Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Trombi post-partum

Di

Julie S. Moldenhauer

, MD, Children's Hospital of Philadelphia

Ultima revisione/verifica completa giu 2018| Ultima modifica dei contenuti giu 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve

Il rischio di sviluppare coaguli di sangue (tromboflebite) aumenta per 6-8 settimane dopo il parto ( Disturbi tromboembolici durante la gravidanza). Generalmente, i trombi si formano nelle vene profonde degli arti inferiori o nella pelvi (un disturbo chiamato trombosi venosa profonda).

Talvolta uno di questi coaguli di sangue si libera ed entra nel torrente ematico, raggiunge i polmoni, dove si ferma all’interno di un vaso sanguigno polmonare, ostruendo il flusso sanguigno. Questa ostruzione è chiamata embolia polmonare.

I trombi possono anche formarsi nelle vene sottocutanee delle gambe. Questa condizione viene detta trombosi venosa superficiale (tromboflebite superficiale).

Sintomi

La comparsa di febbre dopo il parto può essere provocata da una trombosi venosa.

Quando un coagulo si forma in una vena di una gamba, la parte della gamba interessata, di solito il polpaccio, può dolere, risultare sensibile al tatto, calda e gonfia. Un trombo nella pelvi può essere asintomatico.

Il primo segno di embolia polmonare è il respiro affannoso.

Diagnosi

  • Per la trombosi venosa profonda, ecografia

  • Per l’embolia polmonare, tomografia computerizzata

I coaguli di sangue superficiali sono solitamente diagnosticati mediante a un esame obiettivo.

Di solito la diagnosi di trombosi venosa profonda si basa sui risultati dell’ecografia. A volte si esegue un esame del sangue specifico per la rilevazione dei livelli di D-dimero (una sostanza che viene rilasciata dai coaguli di sangue).

In caso di sospetta embolia polmonare, viene eseguita una tomografia computerizzata (TC) del torace dopo aver iniettato un mezzo di contrasto radiopaco in una vena. Il mezzo di contrasto facilita l’individuazione dell’ostruzione.

Trattamento

  • Per i trombi superficiali, impacchi caldi, bendaggi compressivi e sollevamento dell’arto

  • Per la trombosi venosa profonda o l’embolia polmonare, farmaci

Il trattamento di un coagulo di sangue superficiale nella gamba prevede l’uso di impacchi caldi (per ridurre il fastidio), bendaggi compressivi applicati dal medico o da un infermiere e, durante il riposo, sollevamento della gamba colpita (ad esempio, innalzando la parte terminale del letto di 15 cm). Raramente, quando i coaguli superficiali sono estesi, le donne ricevono farmaci che rendono la coagulazione del sangue meno probabile (anticoagulanti), talvolta chiamati fluidificanti del sangue.

Le donne affette da trombosi venosa profonda o embolia polmonare devono assumere anticoagulanti, che rendono meno probabile la coagulazione del sangue. Talvolta viene inserito un filtro nella vena cava inferiore (la vena che trasporta il sangue dalla parte inferiore del corpo al cuore). Il filtro previene lo spostamento del coagulo dalla gamba ai polmoni. Raramente, è necessario rimuovere il coagulo chirurgicamente.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Cerotto anticoncezionale
Video
Cerotto anticoncezionale
L’apparato riproduttivo femminile comprende utero, tube di Fallopio e ovaie. Le ovaie sono...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sindrome dell’ovaio policistico
Modello 3D
Sindrome dell’ovaio policistico

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE