Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Prevenzione delle infezioni chirurgiche

Di

Paul K. Mohabir

, MD, Stanford University School of Medicine;


André V Coombs

, MBBS, Texas Tech University Health Sciences Center

Ultima modifica dei contenuti nov 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La maggior parte delle procedure chirurgiche non richiede profilassi o antibiotici postoperatori. Tuttavia, alcuni fattori legati al paziente e alla procedura alterano il rapporto rischio/beneficio a favore dell'uso profilattico.

I fattori di rischio correlati al paziente che suggeriscono la necessità di antibiotici includono

Le procedure a più alto rischio coinvolgono aree dove è probabile l'inseminazione batterica:

  • Bocca

  • Tratto gastrointestinale

  • Tratto respiratorio

  • Tratto genitourinario

Nelle cosiddette procedure pulite (verosimilmente sterili), la profilassi è generalmente vantaggiosa solo quando viene impiantato materiale protesico o dispositivi, o quando la conseguenza dell'infezione è considerata grave (p. es., mediastinite dopo intervento di bypass coronarico).

La scelta di antibiotici si basa sulle linee guida del Surgical Care Improvement Project (SCIP) ( Gestione perioperatoria Gestione perioperatoria Il Surgical Care Improvement Project (SCIP) è stato avviato nel 2005 sulla base del Surgical Infection Prevention Project (SIP). Riconosciuto come una partnership pluriennale americana, il progetto... maggiori informazioni ). C'è una forte evidenza che standardizzando le scelte degli antibiotici e aderendo a protocolli Surgical Care Improvement Project (SCIP) o ad altri protocolli standardizzati e validati si riduce il rischio di infezione chirurgica. Alcune regioni degli Stati Uniti che hanno rispettato le linee guida Surgical Care Improvement Project (SCIP) sono state in grado di ridurre le infezioni del sito chirurgico del 25% tra il 2006 e il 2010. La scelta dei farmaci si basa sull'attività del farmaco contro i batteri che hanno un numero maggiore di probabilità di contaminare la ferita durante una specifica procedura ( Trattamenti antibiotici per certe procedure chirurgiche Trattamenti antibiotici per certe procedure chirurgiche  Trattamenti antibiotici per certe procedure chirurgiche ). L'antibiotico viene somministrato 1 h prima dell'incisione chirurgica (2 h per vancomicina e fluorochinoloni). Gli antibiotici possono essere somministrati per via orale o EV a seconda del tipo di intervento. Per la maggior parte delle cefalosporine, viene somministrata un'altra dose se la procedura dura > 4 h. Per le procedure pulite, non sono necessarie ulteriori dosi, ma, per altri casi, non è chiaro se ulteriori dosi portino benefici. La somministrazione di antibiotici viene continuata per > 24 h nel postoperatorio solo quando viene individuata un'infezione attiva durante la procedura chirurgica; gli antibiotici vanno quindi considerati come trattamento e non come profilassi.

Il Center for Disease Control ha pubblicato guidelines per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico che valutano le misure antisettiche topiche e non farmacologiche (p. es., il bagno, i sigillanti, l'irrigazione, la profilassi dei dispositivi protesici).

Tabella
icon

Per ulteriori informazioni

Le seguenti risorse in lingua inglese possono essere utili. Si noti che il Manuale non è responsabile per il contenuto di queste risorse.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

iOS ANDROID
iOS ANDROID
iOS ANDROID
PARTE SUPERIORE