Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Occlusione della vena centrale della retina o di branca

(Occlusione venosa retinica)

Di

Sonia Mehta

, MD, Vitreoretinal Diseases and Surgery Service, Wills Eye Hospital, Sidney Kimmel Medical College at Thomas Jefferson University

Ultima modifica dei contenuti giu 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

L'occlusione della vena centrale della retina consiste in un arresto di flusso ematico all'interno della vena causato da un trombo. Provoca perdita indolore della funzione visiva, di grado da lieve a grave, e solitamente si verifica improvvisamente. La diagnosi si basa sull'esame del fondo oculare. I trattamenti possono includere farmaci antagonisti del fattore di crescita endoteliale vascolare (p. es., ranibizumab, pegaptanib, bevacizumab), iniezione intraoculare di un sistema di rilascio prolungato di desametasone o di triamcinolone e fotocoagulazione laser.

Eziologia

I principali fattori di rischio comprendono

Altri fattori di rischio comprendono

L'occlusione può anche essere idiopatica. La malattia è rara tra i soggetti giovani. L'occlusione può colpire un ramo della vena retinica o la vena retinica centrale.

Entro settimane o mesi dall'occlusione della vena centrale della retina, si può verificare in circa il 16% dei pazienti una neovascolarizzazione (anomala formazione di nuovi vasi) della retina o dell'iride (rubeosis iridis) con conseguente glaucoma secondario (neovascolare). L'emorragia vitreale può derivare da una neovascolarizzazione retinica.

Sintomatologia

La perdita della funzione visiva è solitamente indolore, ma può anche insorgere gradualmente nell'arco di giorni o settimane. L'esame del fondo oculare rivela emorragie intraretiniche, vene retiniche congeste (dilatate) e tortuose, e, solitamente, significativo edema retinico. Queste alterazioni sono tipicamente diffuse se l'occlusione interessa la vena centrale della retina e sono invece limitate a un quadrante se l'ostruzione coinvolge solo un ramo della vena centrale della retina.

Diagnosi

  • Esame del fondo oculare

  • Fotografia a colori del fondo oculare

  • Fluorangiografia

  • Tomografia a coerenza ottica

Si pone il sospetto diagnostico nei pazienti con perdita indolore improvvisa della funzione visiva, in particolare nei soggetti con fattori di rischio. Esame del fondo oculare, fotografie a colori e fluorangiografia confermano la diagnosi. La tomografia a coerenza ottica è usata per determinare il grado di edema maculare e la sua risposta al trattamento. Nei pazienti con occlusione venosa retinica centrale si ricerca l'eventuale presenza di ipertensione, glaucoma e diabete. Nei pazienti giovani si valuta la presenza di una maggiore viscosità ematica (con emocromo con formula e fattori della coagulazione se necessario).

Prognosi

La maggior parte dei pazienti ha un deficit visivo. Nei casi lievi ci può essere un miglioramento spontaneo fino al recupero di una funzione visiva quasi normale in un periodo di tempo variabile. L'acuità visiva all'esordio è un buon indicatore della funzione visiva finale. Se l'acuità visiva è almeno 20/40, verosimilmente resterà buona e talora quasi normale. Se l'acuità visiva è inferiore a 20/200, si manterrà tale o peggiorerà ulteriormente nell'80% dei pazienti. Le occlusioni della vena centrale della retina si ripresentano raramente.

Trattamento

  • Per l'edema maculare, iniezione intraoculare di farmaci antagonisti del fattore di crescita endoteliale vascolare (anti-fattore di crescita vascolare endoteliale [anti-VEGF]), sistemi di rilascio di desametasone e/o di triamcinolone acetonide

  • Per alcuni casi di edema maculare con occlusione venosa retinica di branca, fotocoagulazione laser focale

  • Fotocoagulazione laser panretinica in caso si sviluppi una neovascolarizzazione

Trattamento per occlusione venosa retinica di branca con edema maculare che coinvolge la fovea sono di solito l'iniezione intraoculare di un farmaco anti-fattore di crescita vascolare endoteliale (anti-VEGF) (p. es., ranibizumab, aflibercept o bevacizumab) o l'iniezione intraoculare di triamcinolone o un sistema a lento rilascio di desametasone. Questi trattamenti possono anche essere usati per trattare l'occlusione venosa retinica centrale in pazienti con edema maculare. Con questi trattamenti, la vista migliora significativamente nel 30-40% dei pazienti.

La fotocoagulazione laser focale può essere utilizzata per l'occlusione venosa retinica di branca con edema maculare ma è meno efficace dell'iniezione intraoculare di un farmaco anti-fattore di crescita vascolare endoteliale (anti-VEGF) o di un sistema di rilascio di desametasone. La fotocoagulazione laser focale non è generalmente efficace per il trattamento dell'edema maculare dovuto a un'occlusione venosa retinica centrale.

Se si sviluppa una neovascolarizzazione retinica o del segmento anteriore secondaria all'occlusione venosa retinica centrale o di branca, deve essere eseguita prontamente una fotocoagulazione laser panretinica per ridurre il rischio di emorragia vitreale e per prevenire il glaucoma neovascolare.

Punti chiave

  • L'occlusione venosa retinica consiste in un arresto del flusso ematico causato da un trombo.

  • I pazienti subiscono una perdita indolore della vista, che è in genere improvvisa e può avere fattori di rischio (p. es., età avanzata, ipertensione).

  • L'esame del fondo oculare tipicamente dimostra edema maculare con vene dilatate ed emorragie; test aggiuntivi includono fotografie a colori del fondo oculare, fluorangiografia e tomografia a coerenza ottica.

  • Trattare i pazienti che hanno edema maculare con iniezione intraoculare di un farmaco anti-fattore di crescita vascolare endoteliale (anti-VEGF) (ranibizumab, aflibercept o bevacizumab) o iniezione intraoculare di un sistema di rilascio di desametasone o triamcinolone.

  • La fotocoagulazione laser focale è utile in alcuni casi di edema maculare secondario a occlusione venosa retinica di branca, e la fotocoagulazione laser panretinica deve essere eseguita in caso di neovascolarizzazione retinica o del segmento anteriore.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire la cantotomia laterale
Video
Come eseguire la cantotomia laterale
Glaucoma
Video
Glaucoma
All'interno dell'occhio ci sono due camere piene di liquido. Il fluido intraoculare, o liquido...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE