Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Sindrome X (angina microvascolare)

Di

Ranya N. Sweis

, MD, MS,

  • Assistant Professor of Medicine-Cardiology
  • Northwestern University Feinberg School of Medicine
;


Arif Jivan

, MD, PhD,

  • Division of Cardiology
  • Northwestern University Feinberg School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti dic 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

La sindrome X è una disfunzione o una costrizione del microcircolo cardiaco che causa angina nei pazienti con coronarie epicardiche normali all'angiografia.

I pazienti con sindrome di X cardiaca hanno

  • Angina tipica che è alleviata dal riposo o da nitroglicerina

  • Coronarie normali all'angiografia (p. es., non aterosclerosi, emboli o spasmo arterioso inducibile)

In alcuni di questi pazienti durante i test da sforzo viene rilevata un'ischemia; in altri no. In alcuni pazienti la causa dell'ischemia sembra essere una costrizione coronarica intramiocardica riflessa e una ridotta riserva di flusso coronarico. Altri pazienti hanno una disfunzione microvascolare intramiocardica: i vasi anomali non si dilatano in risposta all'esercizio o ad altri eventi stressanti il sistema cardiovascolare; può esservi anche un'aumentata sensibilità al dolore cardiaco.

Questa malattia non deve essere confusa con l'angina variante dovuta allo spasmo delle coronarie epicardiche oppure con un'altra patologia definita anche sindrome X, che si riferisce alla sindrome metabolica.

La prognosi è migliore che per i pazienti con malattia coronarica arteriosa dimostrabile, sebbene i sintomi di ischemia possano ricorrere per anni.

Il cardine del trattamento si basa sul controllo dei fattori di rischio associati alla terapia ipolipemizzante e al controllo glicemico. In molti pazienti, il tradizionale trattamento anti-ischemico, compresi i beta-bloccanti e i bloccanti dei canali del calcio, aiuta ad alleviare i sintomi (1).

Riferimento generale

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE