Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Componenti protesiche

Di

Jan J. Stokosa

, CP,

  • Stokosa Prosthetic Clinic
  • American Prosthetics Institute, Ltd

Ultima modifica dei contenuti ago 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Una protesi dell'arto ha 3 parti principali:

  • Interfaccia

  • Componenti strutturali

  • Copertura

Interfaccia tra arto residuo e protesi

La protesi si attacca al corpo attraverso il contatto diretto con la pelle, o tramite un'interfaccia a cuscinetto in vari materiali viscoelastici sottili, indossata sopra l'arto residuo.

Un'interfaccia con cuscinetto in gel si indossa sopra l'arto residuo (moncone) per provvedere alla protezione della pelle e modulare e distribuire più uniformemente la pressione. Le interfacce personalizzate possono essere necessarie per l'adattamento ai contorni irregolari del moncone (p. es., cicatrici profonde, ossa appuntite, ustioni). Idealmente, i pazienti devono avere 2 interfacce identiche per ciascuna protesi in modo che possano essere alternate giorno per giorno, il che le aiuta a mantenere la loro elasticità e forma e le fa durare più a lungo. Tipicamente, si raccomanda la sostituzione delle interfacce ogni 6 mesi e, per i pazienti molto attivi, ogni 4 mesi.

La calza protesica può essere indossata con o senza un rivestimento fatto di gel. Le imbottiture sono fatte di lana, nylon, o fibre sintetiche, a volte con del gel interposto tra gli strati di tessuto. Sono disponibili diverse misure e strati. Le calze protesiche si utilizzano per gestire le variazioni di volume durante il giorno, causate da atrofia muscolare, condizioni meteorologiche o attività. Quando il paziente non riesce a mantenere un'adattabilità confortevole e stabile con l'uso di calze compressive, il protesista effettuerà le regolazioni dell'invaso in base alle misurazioni del volume e alle variazioni della forma muscolare.

Il sistema integrato di fissaggio a sospensione, che può far parte dell'interfaccia del cuscinetto, viene utilizzato per mantenere salda la protesi. I sistemi di fissaggio a sospensione più usati sono i seguenti:

  • Vuoto: una pompa a vuoto elettrica o meccanica rimuove l'aria dall'invaso. Questo è il metodo più efficace per mantenere una protesi dell'arto residuo, e fornisce anche una maggiore stabilizzazione del volume del liquido nell'arto residuo.

  • Aspirazione: quando l'arto residuo viene inserito nella presa, l'aria viene espulsa attraverso una valvola di espulsione a una via sul fondo della presa, che si traduce in un'aspirazione che mantiene la protesi in posizione.

  • Interfaccia con perno di bloccaggio: un'interfaccia a cuscinetto, con un perno di sospensione integrato nella parte inferiore, viene inserita in un meccanismo di bloccaggio incorporato nella parte inferiore dell'invaso di plastica. Un pulsante di rilascio sgancia il perno per rimuovere la protesi.

  • Cinture e cinghie: a volte la protesi viene fissata da una cintura e/o una cinghia, se mantenere la protesi con la ventosa o il perno di bloccaggio è difficile o non può essere tollerato.

Componenti strutturali di una protesi dell'arto

Una protesi è compresa di

  • Invaso (rivestimento di plastica in cui è contenuto l'arto residuo), che è la componente più importante perché supporta il corpo e trasmette all'arto residuo tutta la pressione e le forze associate durante la deambulazione

  • Appendici (p. es., mano, piede) e articolazioni (p. es., polso, gomito, spalla, caviglia, ginocchio, anca)

  • Moduli di collegamento che connettono le appendici e le articolazioni all'invaso

Sono disponibili componenti avanzate. Per gli arti inferiori, le caviglie e le ginocchia controllate da microprocessore possono fornire maggiore sicurezza, stabilità, riduzione del dispendio energetico e minore stress alle articolazioni prossimali e alla colonna vertebrale. Le protesi mioelettriche dell'arto superiore utilizzano i segnali elettrici naturali dei muscoli di una persona; gli elettrodi di rilevamento incorporati nell'invaso della protesi sopra i muscoli attivi rilevano l'attività muscolare e trasmettono segnali che agiscono sulla protesi della mano, del polso e/o del gomito. Non sono necessari altri movimenti del corpo. Al contrario, la protesi dell'arto superiore ad energia corporea richiede una spalla e un braccio completamente funzionanti, perché prevede una fascia elastica intorno e sotto all'ascella opposta. La cinghia è collegata alla protesi della mano o all'uncino tramite un cavo. Il movimento della spalla opposta allunga il sistema di cinghie/cavi e, quindi, apre o chiude la mano o l'uncino.

Copertura e aspetto di una protesi dell'arto

Alcuni pazienti scelgono di far apparire la loro protesi anatomicamente naturale. Ciò si ottiene applicando e modellando un materiale soffice in schiuma, di consistenza uguale al tessuto muscolare e sottocutaneo, sulle parti in plastica e metalliche. Questo materiale può ridurre i danni agli indumenti e può essere modellato per adattarsi all'arto controlaterale del paziente.

Sulla forma anatomica si può applicare una pelle sintetica che corrisponda al tono della pelle del paziente.

Alcuni amputati, in particolare gli atleti durante la competizione, preferiscono eliminare la forma anatomica e la pelle e lasciare scoperte le componenti in plastica e metallo.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE