Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Gravidanza post-termine e postmaturità

Di

Julie S. Moldenhauer

, MD, Children's Hospital of Philadelphia

Ultima revisione/verifica completa gen 2020| Ultima modifica dei contenuti gen 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Si considera gravidanza post-termine una gravidanza che supera le 42 settimane. Nella post-maturità, la placenta non riesce a mantenere a lungo un ambiente sano per il feto a causa del prolungarsi della gravidanza.

In media, la gravidanza dura 280 giorni (40 settimane) dal primo giorno dell’ultimo ciclo mestruale. Nella maggior parte delle gravidanze che superano di poco le 41-42 settimane non si manifestano problemi. Tuttavia, superato tale temine, i problemi possono insorgere in quanto la placenta non riesce più ad apportare gli adeguati nutrienti al feto. Tale condizione è definita post-maturità.

Le gravidanze post-termine aumentano il rischio di problemi quali

  • Un travaglio difficile a causa di distocia di spalla (una spalla del feto si incastra contro l’osso pubico materno e il bambino è bloccato nel canale del parto)

  • Necessità di un parto cesareo o parto vaginale operativo (con il forcipe o una ventosa ostetrica)

  • Crescita anomala del feto (per esempio, un feto grande in modo anomalo o un feto piccolo in modo anomalo)

  • Scarsezza di liquido amniotico attorno al feto (oligoidramnios)

  • Problemi correlati all’afflusso di sangue al feto, che deprivano il feto o il neonato di ossigeno

  • Espulsione di meconio (le prime feci del feto) prima del parto

  • Neonato che ha bisogno di cure nell’unità di terapia intensiva neonatale

  • Decesso del feto o del neonato

  • Lacerazioni dell’area tra l’apertura della vagina e l’ano (perineo)

  • Eccessivo sanguinamento al momento del parto (emorragia post-partum)

Talvolta il meconio può essere inalato prima o durante il parto provocando difficoltà respiratorie nel bambino subito dopo la nascita. Il disturbo è chiamato sindrome da aspirazione del meconio.

Un feto postmaturo può presentare pelle secca e che si squama, unghie molto lunghe, una grande quantità di capelli sullo scalpo, pieghe profonde sui palmi e sulle piante dei piedi, scarso grasso corporeo e macchie verdi o gialle del meconio.

Sapevate che...

  • Se la gravidanza supera le 42 settimane, la placenta può avere dei deficit funzionali e causare problemi al feto.

In genere vengono effettuati alcuni esami a partire dalle 41 settimane per valutare il movimento e la frequenza cardiaca del feto nonché quantità di liquido amniotico (il liquido attorno al feto), che diminuisce notevolmente nelle gravidanze post-termine. Per monitorare la situazione del feto, il medico si serve di un’ecografia ed eventualmente del monitoraggio elettronico del battito cardiaco fetale.

Il travaglio viene avviato (indotto) se il feto ha problemi o se il liquido amniotico è diminuito troppo. Anche se non ci sono problemi evidenti, solitamente i medici cominciano a pensare di indurre il travaglio a 41 settimane. Di norma dopo 42 settimane il travaglio viene indotto.

Altre volte è necessario eseguire un parto cesareo.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Epidurale
Video
Epidurale
Al termine della 40^ settimana circa di gravidanza, la donna entra gradualmente nella fase...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Contenuto della pelvi femminile
Modello 3D
Contenuto della pelvi femminile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE