terapie stabilizzanti a piccole molecole e i farmaci di silenziamento genico inibiscono o potenzialmente invertono il deterioramento neurologico; per i pazienti con cardiomiopatia amiloide (ereditaria o wild type), il tafamidis riduce la mortalità per tutte le cause e i ricoveri per malattie cardiovascolari.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema endocrino maschile
Modello 3D
Sistema endocrino maschile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE