Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Ordine di non rianimare e disposizioni mediche per il rifiuto dei trattamenti

Di

Charles Sabatino

, JD, American Bar Association

Ultima modifica dei contenuti mag 2021
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

L'ordine di non rianimare posto in una cartella clinica del paziente, da un medico, informa il personale medico che la rianimazione cardiopolmonare Rianimazione cardiopolmonare negli adulti La rianimazione cardiopolmonare è una risposta organizzata e sequenziale all'arresto cardiaco che comprende Riconoscimento dell'assenza di respiro spontaneo e di polso Supporto vitale di base... maggiori informazioni non va effettuata in caso di arresto cardiaco. Questo ordine è indispensabile per prevenire inutili e indesiderati trattamenti terminali invasivi.

Come parte della pianificazione delle cure per i pazienti gravemente malati, i medici devono discutere con i pazienti la possibilità di arresto cardiopolmonare alla luce delle loro condizioni mediche immediate, descrivono le procedure di rianimazione cardiopolmonare e i risultati probabili e chiedono ai pazienti le preferenze di trattamento. Se il paziente non è in grado di prendere decisioni relativamente alla rianimazione cardiopolmonare, un sostituto delegato può prendere la decisione in base alle preferenze precedentemente espresse dal paziente o, se tali preferenze non sono note, in accordo con il suo migliore interesse.

Il testamento biologico ed i poteri durevole del rappresentante legale per l'assistenza sanitaria non sono in genere disponibili in situazioni di emergenza e, quindi, possono essere inefficaci. Inoltre, i primi soccorritori sono quasi sempre tenuti ad avviare il supporto vitale a meno che non sia in atto e presentato loro un ordine di non rianimare o un modulo POLST valido. Tutti gli stati hanno protocolli dell'ordine di non rianimare specializzati o un programma di disposizioni mediche per il rifiuto dei trattamenti Disposizioni mediche per il rifiuto dei trattamenti L'ordine di non rianimare posto in una cartella clinica del paziente, da un medico, informa il personale medico che la rianimazione cardiopolmonare non va effettuata in caso di arresto cardiaco... maggiori informazioni per i pazienti che vivono in casa o in qualsiasi ambiente non ospedaliero. I protocolli richiedono tipicamente la firma di un ordine di non rianimare esterno all'ospedale, sia del medico che del paziente (o del delegato del paziente) e l'uso di uno speciale identificatore (p. es., un bracciale o altro oggetto di forma colorata e brillante) che è indossato dallo stesso o conservato vicino al paziente. Se il personale medico di emergenza è chiamato in caso di emergenza e rileva la presenza di un identificatore intatto, fornirà unicamente assistenza sintomatica e non tenterà la rianimazione.

Disposizioni mediche per il rifiuto dei trattamenti

La maggior parte degli Stati hanno adottato, o sono in procinto di adottare, una qualche versione di un programma chiamato comunemente ordini e disposizioni mediche per il rifiuto dei trattamenti. Altri nomi di questi programmi sono i seguenti: Medical Orders for Life-Sustaining Treatment (MOLST), Physician Orders for Scope of Treatment (POST), Medical Orders for Scope of Treatment (MOST), Clinical Orders for Life-Sustaining Treatment (COLST), e Transportable Physician Orders for Patient Preferences (TPOPP). I programmi seguono un paradigma comune, ma hanno diverse forme e politiche. Il criterio più comune per qualificare una malattia avanzata in questi programmi è la consapevolezza per il medico di supporre che il paziente potrebbe morire entro il prossimo anno o i prossimi due.

Il processo di prescrizione medica di supporto per la vita è avviato da fornitori di assistenza sanitaria attraverso discussioni con il paziente o con un tutore delle condizioni attuali del paziente e degli obiettivi dell'assistenza. Si traduce in una serie di ordini medici che vengono declinati in tutti gli ambienti decisionali sanitari e tratta della rianimazione cardiopolmonare, insieme con gli obiettivi generali del trattamento (solo assistenza sintomatica, trattamenti curativi completi o trattamenti limitati tra queste due ultime opzioni) e di solito altre decisioni di terapia intensiva, come per esempio l'uso di nutrizione e di idratazione artificiali. Questi programmi possono aiutare i medici a onorare meglio i desideri dei loro pazienti per quanto riguarda gli obiettivi di trattamento e contribuire a garantire la continuità attraverso gli ambiti di cura.

Il processo degli ordini e disposizioni mediche per il rifiuto dei trattamenti e programmi similari non esistono in ogni stato o comunità, ma il loro sviluppo si sta diffondendo rapidamente. Un'organizzazione nazionale del POLST (Orders for Life-Sustaining Treatment) offre una stanza di compensazione presso il sito www.polst.org.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

iOS ANDROID
iOS ANDROID
iOS ANDROID
PARTE SUPERIORE