Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Disturbo bipolare nei bambini e negli adolescenti (malattia maniaco depressiva)

Di

Josephine Elia

, MD, Sidney Kimmel Medical College of Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa mar 2019| Ultima modifica dei contenuti mar 2019
per accedere alla Versione per i professionisti

Il disturbo bipolare (talvolta detto malattia maniaco-depressiva) è caratterizzato dall’alternanza di periodi di euforia ed eccitazione (mania) a periodi di depressione e disperazione. Tra i periodi l’umore può essere normale.

  • I bambini possono passare rapidamente dall’essere entusiasti, felici e attivi al mostrarsi depressi isolati e indolenti o pieni di rabbia e violenti.

  • I medici basano la diagnosi sui sintomi e i riscontri delle valutazioni psichiatriche.

  • La diagnosi di disturbo bipolare nei bambini piccoli è molto controversa.

  • Il trattamento può consistere in farmaci stabilizzatori dell’umore per trattare le fasi maniacali, antidepressivi per trattare la depressione e psicoterapia.

Normalmente i bambini hanno frequenti oscillazioni dell’umore e passano da uno stato d’animo gioioso e attivo alla tristezza e all’introversione. Queste oscillazioni raramente indicano un disturbo psichiatrico. Il disturbo bipolare è molto più grave dei normali cambiamenti dell’umore e le fasi durano molto più a lungo, spesso per settimane o mesi.

Il disturbo bipolare è raro nei bambini. In passato, il disturbo bipolare veniva spesso diagnosticato nei bambini piccoli (di età compresa fra i 4 e gli 11 anni) quando manifestavano irritabilità intensa parecchie volte al giorno. Ora si ritiene invece che questi bambini siano affetti da un disturbo da disregolazione dell’umore dirompente.

Il disturbo bipolare in genere inizia nella fase centrale dell’adolescenza o nella prima età adulta. Il disturbo bipolare negli adolescenti è simile al disturbo bipolare che colpisce gli adulti.

La causa è sconosciuta, ma può sussistere una predisposizione ereditaria. Potrebbero essere coinvolte anomalie chimiche nel cervello. Nei bambini che ne soffrono, lo stress può scatenare un episodio. Anche altri disturbi, come la tiroide iperattiva o il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (attention-deficit/hyperactivity disorder, ADHD), possono causare sintomi simili, lo stesso vale per alcuni farmaci e tossine ambientali (come il piombo).

Una recente ricerca indica inoltre che esiste un maggior rischio di sviluppare alcuni disturbi psicotici (in particolare il disturbo bipolare e la schizofrenia) negli adolescenti che fanno uso di prodotti a base di cannabis. Questo aumento del rischio non è spiegato da fattori genetici. Vi sono preoccupazioni intorno alla questione della recente legalizzazione della marijuana che potrebbe dare agli adolescenti (e ai rispettivi genitori) un falso senso di sicurezza circa l’uso di questo stupefacente.

Sintomi

In molti bambini, il primo sintomo consiste in uno o più episodi di depressione.

I sintomi principali sono episodi caratterizzati da sensazione di intensa euforia ed eccitazione (mania) alternati a episodi di depressione, che possono verificarsi più spesso. Il bambino può attraversare pesanti cambiamenti di umore.

Durante un episodio maniacale, il sonno è disturbato e il bambino può diventare aggressivo; può avere uno stato d’animo molto positivo o essere molto irritabile e parlare velocemente. I suoi pensieri possono accavallarsi rapidamente ed essere troppo ambiziosi o fastosi. Il bambino, ad esempio, può pensare di possedere un grande talento o di aver fatto una grande scoperta. La capacità di giudizio può essere compromessa e può accadere che l’adolescente si comporti in modo irresponsabile (ad esempio, iniziando a praticare sesso promiscuo o guidando in modo spericolato). I bambini più piccoli possono essere di pessimo umore, ma tali stati durano solo qualche minuto. Spesso l’andamento scolastico ne risente.

Durante un episodio di depressione, i bambini con disturbo bipolare, come quelli affetti da depressione, si sentono eccessivamente tristi e perdono interesse nelle solite attività. Possono pensare e muoversi con lentezza e dormire più del solito. Possono sentirsi senza speranza e colpevoli.

I bambini con disturbo bipolare sembrano normali nei periodi tra gli episodi, a differenza dei bambini con ADHD, che sono in uno stato costante di iperattività.

Spesso i sintomi insorgono con gradualità. Prima che il disturbo si sviluppi, comunque, il bambino solitamente si dimostra molto capriccioso e difficile da gestire.

Diagnosi

  • Sintomi

  • Esami per individuare eventuali altre cause

I medici basano la diagnosi del disturbo bipolare sulla descrizione degli episodi tipici da parte del bambino e dei genitori. Si tenta di stabilire se l’episodio sia stato scatenato da qualcosa, come uno stress intenso.

È importante distinguere il disturbo bipolare da altri disturbi. Sia il disturbo bipolare (in un episodio maniacale) che l’ADHD, ad esempio, possono rendere il bambino iperattivo; i medici, tuttavia, riescono a distinguere i due disturbi perché la maggior parte dei bambini con ADHD, diversamente da quelli con disturbo bipolare, non hanno pesanti cambiamenti di umore.

I medici verificano se il bambino sta assumendo farmaci che potrebbero contribuire alla sintomatologia. Possono anche indagare sintomi di altri disturbi che possono contribuire o indurre la sintomatologia. Ad esempio, possono effettuare analisi del sangue per indagare un ipertiroidismo.

Trattamento

  • Farmaci stabilizzatori dell’umore e antidepressivi

  • Psicoterapia

Nel disturbo bipolare gli episodi maniacali e di agitazione sono trattati con farmaci per la stabilizzazione dell’umore. I farmaci per la stabilizzazione dell’umore includono

  • Litio

  • Farmaci antipsicotici che stabilizzano l’umore (come aripiprazolo, quetiapina e risperidone)

  • Anticonvulsivanti che stabilizzano l’umore (come carbamazepina e valproato).

Gli episodi depressivi sono trattati con la psicoterapia e gli antidepressivi. Gli antidepressivi possono scatenare il passaggio dalla depressione alla mania, quindi solitamente vengono utilizzati insieme a un farmaco stabilizzatore dell’umore.

La psicoterapia individuale e familiare aiuta i bambini e le famiglie a far fronte alle conseguenze del disturbo. La psicoterapia può aiutare gli adolescenti a seguire il regime farmaceutico, nel caso non siano inclini a farlo. Se gli adolescenti presentano sintomi da lievi a moderati e seguono il proprio regime farmacologico, di solito stanno bene.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Vaccinazioni infantili
Quale dei seguenti è un altro termine per la vaccinazione?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE